Discrezionalità amministrativa pura e tecnica

PROCEDURA --> DISCREZIONALITÀ DELLA P.A.

E' incontestabile che la lata discrezionalità pianificatoria (nei limiti enucleati dalla giurisprudenza di parità di trattamento, non abnormità, ragionevolezza, rispetto della “vocazione” delle aree e dei fondi) permanga anche allorché essa si espliciti dettando norme concrete contenute in atti normativi (atti amministrativi legificati).

Il potere di pianificazione deve essere rettamente inteso in relazione ad un concetto di urbanistica che non è limitato solo alla disciplina coordinata della edificazione dei suoli (e, al massimo, ai tipi di edilizia, distinti per finalità, in tal modo definiti), ma che, per mezzo della disciplina dell’utilizzo delle aree, realizzi anche finalità econ... _OMISSIS_ ...ociali della comunità locale (non in contrasto ma anzi in armonico rapporto con analoghi interessi di altre comunità territoriali, regionali e dello Stato), nel quadro di rispetto e positiva attuazione di valori costituzionalmente tutelati.

La fattispecie della abnorme illogicità delle scelte pianificatorie è rara sotto il profilo statistico.

La scelta del dove collocare l'opera pubblica è il frutto, anche, di una tipica discrezionalità amministrativa, coinvolgente la comparazione e ponderazione dell'interesse pubblico fondamentale con gli altri interessi, pubblici o privati, in gioco.

Le scelte effettuate dall'Amministrazione in sede di adozione del piano regolatore generale costituiscono apprezzamento di merito sottratto al sind... _OMISSIS_ ...imità, salvo che non siano inficiate da errori di fatto o abnormi illogicità.

PROCEDURA --> DISCREZIONALITÀ DELLA P.A. --> DISCREZIONALITÀ TECNICA

Gli atti amministrativi espressione di valutazioni tecniche sono sottratti al sindacato di legittimità del giudice amministrativo, salvo che non siano manifestamente illogiche, irrazionali, irragionevoli, arbitrarie ovvero fondate su di un altrettanto palese e manifesto travisamento dei fatti ovvero ancora salvo che non vengono in rilievo specifiche censure circa la plausibilità dei criteri valutativi o la loro applicazione.

La discrezionalità tecnica può essere sindacata in sede giurisdizionale solo per difetto di motivazione o in presenza di profili di incongruità ed illogicità ... _OMISSIS_ ...rgere l’inattendibilità della valutazione tecnico-discrezionale compiuta dalla P.A..

Le scelte della P.A., che rappresentano espressione di discrezionalità tecnica, non sono totalmente sottratte al sindacato di legittimità del G.A., ma sono sindacabili in sede giurisdizionale entro i ristretti limiti della manifesta illogicità, irrazionalità, irragionevolezza od arbitrarietà, e del palese e manifesto travisamento dei fatti.

Il giudizio espresso nell’esercizio della c.d. discrezionalità tecnica si distingue dal mero accertamento tecnico in quanto caratterizzato da margini di opinabilità.

E' ormai da tempo abbandonato l’orientamento che ammetteva la sostanziale insindacabilità della discrezionalità tecnica del... _OMISSIS_ ...one, sostenendosi ora invece la possibilità, per il giudice amministrativo, di valutare gli accertamenti tecnici della P.A. attraverso la verifica diretta dell’attendibilità delle operazioni tecniche sotto il profilo della loro correttezza, quanto al criterio tecnico adottato ed al relativo procedimento applicativo.

Solo macroscopici vizi di logicità e ragionevolezza ammettono il sindacato del giudice amministrativo sulla discrezionalità tecnica dell'Amministrazione (nel caso di specie in merito alla localizzazione di elettrodotto mediante interramento anziché linea aerea).

Al di là dell'eventuale sussistenza del vizio di eccesso di potere nelle particolari figure sintomatiche dell'irragionevolezza, illogicità, irrazionalità, incoerenza, i... _OMISSIS_ ...ntraddittorietà, il sindacato sull'esercizio della c.d. discrezionalità tecnica finirebbe per interferire con valutazioni di vero e proprio merito amministrativo.

E’ ormai certamente tramontata l'equazione discrezionalità tecnica - merito insindacabile che sottraeva le manifestazioni di discrezionalità tecnica al sindacato giurisdizionale. A partire dalla sentenza n. 601/99 della IV Sezione del Consiglio di Stato, il sindacato giurisdizionale sugli apprezzamenti tecnici della p.a. può oggi svolgersi in base non al mero controllo formale ed estrinseco dell'iter logico seguito dall'autorità amministrativa, bensì alla verifica diretta dell'attendibilità delle operazioni tecniche sotto il profilo della loro correttezza quanto a criterio tecnico ed a p... _OMISSIS_ ...licativo.

Con il suggestivo concetto di “sindacato debole”, si intende il giudizio espresso dal giudice amministrativo su provvedimenti che esprimono una discrezionalità tecnica riconosciuta in determinate materie alla Pubblica Amministrazione, ponendo in tal modo un limite alla statuizione finale resa dal giudice medesimo; in sostanza il giudice non può sostituirsi ad un potere già esercitato, ma deve soltanto stabilire se la valutazione complessa operata nell'esercizio del potere debba essere ritenuta corretta sia sotto il profilo delle regole tecniche applicate, sia nella fase di contestualizzazione della norma posta a tutela della conformità a parametri tecnici che nella fase di raffronto tra i fatti accertati ed il parametro contestualizzato.|... _OMISSIS_ ...La discrezionalità tecnica è caratterizzata da un momento valutativo, imperniato sull'utilizzo di regole e concetti di specifiche discipline scientifiche/tecniche e sindacabile in sede giurisdizionale unicamente sotto il profilo dell'eccesso di potere per travisamento dei fatti.

A differenza della discrezionalità amministrativa, l’esercizio della discrezionalità tecnica non mira a comparare l’interesse da curare con altri interessi presenti nella fattispecie, quanto invece tende alla formulazione di un giudizio che si risolve in un’operazione d’individuazione della materialità di un fatto.

Quando siano formulate valutazioni espressive della discrezionalità tecnica, il giudice di legittimità può ravvisare profili di eccess... _OMISSIS_ ...o in presenza di vizi di illegittimità o di travisamento dei fatti immediatamente rilevabili.

In ordine alle valutazioni tecniche, per consolidata giurisprudenza il sindacato di legittimità non può che limitarsi a verificare che l’attività posta in essere dalla P.A. non palesi, secondo la documentazione in atti, manifesta illogicità o travisamento dei fatti.

Il G.A. può valutare gli accertamenti tecnici della P.A. attraverso la verifica diretta dell’attendibilità delle operazioni tecniche sotto il profilo della loro correttezza, quanto al criterio tecnico adottato ed al relativo procedimento applicativo.

L’esercizio della cd. discrezionalità tecnica della p.a. è sindacabile da parte della g.a. non solo sotto il p... _OMISSIS_ ...gionevolezza e della logicità, ma altresì sotto que...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 18336 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo