Disciplina urbanistica applicabile alla realizzazione di autorimesse e parcheggi

OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> PARCHEGGI

La parziale fuoriuscita dal piano di campagna di un’autorimessa rende, da un lato, indefettibilmente, computabile la consistenza plano-volumetrica della porzione immobiliare de qua ed elide, d’altro lato, l'operatività del regime derogatorio-premiale in materia di parcheggi pertinenziali.

La tecnica del “prato armato” costituisce una modalità di realizzazione dell’intervento di sistemazione a verde privato; tuttavia qualora essa venga utilizzata per la realizzazione di un parcheggio e risulti elemento essenziale e qualificante di tale opera, costituendo la pavimentazione il necessario supporto per consentire l’agevole transito e sosta dei veicoli, no... _OMISSIS_ ...era modalità di esecuzione di un intervento di sistemazione a verde privato, ma quale intervento che concreta la realizzazione di un parcheggio non autorizzato.

La pavimentazione di un'area già allo stato naturale, e la destinazione della stessa a parcheggio di autoveicoli, non può in alcun modo configurarsi come intervento di manutenzione (ordinaria o straordinaria), consolidamento statico o restauro conservativo, trattandosi di opera edilizia nuova.

Non si rinvengono macroscopiche illogicità ovvero elementi di irragionevolezza nella decisione pianificatoria di inibire la realizzazione di parcheggi tanto nei parchi che nei giardini che nelle aree verdi strutturate.

E' da escludere che la realizzazione di un garage parzialmente no... _OMISSIS_ ...e cioè sporge sul piano cortile, nella specie di circa un metro) possa integrare la fattispecie della manutenzione straordinaria (la quale riguarda invece le opere e modifiche necessarie per rinnovare o sostituire parti anche strutturali degli edifici nonché per realizzare e integrare i servizi igienico sanitari e tecnologici) o possa essere comunque essere ricondotto nel novero degli interventi non valutabili in termini volumetrici.

La realizzazione di autorimesse e parcheggi, se non effettuata in locali preesistenti o totalmente al di sotto del piano di campagna naturale, è soggetta alla disciplina urbanistica che regola le nuove costruzioni fuori terra.

OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> PARCHEGGI --> DIRITTO REALE D'USO

... _OMISSIS_ ...rea posta al di fuori della carreggiata, non è destinata all’uso pubblico della circolazione di veicoli (art. 2 comma 1 del D. Lgs. n. 285/1992), bensì alla sosta dei veicoli (cfr. la definizione di “parcheggio” di cui all’art. 3 comma 1 n. 34 del D. Lgs. n. 285/1992), sicché, ai fini della sua regolamentazione, non viene tanto in discussione la proprietà o un diritto reale di uso pubblico del bene (ciò che fonda la potestà di regolamentazione della circolazione sulle “strade”), bensì la sua giuridica disponibilità, che ben può conseguirsi in forza di un diritto personale di godimento mediante contratto di locazione.

In tema di spazi destinati a parcheggio nei fabbricati di nuova costruzione e di cui alla L. n.... _OMISSIS_ ... art. 41-sexies, l'effettiva esistenza di tali spazi è condizione per il riconoscimento giudiziale del diritto reale al loro uso da parte degli acquirenti delle singole unità immobiliari del fabbricato, ai quali altrimenti compete soltanto la possibilità di chiedere il risarcimento del danno conseguente all'indisponibilità degli spazi stessi; peraltro, quel riconoscimento può avere come oggetto soltanto le aree che siano state destinate allo scopo di cui si tratta nei provvedimenti abilitativi all'edificazione, senza possibilità di ubicazioni alternative.

In tema di spazi riservati a parcheggio nei fabbricati di nuova costruzione ai sensi della L. n. 1150 del 1942, art. 41-sexies (introdotto dalla L. n. 765 del 1967, art. 18), il riconoscimento giudiziale del ... _OMISSIS_ ...'uso degli spazi destinati a parcheggi può avere ad oggetto soltanto le aree che siano destinate allo scopo di cui si tratta nei provvedimenti abilitativi all'edificazione.

OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> PARCHEGGI --> LEGGE TOGNOLI

Un’opera, al fine di poter essere qualificata “parcheggio” ai sensi della legge n. 122/1989, deve essere connotata da profili dimensionali ragionevolmente rispondenti alle esigenze delle unità immobiliari al cui servizio risulta destinata, atteso che è proprio la proporzionalità degli spazi riservati a parcheggio rispetto alla cubatura totale dell’edificio abitativo a connotare la disciplina dettata dalla suddetta legge, la cui ratio consiste, come è noto, nella necessità di dec... _OMISSIS_ ... vie cittadine dal traffico automobilistico, prevedendo un numero di posti auto in proporzione al numero delle abitazioni.

OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> PARCHEGGI --> LEGGE TOGNOLI --> ALIENAZIONE

Gli spazi per parcheggi realizzati in forza del primo comma dell’art. 41-quinquies della l. n. 1150 del 1942 non sono gravati da vincoli pertinenziali di sorta né da diritti d’uso a favore dei proprietari di altre unità immobiliari e sono trasferibili autonomamente da esse.

OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> PARCHEGGI --> LEGGE TOGNOLI --> AREE URBANE

I parcheggi disciplinati dalla legge Tognoli possono essere realizzati solamente all’interno delle aree urbane, ribadendo... _OMISSIS_ ...o trattasi di intervento in zona agricola non è applicabile la normativa della cosiddetta “legge Tognoli”, che consente la realizzazione di autorimesse nel sottosuolo anche in deroga agli strumenti urbanistici, essendo questa consentita solo nelle zone residenziali, e ciò a prescindere dall’ulteriore considerazione postulante l’esclusione della deroga in presenza di vincoli ambientali.

La facoltà di costruire autorimesse pertinenziali anche in deroga agli strumenti urbanistici è prevista dall'art. 9, l. n. 122/89, (c.d. legge Tognoli), soltanto relativamente alle aree urbane, mentre al di fuori di tali aree, quindi, quelle extraurbane e agricole, l'edificazione di parcheggi pertinenziali sarà comunque possibile, ma non potrà attuarsi n... _OMISSIS_ ...i modi di cui a tale normativa, rimanendo invece sottoposta alle ordinarie prescrizioni urbanistiche ed edilizie.

OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> PARCHEGGI --> LEGGE TOGNOLI --> INTERPRETAZIONE --> ECCEZIONALITÀ

L’art. 9 comma 1 della l. 122/1989 prevede che “I proprietari di immobili possono realizzare nel sottosuolo degli stessi ovvero nei locali siti al piano terreno dei fabbricati parcheggi da destinare a pertinenza delle singole unità immobiliari, anche in deroga agli strumenti urbanistici ed ai regolamenti edilizi vigenti. Tali parcheggi possono essere realizzati, ad uso esclusivo dei residenti, anche nel sottosuolo di aree pertinenziali esterne al fabbricato, purché non in contrasto con i piani urbani del ... _OMISSIS_ ...o conto dell'uso della superficie sovrastante e compatibilmente con la tutela dei corpi idrici. Restano in ogni caso fermi i vincoli previsti dalla legislazione in materia paesaggistica ed ambientale ed i poteri attribuiti dalla medesima legislazione alle regioni e ai Ministeri dell'ambiente e per i beni culturali ed ambientali da esercitare motivatamente nel termine di 90 giorni”. Tali disposizioni, quanto alla realizzazione dei parcheggi sotterranei, prevedono una deroga molto ampia alle norme urbanistiche, ma non u...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 28374 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 4,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo