Derogabilità e termini prescrizionali dell'efficacia dei piani urbanistici attuativi

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> EFFICACIA

Secondo una corretta applicazione dell’art. 17 della legge n. 1150 del 1942, le previsioni dello strumento attuativo comportano la concreta e dettagliata conformazione della proprietà privata (con specificazione delle regole di conformazione disposte dal piano regolatore generale, ai sensi dell’art. 869 c.c.); in linea di principio, le medesime previsioni rimangono efficaci a tempo indeterminato (nel senso che costituiscono le regole determinative del contenuto della proprietà delle aree incluse nel piano attuativo; col decorso del termine, diventano inefficaci unicamente le previsioni del piano attuativo che non abbiano avuto concreta attuazione, cosicché non potranno più eseguirsi... _OMISSIS_ ...preordinati alla realizzazione delle opere pubbliche e delle opere di urbanizzazione primaria, né si potrà procedere alla edificazione residenziale, salva la possibilità di ulteriori costruzioni coerenti con le vigenti previsioni del piano regolatore generale e con le prescrizioni del piano attuativo, che per questa parte ha efficacia ultrattiva.

Per quanto riguarda il significato da attribuire agli artt. 16, 17 e 28 della legge urbanistica, secondo cui l’efficacia dei piani attuativi ha un termine entro il quale le opere devono essere eseguite, che non può essere superiore a dieci anni, l’imposizione del termine suddetto va inteso nel senso che le attività dirette alla realizzazione dello strumento urbanistico (non solo autoritativo bensì a... _OMISSIS_ ...ale) non possono essere attuate i sensi di legge oltre un certo termine, scaduto il quale l’autorità competente riacquista il potere-dovere di dare un nuovo assetto urbanistico alle parti non realizzate.

Il termine decennale di durata massima dell’efficacia del piano di lottizzazione, previsto dall’art. 28 della legge n. 1150/1942, è chiara espressione del carattere necessariamente limitato nel tempo del periodo di efficacia dei piani attuativi – ricavabile, in via generale, dall’art. 17 della medesima legge –, la cui ratio risiede nell’inderogabile esigenza che le specifiche scelte di governo del territorio effettuate in un determinato periodo storico, cui tali tipologie di piano danno attuazione, siano suscettibili d... _OMISSIS_ ...siderazione da parte dell’Ente in funzione di adeguamento alle rinnovate esigenze e/o valutazioni degli interessi urbanistici di una determinata area, qualora il piano attuativo non abbia avuto esecuzione nell’arco del periodo di efficacia loro assegnato e ritenuto congruo dall’ordinamento.

Le conseguenze della scadenza dell'efficacia del piano attuativo (ovvero dei piani a questo equiparati) si esauriscono nell’ambito della sola disciplina urbanistica, non potendo invece incidere sulla validità ed efficacia delle obbligazioni assunte dai soggetti attuatori degli interventi.Resta quindi in vigore il complesso delle prescrizioni in cui questo si articola, in particolare per quanto concerne gli obblighi correlati alla cessione delle aree ... _OMISSIS_ ...opere di urbanizzazione.

Mentre le previsioni del piano regolatore rientrano in una prospettiva dinamica della utilizzazione dei suoli (e determinano ciò che è consentito e ciò che è vietato nel territorio comunale sotto il profilo urbanistico ed edilizio, con la devoluzione al piano attuativo delle determinazioni sulle specifiche conformazioni delle proprietà), le previsioni dello strumento attuativo hanno carattere di tendenziale stabilità, perché specificano in dettaglio le consentite modifiche del territorio, in una prospettiva in cui l’attuazione del piano esecutivo esaurisce la fase della pianificazione, determina l'assetto definitivo della parte del territorio in considerazione e inserisce gli edifici in un contesto compiutamente definito.
... _OMISSIS_ ...isioni urbanistiche di un piano attuativo rilevano a tempo indeterminato, anche dopo la sua scadenza.

L’obbligo della pianificazione attuativa prevista nel piano regolatore generale non costituisce un vincolo espropriativo e non è soggetto, quindi, alla decadenza dopo la decorrenza del termine di cinque anni.

Il fallimento o l’apertura delle altre procedure concorsuali costituiscono fattispecie di tipo soggettivo che non giustificano la proroga del termine di attuazione di uno strumento urbanistico attuativo o del termine di ultimazione dei lavori assentiti con un titolo edilizio.

Nella Regione Campania, la l.r. 14/1982 riconnette l'esecutività - e quindi la decorrenza del termine di efficacia - dello strumento urbanis... _OMISSIS_ ...alla pubblicazione dell'avviso di deposito dell'approvazione del piano sul bollettino ufficiale della Regione Campania.

Il vincolo espropriativo posto dal PRG decade automaticamente al termine del quinquennio ex art. 9 comma 2 del DPR 327/2001, ma l’approvazione del piano attuativo, a maggior ragione se con una procedura di variante, implica la riattivazione e in definitiva la reiterazione dello stesso; l’approvazione del piano attuativo oltre il quinquennio è, infatti, legittimata dalla zonizzazione del PRG, che non è subordinata a limiti temporali: ne consegue che, essendo possibile approvare il piano attuativo, devono essere attribuite allo stesso tutte le potenzialità previste dalla legge, compresa quella espropriativa.

Trascorsi... _OMISSIS_ ...efficacia del PIP e venuta meno l'efficacia del piano, l'Amministrazione può solo valutare l'opportunità di predisporre un nuovo strumento con conseguente rinnovazione della scelta pianificatoria attuativa rimasta inattuata.

L'omessa indicazione nel piano particolareggiato del termine di validità non può considerarsi causa d'illegittimità dello stesso, operando, in tal caso, il termine massimo decennale fissato dall'art. 16 l. n. 1150 del 1942.

La mancata indicazione nel piano particolareggiato dei termini per il compimento delle espropriazioni rileva solo per la legittimità di queste ultime ma non per quella del piano, giacché la certezza dei rapporti giuridici è garantita dalla decadenza legale del piano.

Le previsioni degli str... _OMISSIS_ ...i, che specificano in dettaglio le modifiche del territorio consentite, una volta che siano realizzati gli interventi, determinano l'assetto definitivo della parte del territorio sul quale l’edificazione ha avuto luogo.

La duplice natura di strumento conformativo e di vincolo preordinato all'esproprio su aree determinate attribuibile ad un Piano Particolareggiato esclude l'applicabilità della L. n. 1187 del 1968, art. 2.

Il piano urbanistico attuativo è efficace per dieci anni, entro i quali deve essere attuato, e decorsi i quali diventa inefficace per le parti non attuate, fatti salvi gli allineamenti e le prescrizioni di zona stabiliti nel piano stesso.

I piani attuativi sono strumenti urbanistici di dettaglio le cui presc... _OMISSIS_ ...ta approvati sono vincolanti sia per la parte privata sia per il Comune, con la conseguenza i titoli edilizi rilasciati e la stessa attività ad aedificandum devono conformarsi primariamente ai parametri fissati dai piani in parola.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> EFFICACIA --> DEROGABILITÀ

La possibilità di derogare all’obbligo dello strumento attuativo nelle zone adeguatamente urbanizzate ha il suo necessario presupposto in uno stato di fatto che da quello strumento conse...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 13824 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo