Interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria

OPERE ED INTERVENTI --> NATURA DEGLI INTERVENTI --> MANUTENZIONE


La realizzazione di un parcheggio, mediante installazione di una pavimentazione, sia pure con la tecnica del “prato armato”, non rientra nella categoria della “manutenzione ordinaria”: in tale categoria, ai sensi dell’articolo 3, comma 1, lettera a) del DPR n. 380 del 2001, rientrano “gli interventi edilizi che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare e mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti”.Non risultando in precedenza il terreno destinato a parcheggio, la sua realizzazione costituisce un’opera nuova e, pertanto, non sono c... _OMISSIS_ ...terventi di mera riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture di una preesistente opera edilizia.

La sussistenza di una situazione di pericolo di crollo obbliga la proprietà a porre in essere interventi di messa in sicurezza, qualificabili come manutenzione straordinaria o restauro e risanamento conservativo.Non legittima invece un intervento radicale quale è la demolizione di una porzione di immobile in netto contrasto con la disciplina urbanistica dell’area, posta a tutela del pubblico interesse alla conservazione del bene.

Gli interventi di manutenzione ordinaria consistono in lavori di modesta entità volti alla conservazione ed al mantenimento dell’immobile nel breve periodo e sono esonerati dalla necessità di qualsias... _OMISSIS_ ...ativo (cfr. artt. 6, comma 1 lett. a) e 3 comma 1, lett. a) del D.P.R. 06/06/2001, n. 380), mentre gli interventi di manutenzione straordinaria incidono direttamente in parti, anche strutturali dell’edificio, rimuovendole o sostituendole. Detti interventi sono pur sempre finalizzati alla conservazione del bene ma tale risultato, programmato nel lungo periodo, è perseguito attraverso lavori di più ampia consistenza.

Gli interventi di realizzazione di un tramezzo in cartongesso e di una porta interna devono essere ricondotti alla tipologia della “manutenzione straordinaria” e non alla diversa tipologia della “ristrutturazione edilizia”, con la conseguenza che - in tali casi - il Comune non può ingiungerne la demolizione ai sensi del... _OMISSIS_ ...quo;art. 33 del D.P.R. n. 380/2001.

Il vano contatori riveste, all’evidenza, gli estremi della struttura adibita ad impianto tecnologico a servizio delle strutture principali, per la cui realizzazione non si impone, di certo, il previo rilascio del permesso di costruire (bensì, semmai, la presentazione della CILA ex art. 6 bis del d.p.r. n. 380/2001, sostanziandosi nell’allestimento di servizi tecnologici ed essendo, come tale, riconducibile alla tipologia della c.d. manutenzione straordinaria leggera).

L’intervento che trasforma radicalmente l’immobile esula dall’ambito di applicazione di una DIA per manutenzione straordinaria.

Gli interventi di manutenzione straordinaria sono caratterizz... _OMISSIS_ ...ce limite, l’uno di ordine funzionale, costituito dalla necessità che i lavori siano diretti alla mera sostituzione o al puro rinnovo di parti dell’edificio, e l’altro di ordine strutturale, consistente nella proibizione di alterare i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari o di mutare la loro destinazione.

Un intervento contestato come abusivo, qualora abbia comportato un incremento di superficie, non può rientrare nella nozione di manutenzione edilizia, con conseguente impossibilità di ottenere in via successiva l’accertamento di compatibilità paesaggistica e, per derivazione, anche l’accertamento postumo di conformità urbanistica, ai sensi del menzionato art. 36 d.p.r. n. 380 del 2001.

Dal contenuto... _OMISSIS_ ...art. 3 lettera b) del D.P.R. 380/2001, come integrato con le aggiunte di cui al d.l. 12 settembre 2014, convertito in L. 11 novembre 2014 n.164, si evince che il legislatore ha inteso ampliare la nozione di manutenzione straordinaria, comprendendovi tutti quegli interventi di conservazione dell'edilizia esistente che, pur determinando l'aumento delle superfici esistenti, non modifichino, tuttavia, il volume totale dell'edificio e inserendo, inoltre, nella nozione di manutenzione straordinaria anche quegli interventi che portano all'accorpamento o al frazionamento delle unità immobiliari.

Se costituisce "manutenzione straordinaria" anche la realizzazione di opere e modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, ... _OMISSIS_ ...izzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, ciò deve pur sempre avvenire senza alterare la volumetria complessiva degli edifici e modifiche delle destinazioni di uso.

Nell'ambito degli interventi di manutenzione straordinaria sono ricompresi anche quelli consistenti nel frazionamento o accorpamento delle unità immobiliari con esecuzione di opere anche se comportanti la variazione delle superfici delle singole unità immobiliari nonché del carico urbanistico purché non sia modificata la volumetria complessiva degli edifici e si mantenga l'originaria destinazione d' uso. In sintesi, i limiti negativi posti dal legislatore alla perimetrazione degli interventi sul patrimonio edilizio preesistente sono comunque tali da non ricomprendervi i casi in... _OMISSIS_ ...uta una modifica di destinazione d’uso, modifiche prospettiche ed aumento di volumetria.

La mera sistemazione interna dell'immobile, con realizzazione di un impianto elettrico robotico e il rifacimento del servizio igienico-sanitario, costituisce un "intervento di manutenzione straordinaria" e non un "intervento di ristrutturazione edilizia" in senso proprio.

Il concetto di manutenzione straordinaria (nonché quello di risanamento conservativo) presuppone la realizzazione di opere che lascino inalterata l’originaria fisionomia e consistenza fisica dell’immobile.

Gli interventi di manutenzione straordinaria sono caratterizzati da un duplice limite: uno di ordine funzionale, costituito dalla nece... _OMISSIS_ ...ori siano diretti alla mera sostituzione o al puro rinnovo di parti dell’edificio, e l’altro di ordine strutturale, consistente nella proibizione di alterare i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari o di mutare la loro destinazione.

Costituiscono interventi di manutenzione straordinaria ai sensi dell'art. 31, comma 1, lett. b) l. n. 457/1978 (Norme per l'edilizia residenziale), ora sostituito dall’art. 3, comma 1, lett. b), d.P.R. n. 380/2001 (T.U. Edilizia) le opere necessarie per rinnovare e sostituire parti, anche strutturali, degli edifici, “sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni di uso”. Tale prescrizione impone la consideraz... _OMISSIS_ ...ice ordine di limiti, uno di tipo funzionale, che richiede che i lavori siano diretti alla mera sostituzione o al puro rinnovo di parti dell’edificio, e l’altro di tipo strutturale, che comporta la proibizione dell’alterazione di volumi e superfici delle singole unità immobiliari o del mutamento della loro destinazione.

Gli interventi di tamponamento con aumento volumetrico e di creazione di superficie utile con costruzione di vani ad uso residenziale con i relativi necessari servizi non possono essere ricondotti alla manutenzione straordinaria.

La realizzazione di ...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 14787 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto.

pdf 2864 pagine in formato A4

40,00 €