La confisca dei proventi illeciti: le convenzioni internazionali

Su tali premesse, si introduce il concetto di confisca di valore, con il preciso scopo di colpire in ogni caso il vantaggio patrimoniale derivante dall’attività delittuosa, a prescindere dalla possibilità materiale di individuare i proventi diretti o indiretti di tale condotta.

Infatti, la Convenzione invita le Parti ad adottare i provvedimenti che necessari per consentire la confisca dei proventi ricavati dai reati connessi al traffico di stupefacenti o, comunque, di beni il cui valore corrisponde a quello di tali proventi [10].

In buona sostanza, viene per la prima volta introdotto il concetto che, una volta quantificato il vantaggio economico derivante da un’attività delittuosa, la sanzione patrimoniale può colpire anche beni di p... _OMISSIS_ ...ta, proprio al fine di eliminare sempre e comunque i risultati vantaggiosi di condotte delittuose particolarmente gravi, come il traffico di stupefacenti, oggetto specifico della Convenzione O.N.U. del 1988.

Tuttavia, i risultati pratici di tale Convenzione sono stati molto ridotti, sia per la rilevanza limitata ai soli reati connessi al traffico di stupefacenti, sia per l’ampia discrezionalità lasciata alle Parti contraenti.

In ogni caso, vale la pena di sottolineare che la Convenzione di Vienna ha avuto il merito di mettere a fuoco alcuni concetti fondamentali come la necessità di attuare efficaci strumenti di cooperazione giudiziaria internazionale in materia di confisca, l’armonizzazione delle legislazioni interne, il superamento... _OMISSIS_ ... nesso di pertinenzialità tra cosa da confiscare e reato, l’introduzione di meccanismi di inversione dell’onere della prova, l’introduzione della confisca di valore; concetti tutti successivamente ripresi da altri importanti strumenti normativi internazionali in materia di contrasto patrimoniale alla criminalità organizzata e comune.

Tra tali strumenti, un ruolo di particolare importanza va riconosciuto alla Convenzione del Consiglio d’Europa sul riciclaggio, ricerca, sequestro e confisca dei proventi di reato, aperta alla firma a Strasburgo l’8 novembre del 1990 [11], nel preambolo della quale “priver le délinquant des produits du crime” è indicato come il metodo moderno di efficace lotta contro la grande criminalità.... _OMISSIS_ ... Tale convenzione, infatti, ha costruito un sistema di cooperazione internazionale fondato sull’idea di obbligatorietà della prestazione dell’assistenza, non solo giudiziaria, ma anche amministrativa e di polizia, che ancora oggi è la base fondamentale di gran parte dell’attività di cooperazione ed assistenza giudiziaria e di polizia in materia di contrasto al potere economico della criminalità [12].

Si tratta di uno strumento normativo le cui ragioni derivano dalla constatazione che, a fronte delle rilevanti capacità di accumulo patrimoniale delle organizzazioni criminali, solo alcuni paesi del Consiglio d’Europa prevedevano la confisca dei proventi illeciti e la procedura di confisca variava notevolmente da paese a paese (procedure pe... _OMISSIS_ ... amministrative).

A fronte di ciò, la convenzione persegue un duplice scopo: agevolare le indagini relative alla ricerca, sequestro e confisca dei proventi di reato ed obbligare gli Stati parte ad adottare le necessarie misure a livello interno per criminalizzare le condotte di riciclaggio dei proventi di origine illecita [13].

A tal fine, il capitolo II della Convenzione stabilisce che ciascuno Stato deve adottare a livello nazionale le misure necessarie sia ad introdurre la confisca dei proventi di origine illecita, sia ad incriminare le condotte di riciclaggio.

La cooperazione giudiziaria ed investigativa è disciplinata dal capitolo III, ove si disegna un sistema finalizzato a garantire la più ampia cooperazione tra gli Stati ... _OMISSIS_ ...0), arrivando addirittura a prevedere la cooperazione non sollecitata, consistente nella trasmissione spontanea di informazioni.

Correlativamente, la Convenzione si preoccupa di assicurare la collaborazione tra gli Stati parte anche nella fase cautelare, prevedendo che gli stati cooperino al fine di congelare e successivamente procedere alla confisca dei proventi criminosi (artt. da 11 a 17).

A tal proposito, l’obiettivo di ottenere il massimo effetto utile nella collaborazione tra Stati nell’esecuzione delle decisioni di confisca, traspare dalla scelta lasciata allo Stato richiesto di eseguire una decisione di confisca di procedere sia eseguendo direttamente una decisione di confisca adottata da un altro Stato [14], sia avviando una... _OMISSIS_ ...ura interna che possa comunque condurre alla confisca [15].

Un elemento qualificante della politica perseguita attraverso la Convenzione, si coglie nella previsione che stabilisce che la cooperazione giudiziaria in materia di confisca, sia in fase investigativa, che in fase di esecuzione dei provvedimenti cautelari e definitivi, è dovuta anche quando l’ordine di confisca non sia correlato alla pronuncia di una sentenza di condanna, in quanto si ritiene sufficiente una decisione giudiziaria della Parte richiedente.

Si tratta di una previsione che trae il suo fondamento dall’esigenza di non bloccare la cooperazione quando si proceda nell’ambito di uno dei numerosi procedimenti in rem, autonomi dal processo penale, che, come si è ... _OMISSIS_ ...edere, sono stati adottati in numerosi paesi europei [16].

Dunque, come emerge anche dal rapporto esplicativo alla Convenzione, l’applicazione di un provvedimento di confisca in sede di cooperazione internazionale è dovuta anche quando il provvedimento ablativo scaturisca da ogni tipo di procedimento giudiziario, indipendentemente dalla sua relazione con procedimenti penali e dalle regole procedurali applicabili.

Ciò che è necessario è che la competenza sia affidata all’autorità giudiziaria e che riguardi strumenti o proventi di reato [17].

La Convenzione è stata oggetto di aggiornamento e revisione ad opera di una Convenzione aperta alla firma a Varsavia il 3 maggio 2005, ove, alla scopo principale di contrastare _OMISSIS_ ...ww.exeo.it/...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 12536 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 208 pagine in formato A4

60,00 €