Carrello
Carrello vuoto



Efficacia del provvedimento amministrativo


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL PROVVEDIMENTO AMMINISTRATIVO nel governo del territorio
anno:2018
pagine: 709 in formato A4, equivalenti a 1205 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 25,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


L'art. 21 bis della L. 241 del 1990 si riferisce agli atti limitativi della sfera giuridica dei privati, per cui non si applica al condono, che ha natura ampliativa e non restrittiva delle posizioni giuridiche dei suoi destinatari.

L'efficacia del provvedimento amministrativo indica l'idoneità dello stesso a produrre l'effetto giuridico voluto.

Sussiste la differenza tra la "vigenza" di un provvedimento e la sua "efficacia": con il primo termine si fa riferimento alla dimensione di giuridica esistenza di un atto e alla sua idoneità, non necessariamente attuale, a produrre effetti fino a quando non sia rimosso dall'ordinamento; l'efficacia è, invece, la qualità predicabile dell'atto che produca, in concreto, effetti giuridici (i quali possono proiettarsi nel futuro o, retrospettivamente, rivolgersi al passato).

La comunicazione al destinatario di un atto recettizio, in quanto necessaria perché l'atto acquisti efficacia nei suoi confronti, si qualifica quale fase di integrazione dell'efficacia del provvedimento stesso, ulteriore e distinta da quella della sua giuridica esistenza, che si perfeziona alla data della sua adozione con cui il procedimento si conclude; per cui, anche per il provvedimento recet... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...anazione coincide con la sua formale adozione e, quindi, secondo i presupposti di fatto e di diritto in essere a quella data.

Il provvedimento preclusivo di una facoltà imprenditoriale del privato in precedenza espressamente consentita, in quanto limitativo della sfera giuridica del destinatario, acquista efficacia solo con la comunicazione allo stesso effettuata.

La categoria dell'inefficacia viene utilizzata per designare unitariamente una complessa fenomenologia in cui sono riunite situazioni diverse, accomunate dal profilo funzionale di impedire ad un determinato atto giuridico di dispiegare i propri effetti in relazione ad alcuni o a tutti i soggetti coinvolti nell'operazione giuridica complessiva.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI