Il compendio montano

Dopo aver esaminato nei capitoli precedenti la normativa vigente in tema di compendio unico cd. generale, veniamo ora ad indagare, ancorché brevemente, la diversa disciplina posta in tema di compendio in territorio di Comunità Montana (o compendio montano), quale disciplinata dall’art. 5-bis della legge 31 gennaio 1994, n. 97 [1] e nel corpo della stessa introdotto dalla legge 28 dicembre 2001, n. 448.

Come si è detto, l’istituto del compendio montano, cronologicamente anteriore rispetto a quello generale, trova la propria applicazione esclusivamente per i terreni siti nelle zone montane [2], rispetto alle quali, in considerazione della condizione di disagio in cui si trovano – derivante da una notevole limitazione delle possibilità di utiliz... _OMISSIS_ ...di e dal notevole aumento del costo del lavoro [3] – il Legislatore ha inteso predisporre una disciplina agevolata, nel tentativo di incentivare l’esercizio dell’attività agricola, onde renderla più competitiva, così contenendo altresì lo spopolamento di tali aree.

A tali fini, la disciplina qui al vaglio prevede un trattamento fiscale agevolato, consistente nell’esenzione dall’imposta di registro, ipotecaria, catastale, di bollo e di ogni altro genere, a favore di chi, in occasione del trasferimento di terreni agricoli ubicati nelle predette zone, si impegni a costituirli in compendio unico e a coltivarli o condurli per dieci anni dall’acquisto. Detti beni sono considerati unità indivisibili per quindici anni ... _OMISSIS_ ...isto.

Ciò premesso, veniamo ora ad esaminare, seppur brevemente, la disciplina posta in tema di compendio montano.

Preliminarmente, deve ribadirsi quanto detto in precedenza sul rapporto fra legge speciale anteriore (di cui alla legge 97/1994, come modificata dalla legge 448/2001) e legge generale posteriore (di cui al d.lgs. 228/2001, come modificato dal d.lgs. 99/2004), giacché, stante la duplicità di previsioni normative in tema di compendio unico, nonché la potenziale universalità della disciplina posteriore in tema di compendio generale, si è posto il problema dell’eventuale abrogazione tacita della disposizione anteriore.

A riguardo, come detto, deve ritenersi l’applicabilità del principio lex posterior generalis... _OMISSIS_ ...opri speciali, il quale fa salva la legge speciale anteriore ove non sussista una diversa e contraria volontà legislativa.

Ora, nel caso di specie tale diversa volontà non è rinvenibile. Anzi, proprio il riferimento all’art. 5-bis, commi 1 e 2, della 97/1994 contenuto nel comma 2, dell’art. 5-bis del d.lgs. 228/2001 depone per la persistenza dell’eccezione anche in presenza della previsione generale posteriore [4].

In definitiva, quindi, entrambe le discipline saranno applicabili, con la precisazione che la disciplina generale troverà applicazione anche nei territori delle Comunità Montane, le quali potranno invocare la disposizione a carattere generale, ancorché caratterizzata da un regime meno favorevole rispetto a quello spe... _OMISSIS_ ...squo;art. 52 della legge 448/2001 [5].

Ciò premesso, veniamo ora ad esaminare più nel dettaglio la disciplina posta in tema di compendio montano.

.Ai sensi dell’art. 5-bis, comma 1, della legge 97/1994, «nei territori delle comunità montane, il trasferimento a qualsiasi titolo di terreni agricoli a coltivatori diretti e ad imprenditori agricoli a titolo principale che si impegnano a costituire un compendio unico e a coltivarlo o a condurlo per un periodo di almeno dieci anni dal trasferimento è esente da imposta di registro, ipotecaria, catastale, di bollo e di ogni altro genere. I terreni e le relative pertinenze, compresi i fabbricati, costituiti in compendio unico ed entro i limiti della superficie minima indivisibile di cui ... _OMISSIS_ ...o considerati unità indivisibili per 15 anni dal momento dell’acquisto e per questi anni non possono essere frazionati per effetto di trasferimenti a causa di morte o per atti tra vivi. In caso di successione i compendi devono essere compresi per intero nella porzione di uno dei coeredi o nelle porzioni di più coeredi che ne richiedano congiuntamente l’attribuzione. Tale disciplina si estende anche ai piani di ricomposizione fondiaria e di riordino fondiario promossi da regioni, province, comuni e comunità montane».

Come può desumersi dalla lettera della disposizione citata, la disciplina qui al vaglio, diversamente da quanto stabilito nel d.lgs. 228/2001, non contiene un’espressa definizione di compendio unico, limitandosi a rinviare g... _OMISSIS_ ...aquo;superficie minima indivisibile».

Ai fini della definizione di quest’ultima, pertanto, occorre richiamare le disposizioni regionali [6] promulgate in materia, secondo le quali essa consiste nella «estensione di terreno necessaria e sufficiente a garantire l’esercizio di una conveniente coltivazione del fondo secondo le regole della buona tecnica agraria [7]».

Stante quanto sopra, quindi, pare doversi affermare come le finalità perseguite dalla normativa de quo siano le stesse di quelle perseguite in via generale con il d.lgs. 99/2004, e per lo più rinvenibili nella volontà legislativa di incentivare l’esercizio dell’attività agricola nelle zone caratterizzate da condizioni di disagio, quali quel... _OMISSIS_ ... tentativo di ridurne quanto più possibile lo spopolamento [8].

Nonostante quanto detto, le differenze applicative fra le due discipline sono numerose.

Una prima distinzione concerne per i soggetti ammessi a fruire del previsto trattamento agevolato, il momento in cui rileva la sussistenza, in capo agli stessi, dei requisiti soggettivi richiesti.

Come sopra esaminato, infatti, la disciplina posta in tema di compendio unico generale individua quali soggetti ammessi al trattamento fiscale agevolato il coltivatore diretto e l’imprenditore agricolo professionale, sia esso persona fisica o una società, nulla aggiungendo circa il tempo della sussistenza di tali qualifiche.

A riguardo, l’unico riferimento norma... _OMISSIS_ ...to dall’art. 5-bis del d.lgs. 228/2001, il quale, disponendo al comma 2 che «al trasferimento a qualsiasi titolo di terreni agricoli a coloro che si impegnino a costituire un compendio unico e a coltivarlo o a condurlo in qualità di coltivatore diretto o di imprenditore agricolo professionale per un periodo di almeno dieci anni dal trasferimento si applicano le disposizioni di cui all’articolo 5-bis, commi 1 e 2, della legge 31 gennaio 1994, n. 97», impone quale unico requisito, ai fini dell’applicabilità del predetto regime fiscale agevolato, il duplice impegno dell’acquirente a costituire il compendio unico e a coltivarlo e condurlo in qualità di coltivatore diretto o di imprenditore agricolo professionale per un periodo di almeno dieci ... _OMISSIS_ ...rimento.

Si è posto così il problema di comprendere se tali qualifiche potessero essere conseguite successivamente alla costituzione – valendo ai fini della stessa, nonché ai fini della fruizione del regime agevolato – il solo impegno a conseguirle. E, come sostenuto, la risposta deve ritenersi affermativa, sia in ragione delle finalità perseguite, sia in ragione della lettera della disposizio...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 36173 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 8,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto.

pdf 181 pagine in formato A4

30,00 €