I termini della dichiarazione di pubblica utilità: aspetti particolari

PUBBLICA UTILITÀ --> DICHIARAZIONE DI P.U. --> TERMINI

La fissazione dei termini per l'inizio ed il compimento delle espropriazioni e dei lavori deve intervenire non solo nei casi di dichiarazione esplicita di pubblica utilità, ma anche nelle ipotesi in cui l'approvazione del progetto dell'opera ne comporti la dichiarazione implicita.

PUBBLICA UTILITÀ --> DICHIARAZIONE DI P.U. --> TERMINI --> COMPUTO

E’ del tutto irrilevante, al fine del computo del termine di efficacia della pubblica utilità dichiarata da organo incompetente, il provvedimento di convalida, atteso che tale provvedimento è idoneo unicamente a sanare l’iniziale difetto di competenza, ma è insuscettibile di determinare un differimento del ... _OMISSIS_ ...dità della dichiarazione di pubblica utilità.

Il termine per il compimento della procedura espropriativa fissato in giorni e non in anni impone, a differenza della seconda ipotesi, di tenere conto di ogni singolo giorno presente nel calendario nell’arco di tempo in questione e, pertanto, anche dell'eventuale giorno in più legato ad anni bisestili; improprio pertanto la conversione di tale termine in corrispondenti anni.

PUBBLICA UTILITÀ --> DICHIARAZIONE DI P.U. --> TERMINI --> DECORRENZA

Il dies a quo del termine della pubblica utilità decorre dalla data di esecutività della delibera di approvazione del progetto definitivo, in quanto l’art. 12 d.p.r. n. 327/2001 prevede tassativamente le fattispecie che compo... _OMISSIS_ ...ione implicita di pubblica utilità, tra cui l’approvazione del progetto definitivo dell’opera pubblica, non già del progetto esecutivo, non risultando possibile interpretare estensivamente la norma ed attribuire l’effetto di produrre dichiarazione di pubblica utilità all’approvazione del progetto esecutivo, anche alla luce del carattere accessorio di quest’ultima. Il dl n. 1/2012 che ha introdotto il comma 1 bis nel corpo dell’art. 97 dlgs n. 163/2006 che ha esteso la possibilità di disporre la p.u.con l'esecutivo, non ha effetto retroattivo, e ha ad oggetto l'ambito applicativo degli appalti pubblici.

Il termine per l’emanazione del decreto di esproprio deve essere individuato (ai sensi del comma 4 dell’art. 13 ... _OMISSIS_ ...alla scadenza del quinto anno “decorrente dalla data in cui diventa efficace l'atto che dichiara la pubblica utilità dell'opera”. Come è dato osservare, la norma, in coerenza con i principi generali, individua il dies a quo non già al momento della mera adozione dell’atto amministrativo (momento in cui quest’ultimo consegue, in via presuntiva, validità), bensì al momento del completamento della fattispecie tipica di esercizio del potere, e cioè al momento di conseguimento dell’efficacia, da parte dell’atto medesimo.

Ai sensi del combinato disposto degli articoli 13 e 17 del d.p.r. n.327 del 2001, la dichiarazione di pubblica utilità dell’opera deriva dall’approvazione del progetto definitivo ed è solo dall... _OMISSIS_ ...a di quest’ultimo, e non del preliminare, che decorrono anche i termini per l’adozione del decreto di esproprio.

Ai fini del computo del termine quinquennale finale per la conclusione del procedimento ablatorio occorre fare riferimento al momento di approvazione del progetto definitivo, e non ad un momento caratterizzante la fase attuativa del progetto definitivo; se così fosse si arriverebbe all'irrazionale conclusione di rinviare sine die l’onere della P.A. di concludere la procedura ablatoria entro un determinato termine fissato dalla legge.

La scadenza dei termini della dichiarazione di pubblica utilità, determina la perdita del potere espropriativo, con conseguente venir meno dell’efficacia degli atti di occup... _OMISSIS_ ...eni e la legittimità dell’occupazione delle aree.

In ipotesi in cui l'approvazione del progetto definitivo, contenente l'indicazione del termine per il completamento della procedura espropriativa, intervenga prima dell'apposizione del vincolo (nel caso di specie) mediante accordo di programma comportante anche dichiarazione di PU e mancante di indicazione dei termini, si può dissertare se il decreto di esproprio possa essere varato entro il termine di cinque anni ex art. 13.4 DPR 327/2001 ovvero entro il termine già fissato nel precedente atto, che inizierebbe a decorrere (divenendo efficace ex art. 12.3 TU.) solo dal momento dell’approvazione dell'atto (Accordo di programma), impositivo del vincolo.

La durata dell’occupazione ... _OMISSIS_ ... non può essere sovrapposta a quella della dichiarazione di PU; ne consegue che i termini previsti per il compimento delle espropriazioni e dei lavori di cui alla L. n. 2359 del 1865, art. 13, non possono decorrere dalla data di immissione possesso, bensì dalla data della delibera dichiarativa della pubblica utilità dell'opera contenente la fissazione dei suddetti termini.

La tesi secondo cui la decorrenza del termine di efficacia della dichiarazione di pu dovrebbe essere legata non all'adozione del provvedimento, bensì all’adempimento della pubblicazione non è accettabile in linea di principio; ciò, infatti, renderebbe incerta la stessa sorte del diritto di proprietà e lo affiderebbe alla mercé dell'Amministrazione, la quale potrebbe colpe... _OMISSIS_ ...are la pubblicazione stessa continuando ad eseguire atti della procedura aggirando così il termine fissato.

I termini di pubblica utilità iniziano a decorrere dalla data di esecutività della delibera di approvazione del progetto definitivo

PUBBLICA UTILITÀ --> DICHIARAZIONE DI P.U. --> TERMINI --> DEROGABILITÀ

Il fatto che la dichiarazione di p.u. sia implicita nell'approvazione del progetto dell'opera pubblica, ai sensi della L. n. 1 del 1978, art. 1, non esonera l'Amministrazione dalla fissazione dei termini previsti dalla L. n. 2359 del 1865, art. 13, per l'inizio e il compimento dell'espropriazione e dei lavori e non esclude l'applicazione del termine triennale previsto per l'inizio dei lavori dall'art. 1 della... _OMISSIS_ ... del 1978 a pena di decadenza.

Le norme che regolano le procedure amministrative sono norme di diritto pubblico e tutt’altro che derogabili dalle parti; ne consegue che non ha alcuna efficacia l’affermazione inserita nei verbali di transazione in virtù della quale i proprietari rinunciano al termine finale della procedura espropriativa.

PUBBLICA UTILITÀ --> DICHIARAZIONE DI P.U. --> TERMINI --> DURATA

Non può asserirsi che la dichiarazione di pubblica utilità non potrebbe fissare, tra il termine iniziale del compimento delle procedure e quello finale, un periodo superiore a cinque anni; l'art. 13, L. 2359/1865 non impone alcun termine, quantomeno quinquennale. Legittimamente poi può essere fissato ex art. 13,... _OMISSIS_ .... 327/2001, un termine finale di 6 anni delle espropriazioni, termine entro il quale deve essere emanato l’atto di esproprio, con la conseguenza che, in tale ipotesi, non trova applicazione la norma sussidiaria dell’art. 13 citato, comma 4.

Premesso che i quattro termini massimi (acceleratori quelli iniziali, perentori quelli finali) sono fissati sulla base di valutazioni presuntive e discrezionali dell’Amministrazione in ordine ai tempi di attivazione e di conclu...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 12615 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo