La responsabilità contabile in materia di espropriazione per p.u.: il danno indiretto

Il danno indiretto deriva dalle sentenze di condanna - più precisamente dagli oneri accessori, quali interessi legali e spese di giudizio che da esse derivano - emesse dal giudice ordinario (nei giudizi risarcitori per cd. accessione invertita e in quelli volti ad ottenere l’indennità di occupazione) nei confronti delle pubbliche amministrazioni in favore dei soggetti privati incisi da procedure di esproprio non definite nel rispetto della disciplina di settore.

L'ipotesi di responsabilità per danno indiretto ricorre quando il dipendente o l’amministratore vengano chiamati a rispondere del danno cagionato all’amministrazione di appartenenza che, in forza di atto transattivo o di sentenza, abbia risarcito un terzo per un evento lesivo riconduc... _OMISSIS_ ...otta illecita del dipendente o dell’amministratore. Presupposto di tale responsabilità è, pertanto, l’esistenza di un obbligo giuridico di risarcire il danno cagionato al terzo; obbligo che può discendere o da una libera determinazione della stessa amministrazione (come, nel caso, della transazione) o dall’autorità che l’ordinamento conferisce all’accertamento contenuto in sentenza.

L'ipotesi di responsabilità per danno indiretto, ricorre quando il dipendente o l’amministratore vengano chiamati a rispondere del danno cagionato all’amministrazione di appartenenza che, in forza di atto transattivo o di sentenza, abbia risarcito un terzo per un evento lesivo riconducibile alla condotta illecita del dipendente o dell&rsquo... _OMISSIS_ .... Presupposto di tale responsabilità è, pertanto, l’esistenza di un obbligo giuridico di risarcire il danno cagionato al terzo; obbligo che può discendere o da una determinazione della stessa amministrazione - come, nel caso, della transazione - o dall’autorità che l’ordinamento conferisce all’accertamento contenuto in sentenza.

L’esborso di denaro che la pubblica amministrazione è costretta a sostenere per effetto di sentenze di condanna esecutive determina un danno indiretto che trova, ex art. 28 Cost., nell’azione di responsabilità erariale l’imprescindibile “terzo pilastro”. Al rapporto iniziale tra il pubblico dipendente (presunto autore del danno) e l’ente pubblico di riferimento e a quello succ... _OMISSIS_ ...uo;ultimo e il terzo (danneggiato) deve, infatti, aggiungersi il terzo rapporto tra l’ente, che ha anticipato quale coobbligato in solido quanto dovuto, per conto del proprio dipendente, e quest’ultimo che deve essere chiamato a rispondere in sede amministrativo-contabile.

Il “danno indiretto” consiste nel danno originariamente sofferto da un soggetto terzo ma che si riverbera nei confronti dell’amministrazione che - a seguito di transazione stipulata col medesimo o di sentenza di condanna emessa nei suoi confronti – è obbligata al risarcimento del danno provocato dalla sua azione compiuta attraverso un suo dipendente (riconducibile alla fattispecie giuridica tipica delineata nell’art. 22 del T.U. degli impiegati ... _OMISSIS_ ...ato, approvato con D.P.R. n. 3 del 1957).

Il cosiddetto “danno indiretto” consiste nel pregiudizio che l’amministrazione - a seguito di transazione o di condanna in sede giudiziaria - è tenuta a risarcire al terzo ingiustamente danneggiato dal suo dipendente.

Si verte in un’ipotesi di responsabilità amministrativa qualificabile come “indiretta” qualora il danno pubblico non si configuri come immediata conseguenza della condotta del pubblico dipendente o amministratore, ma si fondi sul riconosciuto obbligo della P.A. di risarcire il danno subito da privati.

Si verte in una ipotesi di responsabilità amministrativa qualificabile come “indiretta” qualora il danno pubblico non si configu... _OMISSIS_ ...ta conseguenza della condotta del pubblico dipendente o amministratore, ma si fondi sul riconosciuto obbligo della P.A. di risarcire il danno subito dai privati (nel caso di specie) per effetto dell'intervenuta occupazione illegittima.

Il danno patrimoniale indiretto consiste nel pregiudizio arrecato dal presunto responsabile ad un terzo nei cui confronti l’Amministrazione è tenuta al risarcimento.

Il cosiddetto danno erariale “indiretto” si sostanzia nell'importo delle somme liquidate dall'Ente pubblico come oneri aggiuntivi sopportati a seguito della soccombenza nel giudizio civile instaurato dal privato proprietario, a seguito di mancata conclusione del procedimento espropriativo, essendo questo un esborso cui non corrispond... _OMISSIS_ ...à acquisita al patrimonio dell'ente stesso.

Requisito essenziale per la riconducibilità di un nocumento erariale nella categoria del “danno indiretto”, è il carattere concreto e definitivo della misura risarcitoria; nell’ipotesi di un obbligo risarcitorio discendente da una statuizione giudiziale di condanna, tale condizione non è ravvisabile in pendenza di giudizio e dunque qualora, allo stato, permanga una condizione di incertezza non risolta.

Il danno cagionato non direttamente all'Amministrazione, bensì a terzi che l'Amministrazione stessa è stata obbligata a risarcire in base a una pronuncia dell'Autorità Giudiziaria, costituisce fattispecie di c.d. danno indiretto.

Sussiste ipotesi di responsabil... _OMISSIS_ ...iva qualificabile come “indiretta”, qualora il danno pubblico non si configuri come immediata conseguenza della condotta del pubblico dipendente o amministratore, ma si fondi sul riconosciuto obbligo della P.A. di risarcire il danno subito dai privati.

E’ indiretto il danno derivante dall'assolvimento di un obbligo di risarcimento verso terzi danneggiati dal comportamento dell'agente.

Le maggiori somme erogate in esecuzione della sentenza civile di condanna rispetto a quelle che si sarebbero dovute pagare a titolo di indennità di esproprio e che sostanzialmente si identificano negli importi pagati a titolo di interessi legali e/o rivalutazione monetaria oltre alle spese del giudizio, il cui esborso si ricollega esclusiva... _OMISSIS_ ...o completamento della procedura espropriativa, configurano fattispecie rientrante in ipotesi di danno indiretto.

Il danno per cui è introdotto il giudizio di responsabilità amministrativa, discendente dalla sentenza civile di condanna al risarcimento di un danno (nel caso di specie conseguente ad omessa conclusione della procedura espropriativa) è di natura indiretta.

Il danno erariale “indiretto” si sostanzia nell'importo delle somme liquidate dall'Ente come oneri aggiuntivi sopportati a seguito della soccombenza nel giudizio ordinario instaurato dal privato proprietario (nel caso di specie a fronte di occupazione divenuta illegittima per mancata conclusione della procedura espropriativa), essendo questo un esborso cui non co... _OMISSIS_ ...a utilità acquisita al patrimonio dell'ente stesso.

Il danno per cui è introdotto il giudizio di responsabilità amministrativa, discendente da sentenza civile di condanna della pubblica amministrazione al risarcimento di un danno riportato da privati, nel caso di specie conseguente a mancata conclusione, nei termini, della procedura espropriativa, è di natura indiretta.

Costituisce un tipico caso di danno indiretto quello conseguente ad una sentenza di condanna della pubblica amministrazione al risarcimento in favore di ter...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 9599 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo