Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Il presente articolo è composto da sintesi giurisprudenziali tratte dal  prodotto di cui è mostrata la copertina. In tale prodotto il testo è riportato senza omissis, e ciascuna  sintesi è associata al pertinente brano originale e agli estremi della sentenza a cui essa si riferisce (come si può constatare scaricandosi il  demo del prodotto). Il cliente può acquistare il prodotto completo nonché, in certi casi, il solo articolo tratto da esso. 

L'usufruttuario nell'espropriazione per p.u.

SOGGETTI --> SOGGETTI PASSIVI --> USUFRUTTUARIO

I soggetti necessariamente destinatari della conoscenza degli atti del procedimento espropriativo sono solo ed esclusivamente i proprietari risultanti dagli atti catastali senza obbligo da parte della Amministrazione di ulteriori indagini sulla titolarità, con la sola eccezione dell'ipotesi in cui la stessa abbia sicura ed esatta conoscenza dei proprietari effettivi. E’ legittima pertanto la esclusione dalla notifica degli atti della procedura espropriativa di coloro che risultano unicamente usufruttuari, senza alcuna rilevanza catastale della loro condizione, in quanto non destinatari della ratio di tutela.

L'indennità dell'articolo 17 spetta anche all'usufruttuario e ai membri della comunione tacita familiare.

La procedura d’espropriazione va promossa e proseguita nei confronti dei proprietari iscritti in catasto, e non degli usufruttua... _OMISSIS_ ...o peraltro che le risultanze catastali corrispondano o meno alla effettiva situazione proprietaria ed alle successive variazioni che dovessero intervenire nelle more della procedura.

L’usufruttuario non ha titolo ad un’autonoma indennità né può autonomamente impugnare gli atti del procedimento.

Ai sensi delle disposizioni civilistiche, nonché delle norme del TU 327/2001 (artt. 25,29 e 34), in caso di espropriazione, l’usufrutto si trasferisce sul credito che nasce a seguito dell’espropriazione, e non determina diritto ad una indennità aggiuntiva da parte dell’usufruttuario.

La presenza di usufruttuari è evenienza che deve essere valutata nel giudizio di opposizione alla stima; in ogni caso non può comportare un frazionamento dell’indennità tra proprietario ed usufruttuario, avendo quest’ultimo diritto ai frutti prodotti ... _OMISSIS_ ...e; stessa.

I soggetti che vantino diritti di qualsiasi natura sul bene espropriato sia di natura personale sia di natura reale, compreso dunque l'usufruttuario, possono far valere il proprio diritto esclusivamente sulla indennità di esproprio e potranno agire nei confronti del proprietario dopo che essa sia stata corrisposta.

SOGGETTI --> SOGGETTI PASSIVI --> USUFRUTTUARIO --> MODIFICHE DURANTE LA PROCEDURA

L'emissione del decreto di esproprio, determinando il trasferimento della proprietà in favore dell'ente espropriante e l'estinzione dei diritti incidenti sul fondo, che ai sensi della L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 52, comma 2, possono essere fatti valere esclusivamente sull'indennità, impedisce il verificarsi del consolidamento, che presuppone la persistente titolarità del diritto dominicale da parte del proprietario, e fa sorgere in favore dell'usufruttuario un diritto di credit... _OMISSIS_ ...'espropriante, che in caso di morte del titolare si trasmette ai suoi eredi, non necessariamente coincidenti con i nudi proprietari.

Il mancato “aggiornamento” del nominativo dell’usufruttuario (giusta segnalazione del soggetto interessato), rappresenta una mera irregolarità, non inficiante la legittimità del provvedimento (decreto di esproprio), ai sensi dell’art. 21 octies della legge n. 241/1990.