Il risarcimento del danno nell'art.43 D.P.R.327/200

Quantificazione del risarcimento Il provvedimento acquisitivo dispone che il bene immobile vada acquisito al patrimonio indisponibile dell’Autorità e che «al proprietario vadano risarciti i danni » (43.1).

L’atto d’acquisizione « determina la misura del risarcimento del danno e ne dispone il pagamento entro il termine di trenta giorni senza pregiudizio dell’eventuale azione già proposta» (43.2 lett.c).

Dalle disposizioni richiamate emerge con tutta evidenza che la determinazione del danno è elemento necessario del provvedimento acquisitivo (TAR CT 557/2009, PE 920/2008); consegue l’illegittimità dello stesso qualora privo della suddetta quantificazione (TAR LE 548/2008, AO 82/2007, CZ 243/2... _OMISSIS_ ...6).

Non può sostenersi che la mancata determinazione trovi motivazione nel decorso dei termini prescrizionali per la richiesta di risarcimento dei danni; ciò è incompatibile con la natura acquisitiva, con effetti ex nunc del provvedimento medesimo. Sul punto si rinvia al relativo paragrafo.

Se il provvedimento acquisitivo dispone che il bene vada acquisito al patrimonio indisponibile dell’Ente, ciò naturalmente non può avvenire a titolo gratuito. La compressione del diritto del privato sul quale l’atto deve dimostrare la prevalenza dell’interesse pubblico, non può, infatti, spingersi al punto di escludere il risarcimento del danno subito dal titolare.

La somma dovuta è qualificata dal legislatore come risarcimen... _OMISSIS_ ...come indennità, considerato che il provvedimento acquisitivo ha valenza sanante di un’illegittimità dell’azione amministrativa.

« Pertanto, siccome nello schema dell’art. 43 del t.u. espropriazioni l’illecito perdura fino al perfezionarsi dell’effetto estintivo della proprietà privata in virtù dell’emanazione di quell’atto d’acquisizione, cui la legge attribuisce ora effetto sanante di quelle situazioni d’occupazione senza titolo derivanti dalla mancata emanazione del decreto di esproprio o financo di dichiarazione di pubblica utilità, ne consegue che tutta l’attività svolta nel corso dell’occupazione, da chiunque esplicata - per definizione illecita -, rende l’autore o gli autori re... _OMISSIS_ ...relativo risarcimento ai sensi degli artt. 2043 e 2055 c.c.; e che proprio su detta responsabilità da illecita apprensione si fonda il risarcimento danni, riconosciuto dal citato art. 43 in favore del proprietario “senza pregiudizio per l’eventuale azione già proposta” (comma 2, lett. C ) » (Così CDS 5854/2008).

Con riguardo alla quantificazione del danno recita l’art. 43.6: «salvo i casi in cui la legge disponga altrimenti, nei casi previsti nei precedenti commi il risarcimento del danno è determinato:
nella misura corrispondente al valore del bene utilizzato per scopi di pubblica utilità e, se la occupazione riguarda un terreno edificabile, sulla base delle disposizioni dell’articolo 37 commi 3, 4... _OMISSIS_ ...
col computo degli interessi moratori, a decorrere dal giorno in cui il terreno sia stato occupato senza titolo.»
Sembra potersi affermare (anche per effetto del richiamo all’art. 37.3 TU), che la valutazione del bene debba essere effettuata con riferimento al momento dell’acquisizione, coincidente con la perdita della proprietà da parte del suo titolare ( CGA 299/2009, 52/2009, TAR MI 1987/2009).

Ne consegue l’esclusione della rivalutazione monetaria, viceversa da calcolarsi, fino alla data dell’effettiva corresponsione, qualora il risarcimento sia determinato con riferimento alla data dell’occupazione sine titulo. In questa direzione peraltro copiosa giurisprudenza (TAR BA 603/2009, PA 438/2009, R... _OMISSIS_ ...1796/2008, BA 2903/2008, CT 2349/2008, 2335/2008, CZ 583/2008, VE 1765/2008, MI 156/2008). In particolare è stata prospettata la non implausibilità di un’equiparazione tra i due criteri: « Il ctu ha inoltre sommato al valore storico (L. 45.560.000) del bene un importo a titolo di rivalutazione pari a L. 47.241.6000.

Ad avviso del Collegio, ai sensi del citato art. 43 il ctu avrebbe dovuto valutare il bene con riferimento alla data di redazione della stima. Tuttavia il Collegio ritiene che la somma dei due importi (valore del bene al 1987 più rivalutazione per un totale di L. 96.492.331) può ritenersi plausibilmente e ragionevolmente uguale al valore del bene al momento della stima » (Così TAR VE 342/2009).

Sono dovut... _OMISSIS_ ... moratori (la previsione ha destato una qualche perplessità a fronte di un debito di valore qual è il risarcimento del danno), a decorrere dal momento in cui si è verificata l’occupazione abusiva. Tale momento andrà naturalmente individuato con riferimento al caso concreto, ossia alle diverse ipotesi che legittimano il ricorso alla procedura sanante.

Nel caso, infatti, d’occupazione sin dall’origine sine titulo sarà questo il momento di decorrenza del calcolo degli interessi; nel caso d’occupazione abusiva discendente dall’annullamento degli atti impositivi del vincolo o della dichiarazione di pubblica utilità o del decreto d’esproprio, avendo il pronunciamento demolitorio effetto ex tunc, sarà il momento dell’occupaz... _OMISSIS_ ...ivenuta così illegittima, a costituire il dies a quo del calcolo (GCA 299/2009). Importante al riguardo è l’indicazione che dovrà essere contenuta nel provvedimento (43.2 lett. b).

Da rilevare che l’art. 43 non prevede la corresponsione d’alcuna indennità d’occupazione, bensì solo degli interessi legali dal momento in cui è intervenuta l’illegittima occupazione (CGA 299/2009, TAR PA 173/2007).

Per diverso orientamento deve essere viceversa risarcito anche il periodo d’occupazione illegittima antecedente l’emanazione del provvedimento acquisitivo (TAR NA 2212/2009, 1970/2009, MI 1987/2009, SA 1286/2009, LE 112/2009, BS 1796/2008, LE 3342/2008, NA 7158/2008, 5889/2008, 5083/2008, CZ 583/2008... _OMISSIS_ ... da calcolarsi sulla base dell’interesse legale (TAR NA 1373/2009, 8904/2008, 8904/2008), o nella misura di un dodicesimo del valore venale anno per anno, con rivalutazione monetaria ed interessi (TAR MI 1987/2009).

Gli interessi sono qualificati dal legislatore come moratori; potrebbe al riguardo attribuirsi agli interessi in esame la medesima funzione dell’indennità d’occupazione che tra l’altro è venuta assumendo, almeno stando alle disposizioni di cui all’art. 22 bis.5 TU, una diversa funzione rispetto al passato, ossia non più quella di ristorare il mancato godimento del bene, bensì di compensare il ritardato pagamento dell’indennità di espropriazione dovuta. Alla luce di tali considerazioni potrebbe affermarsi c... _OMISSIS_ ...sione degli interessi assorba l’indennità d’occupazione.

Per diverso orientamento giurisprudenziale gli interessi, seppur qualificati dal legislatore come “moratori”, assumono piuttosto la fisionomia degli interessi compensativi per il mancato godimento del bene; ciò anche in considerazione del fatto che l’obbligazione risarcitoria sorge solo al momento d’adozione del provvedimento di acquisizione, mentr...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 26542 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 7,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo

Autore

Melloni, Ines

Laureata in giurisprudenza, funzionario del Comune di Reggio Emilia