Il ricorso avverso il diniego di sanatorie e le sanzioni edilizie

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> SANATORIE EDILIZIE

La verifica della legittimità dell'impugnazione del diniego di sanatoria passa per l’accertamento della sussistenza di un adeguata motivazione svolta dalla p.a. chiamata a decidere.

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> SANATORIE EDILIZIE --> ACCERTAMENTO DI CONFORMITÀ --> SILENZIO DINIEGO

Una volta decorso il termine di 60 giorni dalla presentazione dell'istanza di accertamento di conformità, si forma il silenzio-diniego, che può essere impugnato dall’interessato in sede giurisdizionale nel prescritto termine decadenziale di sessanta giorni, alla stessa stregua di un comune provvedimento, senza che però possano ravvisarsi in esso i vizi formali propri d... _OMISSIS_ ...i, i difetti di procedura o la mancanza di motivazione.

Il provvedimento di diniego della richiesta di accertamento di conformità, formatosi a seguito del decorso del termine di sessanta giorni, in quanto tacito, è già di per sé privo di motivazione ed impugnabile non per difetto di motivazione, bensì per il suo contenuto di rigetto.

Il silenzio dell’Amministrazione su un’istanza di sanatoria di abusi edilizi costituisce ipotesi di silenzio significativo, al quale vengono collegati effetti di un provvedimento esplicito di diniego, e non quale mero fatto di inadempimento, per modo che potrebbe essere impugnato solo per ragioni diverse dal vizio di difetto di motivazione e per vizi formali, quale l’omessa comunicazione di ... _OMISSIS_ ...dimento.

Il silenzio-diniego previsto per le istanze di accertamento di conformità può essere impugnato dall’interessato in sede giurisdizionale per il tramite dell’azione di annullamento, alla stregua di un provvedimento esplicito, con la differenza però che il diniego, in quanto tacito, non è censurabile per difetto di motivazione, di cui è strutturalmente carente per previsione legislativa, ma solo per il suo contenuto di rigetto.Allo stesso modo del silenzio-diniego non sono contestabili gli altri difetti formali propri degli atti, quali i vizi del procedimento, la mancanza di pareri o del preavviso dei motivi ostativi all’accoglimento.

Una volta decorsi inutilmente i sessanta giorni, sulla domanda di accertamento di confor... _OMISSIS_ ... tutti gli effetti un atto tacito di diniego, con conseguente onere a carico dell'interessato di impugnarlo, nel termine processuale di legge, anch'esso pari a sessanta giorni, decorrente dalla data di formazione dell'atto negativo tacito.

Contro il silenzio-rigetto relativa all'istanza di accertamento di conformità, la parte ha l’onere di agire tempestivamente in giudizio affinché sia dimostrata la natura solo formale e non sostanziale dell’abuso a fronte di una presunzione relativa di non conformità urbanistico - edilizia dei lavori realizzati senza titolo.

Poiché il silenzio serbato dall'Amministrazione comunale sull'istanza di accertamento di conformità urbanistica ha valore di silenzio-rigetto,l’eventuale proposizione di u... _OMISSIS_ ...nsi degli artt. 31 e 117 c.p.a. nei confronti dell’inerzia mantenuta dalla pubblica amministrazione rispetto ad una tale domanda di accertamento ai sensi dell’art. 36 D.P.R. 380/2001 è inammissibile.

il silenzio diniego (o silenzio rifiuto) sull'istanza di accertamento di conformità può essere impugnato dall'interessato in sede giurisdizionale nel termine decadenziale di sessanta giorni dalla sua formazione, alla stessa stregua di un comune provvedimento, senza che tuttavia sia possibile ravvisare in esso i vizi formali propri degli atti, quali i difetti di procedura o la mancanza di motivazione. Infatti il predetto provvedimento, in quanto tacito, è già di per sé privo di elementi giustificativi ed è impugnabile non per difetto di motivazione bens... _OMISSIS_ ... suo contenuto di rigetto.

Una volta decorsi inutilmente i termini di cui all'art. 36 T.U. edilizia, sulla domanda di accertamento di conformità si forma a tutti gli effetti un atto tacito di diniego, con conseguente onere a carico dell'interessato di impugnarlo, nel termine processuale di legge, pari a sessanta giorni, decorrente dalla data di formazione dell'atto negativo tacito.

In sede di ricorso giurisdizionale avverso il silenzio-rigetto della domanda di sanatoria il privato può allegare che l'istanza sia meritevole di accoglimento, per la sussistenza della prescritta doppia conformità delle opere abusive realizzate, adducendo un valido principio di prova.

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> SANZIONI EDILIZIE

... _OMISSIS_ ...tto dell’istanza di sanatoria, l’ordine di demolizione riacquista la sua efficacia, permanendo pertanto l’interesse alla sua impugnazione.

L'acquisizione gratuita al patrimonio del comune postula che, ove l'ordine di demolizione non eseguito sia divenuto inoppugnabile, l'autore dell'abuso non può far valere in sede d’impugnativa, relativamente all'atto dichiarativo dell'avvenuta acquisizione gratuita, eccezioni in merito alla natura dell'intervento ed al tipo di sanzione applicata ma, unicamente, vizi formali e procedurali inerenti alla fase d’impossessamento del bene da parte del comune.

Il presupposto per l’adozione di un’ordinanza di ripristino non è l'accertamento di responsabilità nella commissione ... _OMISSIS_ ...igrave; l’esistenza di una situazione dei luoghi contrastante con quella prevista nella strumentazione urbanistico-edilizia: sicché sia il soggetto che abbia la titolarità a eseguire l’ordine ripristinatorio – ossia in virtù del diritto dominicale il proprietario – che il responsabile dell’abuso sono destinatari della sanzione reale del ripristino dei luoghi e quindi legittimati attivi all’impugnazione della sanzione.

Il provvedimento di accertamento dell'inottemperanza all'ordine di demolizione e quello successivo d'acquisizione gratuita delle opere abusive e dell'area di sedime si giustappongono nel procedimento sanzionatorio in rapporto di consequenzialità all'ingiunzione di demolizione: essendo soggetti a caducazion... _OMISSIS_ ... caso di annullamento del provvedimento presupposto, non necessitano d'autonoma impugnazione se non per vizi propri.

L’annullamento della sola ordinanza di demolizione per vizi propri, non essendo più in discussione la liceità, o no d’un fabbricato costruito in assenza di titolo, implica solo l’obbligo del Comune di riemanarne una nuova, emendata dai vizi riscontrati.

La proposizione di un’istanza di sanatoria ordinaria non comporta la radicale e definitiva inefficacia dell’ordine di demolizione, ma fa conseguire all’atto uno stato di temporanea quiescenza, fino alla definizione del procedimento, espressa o tacita; una volta rigettata l’istanza suddetta, il provvedimento di demolizione riacquista la sua ... _OMISSIS_ ...rminando, così, la permanenza dell’interesse all’impugnazione dello stesso.

L'omessa impugnazione del diniego tacito di permesso di costruire in sanatoria determina l’inammissibilità delle censure che attengono al regime di assentibilità delle opere realizzate, essendo possibile, in sede di impugnazione dell’ordine di demolizione, far valere solo vizi propri di quest’ultimo.

Il provvedimento di acquisizione gratuita al patrimonio comunale &egra...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 11056 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo