La dichiarazione d'improcedibilità dei ricorsi amministrativi per sopravvenuta carenza di interesse

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> IMPROCEDIBILITÀ --> SOPRAVVENUTA CARENZA DI INTERESSE

Fermo restando il generale divieto di motivazione postuma dell’atto impugnato, il Giudice può dichiarare inammissibile per carenza di interesse il ricorso contro un atto amministrativo che nega la conservazione dell’immobile abusivo quando risulti in modo certo che l’interessato, ancorché l’atto venisse annullato, non potrebbe comunque conseguire il bene della vita sotteso, ovvero quando sul punto l’agire amministrativo sia vincolato ai sensi dell’art. 21 novies della l. 241/1990.

Mentre l’apertura dell’istruttoria sullo stesso oggetto del contenzioso non può certamente comportare la cessazione della... _OMISSIS_ ...ntendere – se non vi è un’esplicita revoca o annullamento in autotutela del provvedimento impugnato -, l’esame nel merito della domanda comporta necessariamente la sopravvenuta carenza d’interesse alla decisione del ricorso proposto per costringere il Comune convenuto a valutare nel merito la domanda.

Ai fini della dichiarazione d'improcedibilità di un ricorso per sopravvenuta carenza di interesse la sopravvenienza deve essere tale da rendere certa e definitiva l'inutilità della sentenza per aver fatto venir meno, per il ricorrente, qualsiasi residua utilità, anche soltanto strumentale o morale, della pronuncia del giudice, la cui relativa indagine deve essere da lui condotta con il massimo rigore onde evitare che la declaratoria d'impr... _OMISSIS_ ...risolva in una sostanziale elusione dell'obbligo di pronunciare sulla domanda.

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> IMPROCEDIBILITÀ --> SOPRAVVENUTA CARENZA DI INTERESSE --> CONCESSIONE DI BENI PUBBLICI

La scadenza del termine apposto all’atto impugnato che si verifichi in corso di processo [nella fattispecie la scadenza di una concessione demaniale marittima riferita ad una stagione balneare ormai conclusa] non comporta di per sé la sopravvenuta carenza di interesse al ricorso, dato che residua comunque nel ricorrente un interesse morale a sentir dichiarare la non legittimità dell’operato dell’amministrazione.

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> IMPROCEDIBILITÀ --> SOPRAVVENUTA CARENZA DI INTERESSE ... _OMISSIS_ ... VINCOLO

Nella provincia di Bolzano, all’intervenuta decadenza del vincolo preordinato all’esproprio per la mancata acquisizione del fondo da parte dell’amministrazione espropriante entro il termine decennale di cui all’art. 18, comma 1, l. urb. prov. consegue che deve essere dichiarata l’improcedibilità dell’azione di annullamento esperita con il ricorso di primo grado, per sopravvenuta carenza di interesse.

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> IMPROCEDIBILITÀ --> SOPRAVVENUTA CARENZA DI INTERESSE --> MANCATA ADOZIONE DEL DECRETO DI ESPROPRIO

Improcedibili sono le domande volte all’annullamento degli atti impugnati i quali a seguito della mancata adozione del decreto di esproprio han... _OMISSIS_ ... perduto efficacia giuridica e dall’altro hanno determinato una situazione di fatto la cui prospettata illiceità risulta assorbita dalla mancata conclusione della procedura espropriativa.

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> IMPROCEDIBILITÀ --> SOPRAVVENUTA CARENZA DI INTERESSE --> ORDINANZA CAUTELARE PROPULSIVA

Non è configurabile l'improcedibilità del ricorso proposto per l'annullamento di un provvedimento giurisdizionale se l'adozione del nuovo atto regolante la fattispecie da parte dell'Amministrazione non è spontanea, ma di mera esecuzione di un provvedimento giurisdizionale cautelare, in attesa che una sentenza di merito definitiva accerti se il provvedimento impugnato sia o meno legittimo.

GIUDIZIO --> IMPUGNA... _OMISSIS_ ...PROCEDIBILITÀ --> SOPRAVVENUTA CARENZA DI INTERESSE --> PERSISTENZA DELL'INTERESSE RISARCITORIO

Pur a fronte della conferma della zonizzazione dell’area interessata da ricorso, non può dirsi venuto definitivamente meno ogni interesse al vaglio di legittimità degli atti impugnati, giacché – anche in difetto di impugnazione del nuovo atto di pianificazione – potrebbe in astratto darsi la possibilità del riconoscimento del diritto al risarcimento del danno, anche se solo, eventualmente, per il limitato periodo in cui, in ipotesi, il terreno avrebbe potuto ricevere la destinazione agognata.

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> IMPROCEDIBILITÀ --> SOPRAVVENUTA CARENZA DI INTERESSE --> PIANI URBANISTICI

Allo... _OMISSIS_ ... del giudizio di impugnazione di una prescrizione urbanistica intervenga altro strumento, completamente sostitutivo del precedente, più nessun interesse a discutere sul precedente strumento urbanistico può residuare, e ciò anche quando il nuovo abbia riprodotto la prescrizione impugnata, palesandosi altrimenti un’eventuale pronuncia sul primo atto inutiliter data.

La “sostituzione” delle previsioni del Piano con nuove prescrizioni urbanistiche, pur integralmente confermative, determina il venir meno dell’interesse a ricorrere che sorregge il solo eventuale nuovo ricorso proposto avverso tali previsioni. In tal caso la domanda di annullamento risulta improcedibile. Né una diversa soluzione può affermarsi in ragione dell’intervenuta... _OMISSIS_ ...ella domanda di risarcimento del danno. La cognizione dei motivi di ricorso condotta nell’ambito della domanda di risarcimento del danno non elide la possibilità di decretare l’improcedibilità della diversa domanda di annullamento trattandosi, come evidente, di due azioni, comunque, distinte e, come tali, suscettibili di sorti processuali differenti.

Le osservazioni presentate nell’ambito del procedimento di approvazione del nuovo strumento urbanistico, anche se distanti dal contenuto delle difese rese nel giudizio, possano denotare il sopravvenire di un difetto di interesse nella decisione di tale ricorso, né, tanto meno, possano rappresentare una contraddittorietà nella volontà della società tale da poter incidere sull’andamento del g... _OMISSIS_ ...
La modificazione sopravvenuta della disciplina urbanistica è idonea a estinguere l’interesse alla decisione sulla domanda di annullamento e di accertamento della illegittimità del diniego del titolo edilizio solo quando non sia stata formulata istanza ex art. 34, comma 3, c.p.a.

È improcedibile il ricorso proposto avverso gli atti di adozione delle scelte pianificatorie ove sia poi intervenuta l'approvazione del piano regolatore, fonte autonoma di lesione, concentrandosi ogni interesse della parte ricorrente all’esame delle doglianze mosse avverso l’atto di approvazione.

La disciplina ex novo da parte del PRG provoca la sopravvenuta carenza di interesse all’esame del ricorso proposto avverso il precedente strume... _OMISSIS_ ...: con l’approvazione di un nuovo PRG il quale introduca una nuova disciplina della porzione di territorio di interesse dei ricorrenti, che sia sostanzialmente riproduttiva di quella introdotta da un Piano previgente, l’interesse all’impugnazione si sposta sulla delibera di approvazione del nuovo strumento urbanistico generale.

Nel caso in cui venga impugnata la prescrizione contenuta in un p.r.g., nelle more del processo sostituita da altra previsione urbanistica incidente sull...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 23435 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo