Gli abusi edilizi in parziale difformità dal titolo
ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> PARZIALE DIFFORMITÀ

Il concetto di parziale difformità presuppone che un determinato intervento costruttivo, pur se contemplato dal titolo autorizzatorio rilasciato dall’autorità amministrativa, venga realizzato secondo modalità diverse da quelle previste e autorizzate a livello progettuale, come si desume in negativo dall’art. 31, d.P.R. n. 380 del 2001.

Gli interventi edilizi eseguiti in parziale difformità dal permesso di costruire soggiacciano alla sanzione demolitoria, a meno che, non potendo essa avvenire senza pregiudizio della parte eseguita in conformità, si debba applicare la sanzione pecuniaria.

Il meccanismo della c.d. “fiscalizzazione” d... _OMISSIS_ ...cui all'art. 34, comma 2, del DPR n. 380 del 2001, può operare in relazione alla sola ipotesi di opere eseguite in parziale difformità rispetto al titolo e non anche a quella di opera interamente abusiva.

Nell’ipotesi di interventi edilizi eseguiti in parziale difformità, la valutazione circa la possibilità o meno di dar corso alla misura ripristinatoria e la conseguente scelta tra la demolizione d'ufficio e l'irrogazione della sanzione pecuniaria costituisce solo un'eventualità della fase esecutiva successiva alla disposta ingiunzione.

Soltanto per gli interventi eseguiti in parziale difformità dal permesso di costruire, la legge prevede la demolizione, a meno che, non potendo essa avvenire senza pregiudizio della parte eseguita in confor... _OMISSIS_ ...ere applicata una sanzione pecuniaria.

In caso di opere non autonome, bensì intrinsecamente connesse con l'opera principale sotto un profilo funzionale-pertinenziale (nella specie, coperture in PVC di campi sportivi), la fattispecie sanzionatoria è quella delineata dall’art. 34 d.P.R. n. 380/2000 (interventi eseguiti in parziale difformità dal permesso di costruire), e non già quella contemplata dall’art. 37 d.P.R. n. 380/2000 (interventi eseguiti in assenza o in difformità dalla segnalazione certificata di inizio attività).

In materia di interventi edilizi realizzati in parziale difformità dal permesso di costruire, l'art. 34, comma 2 DPR 380/01 presuppone che vengano in rilievo gli stessi lavori edilizi posti in essere a seg... _OMISSIS_ ...io del titolo e in parziale difformità da esso e non è quindi applicabile alle opere realizzate senza titolo per ampliare un manufatto preesistente.

La retroattività del nuovo sistema ripristinatorio introdotto dalla legge n. 47/1985 riguarda, al più, le opere “realizzate in totale difformità o in assenza della licenza o concessione” (così l’art. 40), e non anche quelle eseguite in parziale difformità, per le quali l’art. 12 della legge n. 47/1985 nel caso di impossibilità di procedere alla demolizione prevede(va) – per il futuro – la sanzione pecuniaria pari al doppio del costo di costruzione.

L'assenza di incrementi volumetrici rispetto al progetto assentito consente di escludere che ricorrano la tota... _OMISSIS_ ...squo;opera o le variazioni essenziali, secondo la classificazione sancita dagli artt. 7 e 8 della legge n. 47/1985.

La "difformità parziale" richiamata dall'art. 34 del DPR n. 380/2001 costituisce una categoria residuale e presuppone che un determinato intervento costruttivo, pur se contemplato dal titolo autorizzatorio rilasciato dall'autorità amministrativa, venga realizzato secondo modalità diverse da quelle previste ed autorizzate a livello progettuale, quando le modificazioni incidano su elementi particolari e non essenziali della costruzione, e si concretizzino in divergenze qualitative e quantitative non incidenti sulle strutture essenziali dell'opera.

La difformità parziale di cui all'art. 34 DPR 380/2001 è una categoria r... _OMISSIS_ ...uppone che un determinato intervento costruttivo, pur se contemplato dal titolo autorizzatorio rilasciato dall'autorità amministrativa, venga realizzato secondo modalità diverse da quelle previste ed autorizzate a livello progettuale, quando le modificazioni incidano su elementi particolari e non essenziali della costruzione, e si concretizzino in divergenze qualitative e quantitative non incidenti sulle strutture essenziali dell'opera.

A norma degli articoli 31 e 32 DPR n. 380/2001, si verificano difformità totale del manufatto o variazioni essenziali, sanzionabili con la demolizione, allorché i lavori riguardino un'opera diversa da quella prevista dall'atto di concessione per conformazione, strutturazione, destinazione, ubicazione, mentre si configura la dif... _OMISSIS_ ...e quando le modificazioni incidano su elementi particolari e non essenziali della costruzione e si concretizzino in divergenze qualitative e quantitative non incidenti sulle strutture essenziali dell'opera; il concetto di difformità parziale si riferisce, infatti, ad ipotesi tra le quali possono farsi rientrare gli aumenti di cubatura o di superficie di scarsa consistenza, nonché le variazioni relative a parti accessorie che non abbiano specifica rilevanza.

Il concetto di parziale difformità dal titolo edilizio si riferisce ad ipotesi tra le quali possono farsi rientrare gli aumenti di cubatura o di superficie di scarsa consistenza, nonché le variazioni relative a parti accessorie che non abbiano specifica rilevanza.

Il D.P.R. n. 380 del 2001 di... _OMISSIS_ ...i sanzionatori, gli interventi eseguiti in assenza di permesso di costruire, in totale difformità o con variazioni essenziali, dagli interventi eseguiti in parziale difformità dal permesso di costruire, la cui disciplina sanzionatoria è recata dall'art. 34. Per i primi, è prescritta la demolizione delle opere abusive; mentre solo per i secondi, la legge prevede la demolizione, a meno che, non potendo avvenire la demolizione senza pregiudizio della parte eseguita in conformità, debba essere applicata una sanzione pecuniaria.

Si considera in "totale difformità" dal permesso di costruire l'intervento che, sulla base di una comparazione unitaria e sintetica fra l'organismo programmato e quello che è stato realizzato con l'attività costruttiva, risulti in... _OMISSIS_ ...erso da quello assentito per caratteristiche tipologiche, planovolumetriche, di utilizzazione o di ubicazione, mentre, invece, in "parziale difformità" l'intervento che, sebbene contemplato dal titolo abilitativo, all'esito di una valutazione analitica delle singole difformità risulti realizzato secondo modalità diverse da quelle previste a livello progettuale.

Il concetto di difformità parziale dal titolo edilizio ex art. 34 del d.P.R. n. 380/2001 si riferisce ad ipotesi tra le quali possono farsi rientrare, una volta accertato il superamento del limite di tollerabilità del 2% delle misure progettuali, gli aumenti di cubatura o di superficie di scarsa consistenza, nonché le variazioni relative a parti accessorie che non abbiano specifica rilevanza.|... _OMISSIS_ ...La realizzazione di alcuni vani non contestualmente all’immobile regolarmente assentito, ma nell’ambito di un successivo ampliamento (e in carenza di permesso di costruire) non può essere ricondotta nell’ambito degli interventi svolti in “parziale difformità” dal titolo edilizio ex art. 34 del D.P.R. n. 380/2001, dovendosi invece applicare l’art. 31 del D.P.R. n. 380/2001.

La novella apportata dall'art. 5, comma 2, lettera a) del d.l. 70/2011 all’art. 34 del DPR 380/2001 ne ha ridotto il campo d’applicazione, nel senso di pervenire ad una definizione della categoria di lavori ed interventi eseguiti in parziale difformità solo come quegli scostamenti dai parametri autorizzati di misura talmente contenuta da non po... _OMISSIS_ ...iderati un illecito edilizio.

La realizzazione di una copertura del fabbricato parzialmente diversa da quella prevista nel progetto, attraverso la modifica dell'opera per adattarla alla forma a falda del torrino scala, non rientra nel novero degli interventi edilizi realizzati in totale difformità o con variazioni essenziali rispetto al permesso di costruire, ma attiene alle opere eseguite in parziale difformità dal titolo abilitativo. Ne consegue un diverso corredo sanzionatorio ai sensi dell’art. 34 del d.P.R. n. 380/01.

L’ampliamento di un fabbricato, fino a portarlo a una distanza dal confine della proprietà inferiore a quanto prescritto dagli strumenti urbanistici locali, si configura come un intervento oggettivamente abusivo, p... _OMISSIS_ ...uanto attiene cioè al superamento della distanza dei cinque metri, di ordine di demolizione ai sensi dell’art. 34 del d.P.R. n. 380 del 2001, al fine di vedere attuato l’obbligo della P. A. di adeguare la situazione di fatto allo stato di diritto; tuttavia rimane ferma, sussistendone le condizioni, l’applicazione della sanzione pecuniaria sulla base di quanto dispone il menzionato art. 34.

Il concetto di difformità parziale dall'autorizzazione edilizia concessa si riferisce ad ipotesi tra le quali possono farsi rientrare gli aumenti di cubatura o di superficie di scarsa consistenza, nonché le variazioni relative a parti accessorie che non abbiano specifica rilevanza.

Il concetto di difformità parziale dal titolo edilizio ai sen... _OMISSIS_ ... del D.P.R. n. 380 del 2001 si riferisce ad ipotesi tra le quali possono farsi rientrare gli aumenti di cubatura o di superficie di scarsa consistenza, nonché le variazioni relative a parti accessorie che non abbiano specifica rilevanza.

In tema di abusi edilizi, il concetto di difformità parziale (cfr. art. 34 del d.P.R. n. 380/2001) si riferisce ad ipotesi tra le quali possono farsi rientrare gli aumenti di cubatura o di superficie di scarsa consistenza, nonché le variazioni relative a parti accessorie che non abbiano specifica rilevanza.

La difformità parziale dal permesso di costruire per le nuove costruzioni, prevista e regolata dall’art. 34 del TUE (applicabile anche ai casi di DIA sostitutiva del permesso di costruire ai sensi ... _OMISSIS_ ...comma 3, del TUE) costituisce una categoria residuale.

Mentre si è in presenza di difformità totale del manufatto o di variazioni essenziali, sanzionabili con la demolizione, quando i lavori riguardino un’opera diversa da quella prevista dall’atto di concessione per conformazione, strutturazione, destinazione, ubicazione, si configura la difformità parziale quando le modificazioni incidano su elementi particolari e non essenziali della costruzione e si concretizzino in divergenze qualitative e quantitative non incidenti sulle strutture essenziali dell’opera.

Ai fini sanzionatori, mentre per gli interventi eseguiti in assenza di permesso di costruire, in totale difformità o con variazioni essenziali, va senz’altro disposta... _OMISSIS_ ... delle opere abusive, per gli interventi eseguiti in parziale difformità dal permesso di costruire, la legge prevede la demolizione, a meno che, non potendo essa avvenire senza pregiudizio della parte eseguita in conformità, debba essere applicata una sanzione pecuniaria.

Il concetto di difformità parziale rispetto al permesso di costruire si riferisce ad ipotesi tra le quali possono farsi rientrare gli aumenti di cubatura o di superficie di scarsa consistenza, nonché le variazioni relative a parti accessorie che non abbiano specifica rilevanza.

La disciplina prevista dal D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, art. 34, comma 2, (cosiddetta procedura di fiscalizzazione dell'illecito edilizio) trova applicazione, in via esclusiva, p...

...continua.  Qui sono visibili 12500 su 15846 caratteri complessivi dell'articolo.

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo