La discrezionalità amministrativa nel governo dell'edilizia

PROCEDURA --> DISCREZIONALITÀ DELLA P.A. --> NEL GOVERNO DELL'EDILIZIA

La deliberazione comunale di determinazione degli oneri concessori rientra nella lata discrezionalità dell’amministrazione e pertanto non appare illogico, né illegittimo che essa abbia voluto accomunare la fattispecie della nuova costruzione a quella di ristrutturazione con demolizione.

Il potere di programmazione e di pianificazione urbanistica da parte del Comune non può ritenersi consumato per effetto dell’adozione di un PRG, sia pure trasmesso alla regione per l’approvazione, potendo l’ente comunale rinnovare il potere nel perseguimento dell’interesse pubblico a un ordinato assetto del territorio.

Il potere di pianificazi... _OMISSIS_ ... del territorio – la cui attribuzione e conformazione normativa è costituzionalmente conferita alla potestà legislativa concorrente dello Stato e delle Regioni, ex art. 117, comma terzo, Cost. ed il cui esercizio è normalmente attribuito, pur nel contesto di ulteriori livelli ed ambiti di pianificazione, al Comune – non è limitato alla individuazione delle destinazioni delle zone del territorio comunale, ed in particolare alla possibilità e limiti edificatori delle stesse, bensì deve essere rettamente inteso in relazione ad un concetto di urbanistica che non è limitato solo alla disciplina coordinata della edificazione dei suoli (e, al massimo, ai tipi di edilizia, distinti per finalità, in tal modo definiti), ma che, per mezzo della disciplina dell’... _OMISSIS_ ...aree, realizzi anche finalità economico – sociali della comunità locale (non in contrasto ma anzi in armonico rapporto con analoghi interessi di altre comunità territoriali, regionali e dello Stato), nel quadro di rispetto e positiva attuazione di valori costituzionalmente tutelati.

Riguardo l’incompatibilità di un intervento edilizio con il vincolo presente in un Ente Parco, l’Amministrazione è dotata di ampia discrezionalità, per cui il sindacato del giudice amministrativo soffre limiti invalicabili, essendo i relativi provvedimenti censurabili solo per assoluto difetto di motivazione, illogicità manifesta o errore di fatto.

La “prevalenza” delle definizioni contenute nell’art. 3 del D.P.R. 380/01 sulle dive... _OMISSIS_ ... date dagli strumenti urbanistici è in linea di principio funzionale alla esatta individuazione del titolo edilizio necessario per assentire un intervento, alla esatta quantificazione degli eventuali oneri dovuti nonché alla corretta definizione della sanzione dovuta per la commissione di eventuali illeciti; tale prevalenza non è invece funzionale ad incidere sulla potestà pianificatoria dei comuni, la quale, salvi i casi in cui essa non risulti di per sé limitata per effetto della applicazione di altre norme di rango primario vigenti, esercitano un potere discrezionale che si esplica – tra l’altro – anche nella individuazione degli interventi edilizi ammissibili nelle singole zone del territorio.

Le scelte operate dall’ente pianificato... _OMISSIS_ ...to dell’adozione della disciplina urbanistica del territorio comunale vincolano ogni ulteriore attività di rilevanza urbanistico-edilizia, anche quando fissano in via generale i tratti caratteristici tipici delle modalità di utilizzazione dei fabbricati, circoscrivendone eventualmente l’ambito di operatività rispetto agli schemi comuni.

La manutenzione delle opere di urbanizzazione da parte di un comune è rimessa alle scelte politico-amministrative dell’ente anche in relazione alle contingenti disponibilità di bilancio per cui i privati non vantano alcuna posizione giuridico soggettiva qualificata alla realizzazione della manutenzione.

La pretesa all'esecuzione diretta di opere di urbanizzazione non è un diritto soggettivo del ... _OMISSIS_ ...ma rappresenta una facoltà autorizzatoria del comune, il cui esercizio deve essere armonizzato con le valutazioni discrezionali dell’ente locale.

In materia urbanistica sussiste il potere del Comune di autodeterminarsi in ordine all'assetto e all'utilizzazione del proprio territorio, anche in relazione alle specifiche esigenze diffuse sul territorio stesso per cui è legittima, in relazione alla finalità di assicurare una adeguata tutela all'ordinato dispiegarsi di un tessuto urbanistico, l’imposizione di limiti e vincoli più rigorosi rispetto alla normativa statale o regionale.

È vero che la prescrizione che vieta nelle zone residenziali attività rumorose e moleste non vale in assoluto, poiché oltre alla tutela della funzione residen... _OMISSIS_ ...itenersi consentite attività confacenti o necessarie all’ordinato assetto di quartieri residenziali (come per esempio, uffici, negozi, autorimesse, parcheggi pubblici, studi professionali): tuttavia, non può ammettersi la presenza di un impianto produttivo del tutto avulso dal tessuto edilizio di zona di completamento.

Le definizioni del legislatore sono risolutive solo per le situazioni in cui gli strumenti urbanistici si limitano a utilizzare o a richiamare le categorie generali, poiché gli strumenti urbanistici possono in concreto modellare il regime edificatorio di un’area anche introducendo soluzioni ibride, ossia intermedie tra le varie categorie di legge.

La disciplina urbanistica di dettaglio, essendo centrata su una ricogniz... _OMISSIS_ ...lle esigenze del territorio, può graduare l’attività edilizia aggiungendo o sottraendo facoltà edificatorie alle categorie di legge.

Alla P.A. vanno riconosciuti ampi margini di discrezionalità nella definizione delle tabelle parametriche per la determinazione degli oneri concessori, con il solo consueto limite della necessaria rispondenza a criteri di imparzialità e ragionevolezza.

Il sindacato giurisdizionale sui criteri di determinazione degli oneri di urbanizzazione va circoscritto ad aspetti che ne evidenzino in modo palese l’incongruità, l’illogicità o l’incoerenza.

In sede di redazione dello strumento urbanistico, se è illegittima la previsione che esclude su immobili condonati di interventi di manut... _OMISSIS_ ...nto espressione dello ius utendi, non lo è invece quella che prevede l'impossibilità di interventi di ampliamento e di tutti gli interventi che comportino modifiche della sagoma o aumenti di volumetria o di superficie o simili.

È legittima la previsione delle n.t.a. che subordina gli interventi di demolizione e di ricostruzione a piano attuativo o a intervento diretto convenzionato: una simile prescrizione infatti non detta una nozione di ristrutturazione diversa da quella dell'art. 3 D.P.R. 380/2001, ma si limita a dettare una disciplina specifica per questi tipi di interventi, facoltà che rientra tra le prerogative spettanti all’amministrazione comunale.

I pareri e nulla osta resi in materia ambientale espressi dagli organi deputati alla... _OMISSIS_ ...tione costituiscono una valutazione di natura tecnico–iscrezionale, resa cioè in virtù di nozioni ed esperienze di natura tecnico-scientifica applicate alla fattispecie e volta appunto a verificare la compatibilità o meno dell’opera alle esigenze di rispetto delle caratteristiche paesaggistico-ambientali che connotano lo stato dei luoghi oggetto del vincolo: di conseguenza, l'organo a ciò preposto de...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 10253 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo