Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Il presente articolo è composto da sintesi giurisprudenziali tratte dal  prodotto di cui è mostrata la copertina. In tale prodotto il testo è riportato senza omissis, e ciascuna  sintesi è associata al pertinente brano originale e agli estremi della sentenza a cui essa si riferisce (come si può constatare scaricandosi il  demo del prodotto). Il cliente può acquistare il prodotto completo nonché, in certi casi, il solo articolo tratto da esso. 

Responsabilità del Sindaco per la mancata conclusione della procedura espropriativa

RESPONSABILITÀ CONTABILE --> SOGGETTI --> SOGGETTI PASSIVI --> DISTINZIONE TRA POLITICI E TECNICI --> SINDACO

La legge di riforma n. 142 del 1990, che ha introdotto la fondamentale distinizione (peraltro da attuarsi in sede di statuto) tra sfera di indirizzo politico-amministrativo e sfera gestionale (art.51), ha, nel contempo (art.36, modificato dall’art.12 della l.25 n.81/1993), confermato in capo al sindaco in quanto, oltre che organo politico, anche vertice dell’apparato burocratico comunale, la funzione di vigilare e di sovrintendere sui servizi ed uffici dell’ente al fine di assicurare il necessario raccordo tra sfera politico-decisionale e sfera burocratico-gestionale, già nel precedente ordinamento disciplinata dagli artt. 142 e 151 del T.U.L.C.P. del 1915, attribuzioni poi ribadite anche nel recente testo unico approvato con d. lgs.n.267 del 2000 (art.50, comma 1).

Un sindaco che a... _OMISSIS_ ...uo;occupazione in via d’urgenza per la durata di cinque anni, aveva piena contezza dell’arco temporale entro il quale la vicenda doveva concludersi e avrebbe dovuto rispettare gli incombenti che la normativa poneva a suo carico

La competenza in materia di espropriazione per pubblica utilità, giusta leggi n. 2359 del 1865, 865 del 1971 e 1 del 1878, spettava ai sindaci competenti del territorio, dovendosi ritenere antigiuridica - direttamente in capo ad essi - la condotta omissiva dei provvedimenti conclusivi delle procedure di esproprio, a seguito dell'emanazione del decreto di occupazione. Spettava in ogni caso ad essi un generale dovere di iniziativa e vigilanza, nel senso di impartire direttive all’apparato amministrativo e di vigilare sull’esecuzione dei singoli adempimenti connessi alla procedura acquisitiva di pubblica utilità. Infatti il Sindaco, in virtù dell'art. 151 del T.U.L.C.P. n. 148/1915, ave... _OMISSIS_ ...rintendere al funzionamento degli uffici e dei servizi, funzione da esercitare mediante direttive e adeguati atti di impulso dei procedimenti istruttori e tecnici.

La legge di riforma n.142 del 1990 ha introdotto la fondamentale distinizione tra sfera di indirizzo politico-amministrativo e sfera gestionale (art.51). Tuttavia tale legge ha, nel contempo (art. 36, modificato dall’art.12 della l.25 n.81/1993), confermato in capo al sindaco - in quanto, oltre che organo politico, anche vertice dell’apparato burocratico comunale - la funzione di vigilare e di sovrintendere sui servizi ed uffici dell’ente al fine di assicurare il necessario raccordo tra sfera politico-decisionale e sfera burocratico-gestionale, già nel precedente ordinamento disciplinata dagli artt. 142 e 151 del T.U.L.C.P. del 1915, attribuzioni poi ribadite anche nel recente testo unico approvato con d. lgs.n.267 del 2000 (art. 50, comma 1).

Suss... _OMISSIS_ ...o soggettivo della colpa grave sia in capo al Sindaco il quale, a dispetto della specifica conoscenza e gestione diretta della procedura espropriativa, in quanto svoltasi in costanza del suo mandato elettivo, ha - in dispregio alle norme regolatrici la materia degli espropri pubblici, e quindi con imperizia - omesso di assumere iniziative per una tempestiva conclusione della procedura espropriativa de qua e per evitare i contenziosi con l’Ente.

Nella materia delle espropriazioni di fondi altrui per l’esecuzione di opere pubbliche, le competenze attribuite al sindaco, ai fini di un efficace perfezionamento dei procedimenti connessi, hanno un rilievo pregnante rispetto a quelle proprie di altre figure presenti nell’organigramma comunale (tecnico e assessore al ramo).

Nella materia delle espropriazioni di fondi altrui per l’esecuzione di opere pubbliche, la primaria responsabilità del sindaco non cambia nean... _OMISSIS_ ...ienza della legge 8 giugno 1990, n.142 sulle autonomie locali che, all'art.51, che istituisce la figura del dirigente, perché le concrete attribuzioni dei dirigenti comunali dovevano poi essere disciplinate dagli statuti e dai regolamenti degli enti (la piena attribuzione dei poteri gestionali ai dirigenti degli Enti locali troverà la sua consacrazione solo nell'anno 1997, in virtù della disposizione recata dall'art. 6, comma 2°, della legge n.127/1997).

Ove sia individuato nel Sindaco l’Organo comunale competente in ordine all’adozione degli atti relativi alla procedura ablatoria, la sua responsabilità Sindaco emerge nella sua totale evidenza, laddove solo si consideri che egli era chiamato ad adottare tempestivamente l’atto conclusivo del procedimento espropriativo di sua esclusiva competenza, e la violazione di detto compito ha comportato la verificazione del nocumento erariale .

La l... _OMISSIS_ ...e Autonomie Locali n. 142/1990, che distinse per la prima volta tra competenze e responsabilità degli organi politici e competenze e responsabilità degli organi amministrativi dirigenziali, non ha comunque mutato l’attribuzione al Sindaco, Organo di vertice del Comune, dell’obbligo di vigilare e sovrintendere al funzionamento degli uffici e dei servizi del Comune ed all’esecuzione di atti (tra cui la specifica materia delle espropriazioni per pubblica utilità), attribuzioni queste peraltro già presenti nel precedente ordinamento ed espressamente disciplinate dal c. d. degli artt. 142 e 151 del TULCP del 1915, più di recente riaffermate nel vigente TUEL, approvato con D.lgs. n. 267/2000, art. 50, 1° e 2° comma.

Ai sensi della normativa previgente in materia di esproprio (leggi nn. 2359/1865 e 865/1971) l’emissione dei provvedimenti espropriativi rientrava nella competenza sindacale, a c... _OMISSIS_ ...a la relativa responsabilità. Inoltre, i sindaci, soprattutto in Comuni di non rilevanti dimensioni ed in assenza di deleghe specifiche ad altri assessori, erano tenuti ad esercitare un’autonoma funzione di stimolo e di controllo almeno nei confronti delle questioni amministrative di maggior rilievo, come quelle connesse all’attività espropriativa che se non realizzata nei termini previsti dalla legge comporta effetti pregiudizievoli nei confronti dei privati incisi dalla stessa.

Il testo unico comunale e provinciale n. 383/1934 affidava al sindaco la sovrintendenza degli uffici comunali. Tale regime non ha avuto un immediato mutamento nemmeno a seguito della sopravvenienza della legge n. 142/1990, in quanto la piena attribuzione dei poteri gestionali ai dirigenti degli enti locali ha trovato la sua concreta realizzazione solo con l’entrata in vigore della legge n. 127/1997 e con la concreta adozione degli statuti e de... _OMISSIS_ ...r />
La giurisprudenza è pressoché pacifica nel ritenere che è indiscutibile il connotato antigiuridico della condotta tenuta dal Sindaco in carica nel periodo di legittima occupazione del terreno, il quale, dopo avere emanato il decreto di occupazione, abbia omesso di provvedere, ove necessario sollecitando l'assessore e gli uffici competenti in caso di inerzie e/o ritardi, all'adozione dei successivi atti della procedura espropriativa, disciplinati dalla normativa generale recata dalla legge 22 ottobre 1971 n.865, al fine di consentirne la tempestiva definizione con l'emanazione del provvedimento finale ablatorio.

I sindaci, sui quali incombeva uno specifico dovere di iniziativa e di vigilanza, rispondono della condotta omissiva rispetto al dovere (fino alla piena attribuzione dei poteri gestionali ai dirigenti avvenuta nel 1997) di impartire direttive e dare impulso all’apparato amministrativo e di vigilare ... _OMISSIS_ ...e dei singoli adempimenti connessi alla procedura acquisitiva di pubblica utilità, condotta connotata dall’elemento soggettivo della colpa grave, ove si consideri che normale diligenza li avrebbe indotti ad assumere cognizione dello stato dei procedimenti in corso e di adoperarsi, per quanto di competenza, per un sollecito perfezionamento del loro iter, entro i termini di scadenza delle occupazioni, impedendo così ai proprietari di agire giudizialmente per il ristoro dei danni subiti in conseguenza dell’irreversibile trasformazione dei terreni di loro proprietà.

Esiste in capo al sindaco, in quanto, oltre che organo politico, anche vertice dell’apparato amministrativo comunale e di questo responsabile, l’obbligo di vigilare e di sovrintendere al funzionamento dei servizi e degli uffici ed all’esecuzione degli atti. Nella fattispecie il sindaco, pur essendo stato in carica in quasi tutto il periodo di ... _OMISSIS_ ...e del terreno di cui è causa, dopo avere firmato il provvedimento che determinò le indennità di esproprio, si è poi completamente disinteressato della procedura, astenendosi dall’assumere qualsivoglia iniziativa, - in termini di impulso, sovrintendenza, direttiva - nei confronti dei dipendenti dell’ufficio che aveva istituito proprio al fine di “al fine di assicurare maggiore coordinamento ed incisività alle iniziative ed alle attività connesse sia alle procedure espropriative per P.U.”

La condotta del Sindaco che si è reso responsabile di una condotta omissiva rispetto al dovere di impartire direttive all’apparato amministrativo e di vigilare sulla esecuzione dei singoli adempimenti connessi alla procedura acquisitiva di pubblica utilità, è connotata perlomeno dall’elemento soggettivo della colpa grave, ove si consideri che normale diligenza lo avrebbe... _OMISSIS_ ......

...continua.

Acquista l'articolo per soli 6,00 €, potrai visualizzarlo sempre sul nostro sito e ti verrà inviata una mail con il PDF dell'articolo in allegato

Acquista articolo