Funzione dei termini della pubblica utilità

I termini di cui alla L. n. 2359 del 1865, art. 13, volti ad evitare che la situazione d'incertezza sulla sorte dei beni espropriandi si protragga indefinitamente, sono posti in funzione di garanzia della proprietà privata.

I termini di cui all’art. 13 della legge fondamentale in materia di espropri segnano il limite per la giuridica esistenza e validità della dichiarazione di pubblica utilità in osservanza del principio stabilito nell’art. 42 della Costituzione secondo il quale la proprietà privata può essere sacrificata solo in relazione ad interessi generali concreti ed attuali e non per esigenze future.

La legge 25 giugno 1865, n. 2359 del 1865, art. 13, per evitare che si protragga indefinitamente l’incertezza sulla sorte... _OMISSIS_ ...priandi e nel contempo, che si eseguano opere non più rispondenti, per il decorso del tempo, all’interesse generale, ha attribuito ai proprietari una garanzia fondamentale, in omaggio al principio di legalità e tipicità del procedimento ablativo, disponendo al primo comma che nel provvedimento dichiarativo della pubblica utilità dell’opera devono essere fissati quattro termini (e cioè quelli di inizio e di compimento della espropriazione e dei lavori), e stabilendo altresì al terzo comma 3 che "trascorsi i termini, la dichiarazione di pubblica utilità diventa inefficace".

La fissazione dei termini di inizio e compimento dei lavori di realizzazione dell'opera pubblica e della procedura espropriativa per l'acquisizione delle aree, ri... _OMISSIS_ ...ecessità di rilievo costituzionale, consistente nel porre un limite al potere espropriativo affinché non avvenga che l'amministrazione mantenga a suo arbitrio ed a tempo indefinito i beni espropriabili in una situazione di soggezione e di incertezza. Tale previsione, richiesta dalla L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 13 a proposito della dichiarazione di pubblica utilità esplicita, trova applicazione anche nella dichiarazione di pubblica utilità implicita ed in quella ex lege.

La fissazione dei termini, di inizio e compimento dei lavori di realizzazione dell'opera pubblica e della procedura espropriativa, oltre alla esigenza di garanzia della proprietà privata, risponde alla speculare esigenza di assicurare che l'opera corrisponda ad un interesse diretto ed att... _OMISSIS_ ...che l'obbligo di stabilire dei termini risponda ad una garanzia costituzionale è stato messo in evidenza dalla stessa Corte Costituzionale, che riguardo ad una legge regionale che non prevedeva i termini di espropriazione, ha ravvisato la violazione dell'art. 42 Cost., comma 3 rilevando come l'assenza dei termini dimostri che l'espropriazione non è finalizzata ad una esigenza dotata di quella concretezza "che valga a far considerare necessario e tempestivo il sacrificio della proprietà privata nell'ora presente" (Corte cost. 6.7.1966, n. 90).

Mentre i termini iniziali per le espropriazione e/o per i lavori sono di natura ordinatoria e/o acceleratoria, per cui la loro violazione non comporta l’inefficacia della dichiarazione di pubblica utilità:... _OMISSIS_ ...del compimento delle procedure espropriative, in attuazione dell’art. 42, comma 3, della Costituzione, ha lo scopo di evitare che i beni di proprietà privata rimangano soggetti alla possibilità di essere espropriati per un tempo indeterminato; 2) invece, il termine per il compimento dei lavori ha la funzione di tutelare l’interesse pubblico alla concreta realizzazione dell’opera pubblica, cioè a dimostrare l’effettiva serietà dell’azione amministrativa.

L'indicazione dei termini per l'inizio e per il compimento delle espropriazioni e dei lavori, ai sensi dell’art. 13, comma I, della legge 25 giugno 1865 n. 2359, assolve ad una insostituibile funzione garantistica, intesa a provare l'attualità dell'interesse pubblico che si i... _OMISSIS_ ...re, nonché l'effettività e la serietà del progetto che si intende realizzare.

I termini entro i quali devono iniziarsi e completarsi le espropriazioni ed i lavori svolgono una funzione di garanzia che, nel caso di quelli per la procedura espropriativa, attiene allo svolgimento delle procedure amministrative per giungere all’adozione del giusto decreto di espropriazione, assicurando al proprietario che l’amministrazione espropriante persegua l’interesse pubblico sotteso alla realizzazione dell’opera anche sotto il profilo della correttezza, dell’adeguatezza, della tempestività e della economicità del procedimento amministrativo.

L'indicazione dei termini per il compimento dei lavori e delle espropriazioni può essere ... _OMISSIS_ ...te dal legislatore, ed una volta per tutte; anche detta apposizione preventiva persegue (a maggior ragione) la funzione inderogabile di sottrarre alla P.A. il potere discrezionale di mantenere in stato di soggezione i beni espropriabili per un tempo indeterminato, onde non lasciare il proprietario indefinitamente esposto alla vicenda ablatoria, ed è nel contempo salvaguardato l'interesse pubblico a che l'opera venga eseguita in un arco di tempo valutato congruo per il perseguimento dell'interesse collettivo.

Nelle materie di pubblica utilità ex lege non è rimessa all’arbitrio dell’Amministrazione la scelta del “se” e “quando” procedere all’azione ablatoria. La giurisprudenza tradizionale insegnava che il primo atto co... _OMISSIS_ ...aterialmente si radicava la procedura conforme al modello ablatorio legale doveva fissare i termini richiesti dall’art. 13 della legge fondamentale del 1865 ed escludeva, correlativamente, che l'onere potesse essere assolto mediante atti successivi, seppure in via di convalida o sanatoria.

La previsione di cui all’art.13 L. n. 2359/1865 costituisce un precetto posto dalla legge ed indirizzato all’Amministrazione al fine di porre un vincolo alla discrezionalità dei suoi poteri, la cui violazione integra gli estremi della violazione di legge in quanto vizio di legittimità dell’atto amministrativo.

Nel sistema normativo di cui al D.P.R. n. 327 del 2001, i termini (iniziale e finale) dei lavori e degli espropri fissati dall... _OMISSIS_ ... espropriante in funzione di autolimitazione del proprio potere ablatorio, conservano tuttora rilievo, atteso che siffatti termini acquisiscono riverberi di certezza, in funzione di garanzia dell'interesse sostanziale del privato ablato, stabilendo la cadenza temporale entro cui l’occupazione anticipata può aver luogo ed il decreto di esproprio deve essere adottato, valendo, così, ad evitare che i beni del soggetto espropriando si trovino in uno stato di soggezione a tempo indeterminato.

La previsione di cui all’art.13 della Legge n.2359/1865 costituisce un precetto posto dalla legge ed indirizzato all’Amministrazione al fine di porre un vincolo alla discrezionalità dei suoi poteri, la cui violazione integra gli estremi della violazion... _OMISSIS_ ...uanto vizio di legittimità dell’atto amministrativo.

La ratio dell’indicazione dei termini per l'inizio ed il compimento dei lavori e delle espropriazioni, di cui all'art. 13 l. 25 giugno 1865 n. 2359, è quella di limitare nel tempo l’esposizione del diritto di proprietà al potere espropriativo della pubblica Amministrazione.

La dichiarazione di pubblica utilità è il provvedimento atto a degradare il diritto di proprietà ad interesse...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 30436 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 4,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo