Carrello
Carrello vuoto



Tipologie di piani urbanistici attuativi: il piano particolareggiato

Il piano particolareggiato ordinario è uno strumento di pianificazione, la cui funzione precipua è quella di rendere specifiche e dettagliate le direttive del P.R.G.. Le sue prescrizioni non hanno valenza espropriativa ma conformativa, né abbisognano di preventiva verifica di impatto ambientale.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA
anno:2017
pagine: 3590 in formato A4, equivalenti a 6103 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PIANO PARTICOLAREGGIATO

Il piano che non si limita a prevedere la realizzazione di alloggi di edilizia economico-popolare non è un P.E.E.P. ma un piano particolareggiato.

La presentazione da parte del presidente di una società della domanda di approvazione di un piano particolareggiato in assenza dell'autorizzazione dell'assemblea dei soci può ben essere ratificata e fatta propria dalla società con delibera successiva della stessa assemblea.

Il piano particolareggiato - o attuativo - ordinario è uno strumento di pianificazione, ossia di governo dell'utilizzazione del territorio, e la sua funzione precipua è quella - meramente urbanistica - di rendere specifiche e dettagliate le direttive del piano regolatore generale; nell'ambito della predetta funzione rientra anche quella di individuare gli immobili da espropriare, costituendo su di essi il vincolo preordinato ad espropriazione.

Le prescrizioni di varia natura contenute nel piano particolareggiato (vincoli per attrezzatura di mobilità, vincoli di rispetto stradale, vincoli per verde attrezzato, ecc.), non hanno valenza espropriativa ma s... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...e conformativa del regime della proprietà fondiaria e delle relative facoltà di disposizione e godimento.

L'attuazione delle disposizioni dello strumento urbanistico generale a mezzo del piano attuativo di iniziativa pubblica è rimessa in via generale alla discrezionalità del soggetto pubblico, a meno che vi sia al riguardo la fissazione di un termine, che tale discrezionalità abbia limitato, ovvero vi sia la necessità del completamento dell'assetto urbanistico di una zona solo parzialmente attuato.

Illegittima l'approvazione del piano particolareggiato intervenuta una volta scaduto il termine quinquennale di efficacia delle previsioni vincolistiche, imposte dallo strumento urbanistico generale.

L'approvazione di uno strumento urbanistico attuativo (nella specie si trattava di una variante ad un piano particolareggiato) non richiede la preventiva verifica dell'impatto ambientale prevista dal D.P.R. 12 aprile 1996.

La funzione del piano urbanistico esecutivo è oggi non solo quella di individuare le aree da destinare ad opere di urbanizzazione, ma anche quella di conformare l'attività edilizia allo scopo di disporre la migliore e più funzionale o... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ne degli spazi a standard, fermo il loro dimensionamento; ne consegue che non sussiste incompatibilità logica tra la classificazione di un'area come zona di completamento e l'assoggettamento di essa a strumento urbanistico esecutivo.

L'equiparazione normativa, a tutti gli effetti di legge, di un piano attuativo ad un piano particolareggiato o esecutivo (nel caso di specie P.R.E. per effetto della dell'art. 12 della L.R. Abruzzo n. 18/1983), comporta la decadenza dei vincoli espropriativi, ove non rinnovati, allo scadere del termine di dieci anni.

Le prescrizioni del piano particolareggiato sono scindibili in prescrizioni che sopravvivono alla perdita di efficacia del piano per decorrenza del decennio, che hanno carattere meramente conformativo, e quelle che vanno invece incluse nella nozione di attuazione, che hanno un contenuto pregnante più forte, tanto da comprendere non solo possibilità espropriative, ma anche veri e propri obblighi di fare, in capo ai soggetti destinatari. Tali prescrizioni vengono travolte dallo spirare del termine massimo.

Il potere che autorizza il Comune all'emissione dell'ordine di attuazione del piano particolareggiato a carico del privato, è sottoposto ad un... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ione temporale, costituita dal massimo termine decennale fissato dall'art. 16 della legge 1150 del 1942.

Non è obbligatorio tenere fermo nei suoi connotati un piano particolareggiato per dieci anni.

I piani particolareggiati valgono come vincolo preordinato all'esproprio per dieci anni.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PIANO PARTICOLAREGGIATO --> AFFIDAMENTO DEL PRIVATO

Costituisce affidamento generico quello relativo alla non reformatio in peius di precedenti previsioni urbanistiche di piano particolareggiato, con nuove previsioni che non consentono una più proficua utilizzazione dell'area.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PIANO PARTICOLAREGGIATO --> ASSEGNAZIONE DEI LOTTI

In occasione dell'assegnazione di lotti di un piano particolareggiato, ai quali siano interessati più soggetti, l'Amministrazione ha l'obbligo di avviare una procedura competitiva, sia pure informale, per l'individuazione dell'affidatario acquirente.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PIANO PARTICOLAREGGIATO --> ATTO NON DOVUTO

Il potere del comune di autorizzare o meno il... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ettaglio elaborato dal privato è espressione della stessa funzione del comune di gestione del territorio, che presuppone la valutazione dell'istanza del privato, la sua conformità alle norme del piano urbanistico generale e la soddisfazione delle finalità cui è preordinato tale piano.

La conformità del piano particolareggiato allo strumento di livello superiore non comporta che debbano essere sempre e comunque condivise le scelte in concreto operate dallo strumento attuativo poiché il Consiglio Comunale resta titolare di un ampio potere discrezionale di valutare la coerenza di tali scelte con i criteri di sviluppo urbanistico presenti della pianificazione sovraordinata.

L'approvazione del piano attuativo non è atto dovuto, anche se conforme al piano regolatore generale, ma costituisce sempre espressione di potere discrezionale dell'autorità chiamata a valutare l'opportunità di dare attuazione alle previsioni dello strumento urbanistico generale, essendovi fra quest'ultimo e gli strumenti attuativi un rapporto di necessaria compatibilità, ma non di formale coincidenza.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PIANO PARTICOLAREGGIATO --> DEST... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... USO PUBBLICO

Il meccanismo introdotto nel 2011, risultante dal nuovo testo del terzo comma dell'art. 17 della legge urbanistica, consente di adoperare lo strumento del comparto su base volontaria, con la connessa salvaguardia contestuale delle originarie previsioni relative alla destinazione di aree pubbliche. Tuttavia qualora nel caso di specie non si sia data attuazione a tale meccanismo, l'Amministrazione deve limitarsi a prendere atto della piena vigenza della previsione di PRG.

Ha natura espropriativa il vincolo che all'interno di un piano particolareggiato destina il lotto ad opere pubbliche (centro sociale e scuola) di cui è prevista la realizzazione esclusiva da parte dell'Ente pubblico, previa acquisizione dei relativi immobili con lo strumento giuridico autoritativo dell'espropriazione.

Uno strumento di terzo livello (quale un piano di lottizzazione), può imporre, anche in sede di variante, un vincolo particolare incidente su beni determinati, in funzione della localizzazione di un'opera pubblica e non già di una generale destinazione di zona; in suddetta ipotesi il vincolo che essa contiene deve essere qualificato come preordinato all'espropriazione con la conseguente sua irrilevanza, ai fini d... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...mento della qualità edificatoria delle aree incluse nel piano.

L'insediamento di centri commerciali nell'ambito delle strutture previste da un piano particolareggiato (nel caso di specie impianti e infrastrutture aeroportuali), se posto al servizio degli utenti di queste, finiscono per assumere una connotazione in qualche modo pubblicistica, come la previsione di parcheggi e, più ancora, di verde attrezzato nell'area interessata dal P.P., ne assicura un minimum di finalizzazione all'uso pubblico.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PIANO PARTICOLAREGGIATO --> DESTINAZIONI AD USO PUBBLICO --> DECADENZA

L'intervenuta inefficacia di un pregresso vincolo urbanistico di destinazione a pubblico servizio di una determinata area prevista da un piano particolareggiato comporta la restituzione della stessa alla precedente destinazione urbanistica recata dal P.R.G.

Qualora dall'approvazione di un piano particolareggiato in variante, comportante destinazione a servizi dei suoli, scaturisca solo un effetto di vincolo di preordinazione all'esproprio e non anche la dichiarazione di PU, per non avere lo stesso localizzato puntualmente l'opera pubblica, una volta entrato in v... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ata successiva, il D.P.R. n. 327/2001, il piano, per effetto dell'art. 57 tu, non si sottrae all'applicazione l'art. 9 del decreto medesimo da cui discende l'efficacia quinquennale del vincolo.

Qualora dall'approvazione di un piano particolareggiato in variante, comportante destinazione a servizi dei suoli, scaturisca solo un effetto di vincolo di preordinazione all'esproprio e non anche la dichiarazione di PU, per non avere lo stesso localizzato puntualmente l'opera pubblica, una volta entrato in vigore, in data successiva, il D.P.R. n. 327/2001, il piano, per effetto dell'art. 57 tu, non si sottrae all'applicazione dell'art. 9 del decreto medesimo e pertanto tale vincolo non può che decadere al compimento del quinquennio dall'entrata in vigore della norma e quindi al più tardi il 30 giugno 2008.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PIANO PARTICOLAREGGIATO --> EFFICACIA

Poiché ai sensi dell'art. 17, comma 1, della legge n. 1150 del 1942, decorso il termine stabilito per l'esecuzione del piano particolareggiato, questo diventa inefficace per la parte in cui non abbia avuto attuazione, rimanendo soltanto fermo a tempo indeterminato l'obbligo di osservare, nella costruzione di nu... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... e nella modificazione di quelli esistenti, gli allineamenti e le prescrizioni di zona stabiliti dal piano stesso, una volta decorso tale termine diventano inefficaci unicamente le previsioni del piano attuativo che non abbiano avuto concreta attuazione, nel senso che non é più consentita la sua ulteriore esecuzione, salva la possibilità di ulteriori costruzioni coerenti con le vigenti previsioni del p.r.g. e con le prescrizioni del piano attuativo.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PIANO PARTICOLAREGGIATO --> EFFICACIA --> PROROGA

L'approvazione di una Variante ad un Piano particolareggiato non determina di per sé la proroga dell'efficacia dell'originario strumento di pianificazione secondaria, ancorché per ampia parte modificato, potendo tale effetto riconoscersi soltanto alle Varianti che approvano una operazione di sistemazione urbanistica fondamentalmente nuova e radicalmente diversa rispetto a quella originariamente prevista per la stessa zona, nonché alle Varianti che si riferiscano all'intero programma urbanistico, implicandone una positiva valutazione di attualità e di persistente conformità all'interesse pubblico.

PIANIFICAZIONE --> PIANI... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...I ATTUATIVI --> PIANO PARTICOLAREGGIATO --> PARERE DELLA COMMISSIONE EDILIZIA

Il parere negativo della Commissione edilizia sul piano particolareggiato è tale da superare il parere favorevole igienico sanitario formatosi implicitamente sul piano stesso.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PIANO PARTICOLAREGGIATO --> PROCEDURA ESPROPRIATIVA

Qualora l'opera sia diversa da quella prevista originariamente dal Piano Particolareggiato, il terreno interessato, ricadente all'interno del piano stesso, può essere espropriato solo previa adozione di specifica dichiarazione di pubblica utilità e deliberazione di approvazione del progetto.

Nel meccanismo di attuazione del piano particolareggiato, l'espropriazione delle aree non destinate alla localizzazione dei servizi pubblici è solo eventuale. Le trasformazioni previste dal piano particolareggiato sono infatti lasciate alla decisione dei proprietari, pur obbligati, e l'espropriazione è subordinata alla loro inerzia (c.d. esproprio sanzionatorio).


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI