Burocrazia

Il politico deve fare propria l’immagine di colui che sa destreggiarsi con disinvoltura e cognizione di causa nei meandri della burocrazia, e che è in grado di influire più o meno legittimamente sulle decisioni della pubblica amministrazione. In tal modo sarà in grado di crearsi rapidamente una rete di clientes pronti a fornirgli voti e favori in cambio di decisioni favorevoli.

Il politico deve mantenere la macchina amministrativa della cosa pubblica in costante disservizio.

Infatti tanto più la macchina burocratica è disorganizzata, inefficiente e scarsamente professionale, e tanto maggiore è il personale di sua fiducia - incompetente e riconoscente - che il politico riesce a fare assumere, quanto più egli è in grado di interferire e di o... _OMISSIS_ ...i vantaggi per i suoi clientes, e quindi, alla fine, di spuntare benefici per se stesso o per il suo partito ottenuti in contropartita dai clientes.

Il disservizio deve essere tuttavia mantenuto entro limiti complessivamente tollerabili, altrimenti rischia di diventare svantaggioso in termini di perdita di voti complessivi, a meno che non sia stato raggiunta una rete clientelare di vaste proporzioni. In tal caso infatti, il potere acquisito dal politico sarà tale da ottenere coperture e finanziamenti sufficienti e costanti per fare fronte al disservizio, e mantenerlo in piedi per lungo tempo.

La cattiva amministrazione della cosa pubblica, e il malfunzionamento della giustizia e la vessatorietà del fisco in particolare, sono perfettamente funz... _OMISSIS_ ...enti del politico. Egli ha l’interesse a mantenere la gente nella costante paura di finire nel tritacarne infernale della burocrazia.

Ciò lo rende necessario agli occhi della gente: il politico come mediatore salvifico tra il cittadino e il Moloch, come unico depositario dell’eterna speranza di un miglioramento dello stato delle cose. Miglioramento che non arriverà mai: se infatti la burocrazia funzionasse a dovere, il ruolo del politico sarebbe inevitabilmente ridimensionato.

E ciò ovviamente non è tra le sue priorità.

Far funzionare le ferrovie non è nella sua scala di valori.
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto.

pdf 46 pagine in formato A4

10,00 €