Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Il presente articolo è composto da sintesi giurisprudenziali tratte dal  prodotto di cui è mostrata la copertina. In tale prodotto il testo è riportato senza omissis, e ciascuna  sintesi è associata al pertinente brano originale e agli estremi della sentenza a cui essa si riferisce (come si può constatare scaricandosi il  demo del prodotto). Il cliente può acquistare il prodotto completo nonché, in certi casi, il solo articolo tratto da esso. 

Durata della pubblica utilità: l'articolo 13 del dPR 327/2001

PUBBLICA UTILITÀ --> DICHIARAZIONE DI P.U. --> TERMINI --> ART. 13 DPR 327/2001

La previsione di un termine unico è divenuta la regola nel D.P.R. n. 327 del 2001, il cui art. 13 ha unificato i due termini finali fissandone la durata massima in 5 anni, prorogabili dall'autorità preposta per un periodo non superiore ad altri due, ove ricorrano le condizioni stabilite nel comma 5 della norma.

L'obbligo d'indicare nella delibera di approvazione del progetto di opera pubblica i termini di inizio e di ultimazione dei lavori della procedura espropriativa, già posto dall'art. 13 della Legge 25.6. 1865 n. 2359, è stato abolito dall'art. 13 del T.U. 8.6.2001 n. 327, il quale ha previsto, ma soltanto in via facoltativa, l'indicazione del termine entro il quale deve essere emanato il decreto di esproprio ed ha stabilito che, in mancanza di detta previsione, si applica il termine massimo di cinque anni._OMISSIS_ ...i dell’art. 13, c. 5 del D.P.R. n. 327 del 2001, il provvedimento oblatorio può essere emanato entro il termine di cinque anni decorrente dalla data in cui diventa efficace l’atto che ha dichiarato la pubblica utilità dell’opera.

L'obbligo di indicare nella delibera di approvazione del progetto di opera pubblica i termini di inizio e di ultimazione dei lavori della procedura espropriativa, già prescritto dall'art. 13 della Legge 25.6.1865 n. 2359, è stato abolito dall'art. 13, del T.U. 8.6.2001 n. 327, il quale ha previsto, ma solo come facoltativa, l'indicazione del termine entro il quale deve essere emanato il decreto di esproprio ed ha stabilito che, in mancanza di detta previsione, si applica il termine massimo di cinque anni.

Non assume rilievo l’omessa indicazione dei termini di inizio e fine delle procedure espropriative, in asserita violazione dell’art. 13, comma 4, del d... _OMISSIS_ ...grave; in quanto l'obbligo di indicare nella delibera di approvazione del progetto di opera pubblica i termini di inizio e ultimazione dei lavori e della procedura espropriativa, già prescritto dall'art. 13 della legge 25 giugno 1865, n. 2359, è stato abolito dall'art. 13 del t.u. 8 giugno 2001 n. 327.

L'art.13 del D.P.R. n.327 del 2001 al comma 3 prevede che "nel provvedimento che comporta la dichiarazione di pubblica utilità dell'opera può essere stabilito il termine entro il quale il decreto di esproprio va emanato"; al successivo comma 4 poi è espressamente contemplato che "se manca l'espressa determinazione del termine di cui al comma 3, il decreto di esproprio può essere emanato entro il termine di cinque anni, decorrente dalla data in cui diventa efficace l'atto che dichiara la pubblica utilità dell'opera".

L’art. 13, commi 3 e 4 DPR 327/2001, ha reso faco... _OMISSIS_ ...e dei termini iniziali e finali delle procedure espropriative e dei lavori, prevedendo, in caso di omessa previsione, l'applicazione di quello quinquennale.

Con l'entrata in vigore del d.P.R. n. 327/2001 (30 giugno 2001), ha perso ogni rilievo la fissazione dei termini relativi ai lavori, mentre, relativamente ai termini per le espropriazioni, all'art. 13, si prevede unicamente la facoltà (non l'obbligo) dell'autorità espropriante di indicare «il termine entro il quale il decreto di esproprio va emanato» (comma 3), aggiungendo che, in difetto dell'indicazione del termine, «il decreto di esproprio può essere emanato entro il termine di cinque anni, decorrente dalla data in cui diventa efficace l'atto che dichiara la pubblica utilità» (comma 4).

L’obbligo di indicare, nella delibera di approvazione del progetto di opera pubblica, i termini di inizio e di ultimazione dei lavori e de... _OMISSIS_ ...riativa, già prescritto dall’art. 13 della legge 25 giugno 1865 n. 2359, risulta sostanzialmente abolito dal vigente art. 13 d.P.R. n. 327/2001, il quale ha previsto, ma solo come facoltativa, l’indicazione del termine entro il quale deve essere emanato il decreto di esproprio ed ha stabilito che, in mancanza di detta previsione, si applica il termine massimo di cinque anni.

La determinazione dei termini di inizio e fine dei lavori e delle espropriazioni può essere effettuata preventivamente dal legislatore; questa è divenuta la regola nel D.P.R. n. 327 del 2001, il cui art. 13 ha unificato i due termini finali fissandone la durata massima in 5 anni, prorogabili dall'autorità che l'ha dichiarata per un periodo non superiore ad altri due, ove ricorrano le condizioni stabilite nel comma 5 della norma.

Con l’entrata in vigore d.P.R. n. 327 del 2001, nell’atto comportante la dichiarazione ... _OMISSIS_ ...grave;, ha perso ogni rilievo la fissazione dei termini relativi ai lavori, mentre, relativamente ai termini per le espropriazioni, all’art. 13, si prevede unicamente la facoltà (non l’obbligo) dell’autorità espropriante di indicare il termine entro il quale il decreto di esproprio va emanato (comma 3), aggiungendo che, in difetto dell’indicazione del termine, il decreto di esproprio può essere emanato entro il termine di cinque anni, decorrente dalla data in cui diventa efficace l’atto che dichiara la pubblica utilità.

In mancanza di indicazione dei termini per l’emanazione del decreto di esproprio, trova applicazione il termine quinquennale di cui all’art. 13, IV comma, del D.Lgs. n. 327/2001, scaduto il quale si esaurisce l’efficacia della dichiarazione di pubblica utilità.

La nuova disciplina in materia di espropri di cui al DPR 327/2001 esclude che... _OMISSIS_ ...zione dei termini di inizio e fine lavori possa essere fatta discendere l’illegittimità della dichiarazione di pubblica utilità, in quanto, in assenza di diversa previsione, i termini massimi entro cui l’Amministrazione deve provvedere sono fissati ex lege. Risulta, quindi, del tutto superata la giurisprudenza formatasi sulla scorta dell’art. 13 della legge 2359 del 1865.

L'obbligo di indicare, nella delibera di approvazione del progetto di opera pubblica, i termini di inizio e di ultimazione dei lavori e della procedura espropriativa, già prescritto dall'art. 13 della legge 25 giugno 1865 n. 2359, risulta sostanzialmente abolito dal vigente art. 13, D. Lgs. 8 giugno 2001 n. 327, il quale ha previsto, ma solo come facoltativa, l'indicazione del termine entro il quale deve essere emanato il decreto di esproprio ed ha stabilito che, in mancanza di detta previsione, si applica il termine massimo di cinque anni.
_OMISSIS_ ...rmini stabiliti “ex lege” per la dichiarazione di pubblica utilità previsti dall'art. 13 DPR 327/2001, a realizzare le garanzie costituzionali a tutela della proprietà ed a rendere superfluo l’obbligo di fissare tempi certi per il compimento dei lavori, dovendo questi realizzarsi sempre all’interno dell’arco temporale imposto all’atto avente valenza di dichiarazione di p.u.

Con l'entrata in vigore del d.P.R. n. 327/2001 ha perso ogni rilievo la fissazione dei termini relativi ai lavori, mentre, relativamente ai termini per le espropriazioni, all'art. 13, si prevede unicamente la facoltà (non l'obbligo) dell'autorità espropriante di indicare «il termine entro il quale il decreto di esproprio va emanato» (comma 3), aggiungendo che, in difetto dell'indicazione del termine, «il decreto di esproprio può essere emanato entro il termine di cinque anni, decorrente dalla d... _OMISSIS_ ...fficace l'atto che dichiara la pubblica utilità» (comma 4).

Alla luce della normativa di cui al DPR 327/2001 è priva di conseguenze giuridiche la mancata indicazione dei termini espropriativi: ma ciò non perché si tratti di termini inutili ma in quanto l'espropriante non può, comunque, superare il termine massimo quinquennale stabilito per legge a cui occorre riferirsi anche quando l'amministrazione non indica alcun termine.

Data l’essenzialità del termine finale di efficacia della dichiarazione di pubblica utilità, il legislatore ha previsto (da ultimo nel testo dell’art. 13 del DPR 327/2001) che, in mancanza della fissazione di tale termine da parte dell’amministrazione esso non possa essere superiore a cinque anni, decorrenti dal momento in cui è divenuto efficace il provvedimento con cui è stata dichiarata la pubblica utilità, entro i qual... _OMISSIS_ ...to il decreto di esproprio.

Legittimamente l'Amministrazione con l'approvazione contestuale del progetto definitivo e di quello esecutivo fissa i relativi termini di espropriazione, con la precisazione che un'eventuale omissione sarebbe sanata dalla previsione dell’art. 13 D.P.R. n. 327/2001 che fissa il termine legale di cinque anni per il completamento delle procedure espropriative.

La previsione di termini legali è divenuta la regola nel nuovo T.U. per le espropriazioni di p.u. appr. con D.P.R. n. 327 del 2001, il cui art. 13 ha unificato i due termini finali fissandone la durata massima in 5 anni, prorogabili dall'autorità che l'ha dichiarata per un periodo non superiore ad altri due, ove ricorrano le condizioni stabilite nel quinto comma della norma.

L’art 13 commi 3 e 4 d.p.r. 327/2001, nell’introdurre, con disposizione innovativa rispetto alla disciplina precedente, un generale term... _OMISSIS_ ......

...continua.

Acquista l'articolo per soli 6,00 €, potrai visualizzarlo sempre sul nostro sito e ti verrà inviata una mail con il PDF dell'articolo in allegato

Acquista articolo