L'installazione sul territorio di infrastrutture per la telecomunicazione

OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE

L’art. 10 bis L. n. 241/90 trova applicazione anche con riferimento al procedimento, regolato dall’art. 87 del d. lgs. n. 259 del 2003, per l’esame delle domande di autorizzazione alla installazione di infrastrutture di comunicazione elettronica, sebbene si sia in presenza di una disciplina speciale tesa a consentire una decisione in tempi certi e rapidi.

Nello standard LTE (Long Term Evolution) le cd. porte dell'antenna non corrispondono ad antenne fisiche, ma sono piuttosto entità logiche distinte dalle rispettive sequenze di segnali di riferimento, e il miglioramento di qualità ed efficienza del segnale così conseguito, oltretutto, consente in ... _OMISSIS_ ...urre la quantità di potenza emessa dai dispositivi sia fissi sia radiomobili, in termini di radiazioni emesse.

Soltanto con il d.lgs. n. 33 del 2016, il legislatore nazionale ha stabilito che gli impianti per la radiodiffusione non costituiscono unità immobiliari ai sensi dell'articolo 2 del decreto del Ministro delle finanze 2 gennaio 1998, n. 28, e non rilevano ai fini della determinazione della rendita catastale. Tale disposizione evidenzia che in precedenza gli impianti in questione andavano qualificati come unità immobiliari, in quanto tali autonomamente rilevanti sul piano edilizio.

In base alla procedura delineata dal comma 9 dell’art. 89 d.lgs 259/2003, il decorso del termine di novanta giorni dalla presentazione dell'istanza di in... _OMISSIS_ ...un impianto di telefonia mobile – e la mancanza di un provvedimento di diniego (o di un qualificato parere ostativo) comunicato entro detto termine – comportano la formazione del silenzio assenso sulla relativa istanza, che costituisce titolo abilitativo per la realizzazione dell'impianto.

L’intervento installazione di impianto di telefonia mobile si connota quale opera di urbanizzazione primaria e soprattutto quale opera di pubblica utilità e di interesse preminente. In tal senso la natura di opere private di pubblica utilità delle infrastrutture di telecomunicazioni trova conferma sia nell’art. 3, co. 3, l. 1 agosto 2002 n. 166, sia nell’art. 90 del Codice delle Comunicazioni.

L’installazione di un’ant... _OMISSIS_ ...l suolo e visibile dai luoghi circostanti comporta l’alterazione del territorio, avente rilievo ambientale ed estetico, quindi necessita di idoneo titolo abilitativo.

Gli artt. 86 e 90 d.l. 259/2003 stabiliscono che le infrastrutture di reti pubbliche di comunicazione sono assimilate ad ogni effetto alle opere di urbanizzazione primaria e che gli impianti in questione e le opere accessorie occorrenti per la loro funzionalità hanno “carattere di pubblica utilità”, con la conseguente possibilità che gli stessi siano ubicati in qualsiasi parte del territorio comunale, essendo compatibili con tutte le destinazioni urbanistiche (residenziale, verde, agricola, ecc.).

OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> IMPIANTI DI TELECOMUNIC... _OMISSIS_ ...OTERI DEL COMUNE

Non sono legittimi gli atti che limitino la localizzazione degli impianti relativi ad infrastrutture di reti pubbliche di comunicazioni di carattere generale e riguardanti intere ed estese porzioni del territorio comunale, in assenza di una plausibile ragione giustificativa. Il Comune non può infatti prevedere limiti di carattere generale, volti a tutelare la popolazione dalle immissioni elettromagnetiche, dal momento che a tale funzione provvede lo Stato attraverso la fissazione di determinati parametri inderogabili, il rispetto dei quali è verificato dai competenti organi tecnici.

Il regolamento comunale nel disciplinare il corretto insediamento nel territorio degli impianti di telefonia mobile può contenere regole a tutela di... _OMISSIS_ ...ne e beni di pregio paesaggistico o ambientale o storico- artistico, o anche per la protezione dall’esposizione ai campi elettromagnetici di zone sensibili (scuole, ospedali etc.), ma non può imporre limiti generalizzati all’installazione degli impianti se tali limiti sono incompatibili con l’interesse pubblico alla copertura di rete nel territorio nazionale.

Nella Regione Puglia, a mente del r.r. 7/2006, sussiste il potere regolamentare del Comune di fissare criteri localizzativi per assicurare il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti di telecomunicazione e minimizzare l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici.

OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> IMPIANTI DI TELECOMUNICAZ... _OMISSIS_ ...LIFICAZIONE

Un traliccio con le apparecchiature per telecomunicazioni non è oggettivamente destinato a soddisfare un’esigenza meramente transitoria, per cui non può a esso riconoscersi la natura di opera precaria, senza che in contrario rilevi il fatto che il medesimo possa essere agevolmente spostato.

Sebbene debba escludersi la qualificazione degli impianti in termini di opere pubbliche, in quanto realizzate da soggetti privati che ne restano proprietari nonostante l’assimilazione alle opere di urbanizzazione e destinate alla gestione di un servizio con criteri imprenditoriali, previo atto autorizzatorio, la rilevanza sul piano della utilità pubblica non può essere revocata in dubbio, come attestato tanto dalle misure di incentivaz... _OMISSIS_ ...uanto dalle misure di incentivazione specifica per gli operatori che installano ovvero forniscono reti di comunicazione al pubblico.

Nell'ambito delle opere di urbanizzazione, le antenne per telefonia nel quadro della rete pubblica di comunicazione costituiscono un'ipotesi di per sé peculiare (onde quod differtur non aufertur), in cui, pur trattandosi di opere di urbanizzazione primaria per espressa volontà di legge (art. 16, comma 7 bis T.U. n. 380 cit., introdotto dall’art. 40, comma 9, L. 1° agosto 2002, n. 166), la proprietà e disponibilità rimane in testa agli operatori del servizio di telefonia (e ciò perché le infrastrutture per la telefonia costituiscono per legge un peculiare servizio pubblico reso dai privati a titolo oneroso, laddove, per ... _OMISSIS_ ...heggi pubblici sono standard urbanistici imposti dalla legge per mitigare il carico insediativo degli interventi edificatori aventi impatto sul territorio, che i Comuni devono pretendere e conseguire in sede convenzionale, regolandone poi l’uso nell’interesse della collettività, con un normale libero accesso al pubblico).

Il riconoscimento del carattere di opere di pubblica utilità delle infrastrutture di reti pubbliche di comunicazione, e l’assimilazione alle opere di urbanizzazione primaria, non implicano che gli interventi in questione possano essere localizzati indiscriminatamente in ogni sito del territorio comunale, perché la realizzazione dell’opera di pubblica utilità può risultare incompatibile con la tutela dei beni ambientali... _OMISSIS_ ...RLF|
Il traliccio per impianti rice-radiotrasmittenti ed i box destinati al ricovero di apparecchiature ricetrasmittenti configurano prima facie volumi urbanisticamente rilevanti, certo qualificabili come “nuova costruzione”.

OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE --> SU AREA DEMANIALE

Gli artt. 86 e ss. del d.lgs. n. 259/2003, e in particolare l'art. 88 relativo all'occupazione di suolo pubblico, sono inequivocabilmente ispirati a finalità acceleratorie di favore per la pronta e spedita rea...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 11431 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo