Carrello
Carrello vuoto



L'esecutività del provvedimento amministrativo


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL PROVVEDIMENTO AMMINISTRATIVO nel governo del territorio
anno:2018
pagine: 709 in formato A4, equivalenti a 1205 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 25,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


PROCEDURA --> PROVVEDIMENTO --> ESECUTIVITÀ

L'art. 134 comma 4, 18 agosto 2000 n. 267, nella parte in cui dispone che nel caso di urgenza le deliberazioni del consiglio comunale o della giunta possono essere dichiarate immediatamente eseguibili con il voto espresso dalla maggioranza dei componenti, è norma che tende a salvaguardare l'effettività di quanto deciso dall'organo politico nelle more della pubblicazione dell'atto, al fine di evitare uno spazio temporale (dal giorno della deliberazione a quello dell'effettiva pubblicazione) che potrebbe tradire l'obiettivo della delibera medesima in modo deleterio per il pubblico interesse di volta in volta perseguito.

La clausola d'immediata eseguibilità dipende da una scelta discrezionale dell'amministrazione, correlata al requisito dell'urgenza. L'eventuale difetto di motivazione del requisito dell'urgenza non determina, in ogni caso, l'illegittimità dell'intero provvedimento, ma solo il differimento degli effetti giuridici del provvedimento al decorso del termine di dieci giorni dalla sua pubblicazione.

L'art. 134, co. 4, D. Lgs. 267/2000, sull'immediata eseguibilità delle delibere comunali, non si applica agli atti amministrativi a contenuto... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... come i regolamenti.

La sussistenza di eventuali vizi di legittimità di un provvedimento amministrativo non fa venir meno l'esecutività dello stesso, potendo semmai giustificare l'esercizio del potere di autotutela ove sussistano i presupposti di legge (vizio di legittimità e interesse pubblico all'annullamento).

L'esecutività è carattere che inerisce alla natura provvedimentale dell'atto, cioè alla sua essenza autoritativa, e consiste nella capacità e/o nella forza a questo assegnata di modificare unilateralmente la sfera giuridica del destinatario e perciò nella sua idoneità a portare concretamente a compimento le modifiche implicate dalla sua natura.

La mancanza di definitività non esclude l'esecutività del provvedimento amministrativo.

PROCEDURA --> PROVVEDIMENTO --> ESECUTORIETÀ

L'esecutorietà è un carattere aggiuntivo, non necessariamente insito nel provvedimento, e consiste nella capacità specifica che esso ha di essere portato ad effetto attraverso la forza, intendendosi per forza le procedure costrittive demandate all'autorità pubblica, la quale è legittimata a dare compime... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...a volontà ricorrendo a mezzi violenti e/o coercitivi per quanto giuridicamente regolati.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI