La valutazione della Decisione Quadro da parte della Corte europea di giustizia

Il diritto della vittima a fornire elementi di prova: il caso Katz, 9 ottobre 2008 Terza sezione (causa C-404\07) Nella pronuncia del 9 ottobre 2008 terza sezione nel caso Katz, la Corte di Lussemburgo è stata chiamata a pronunciarsi su una questione pregiudiziale riguardante l’interpretazione degli articoli 2 e 3 della decisione, con riferimento alla normativa ungherese che, in caso di azione penale sussidiaria avanzata dalla vittima, non prevede che l’offeso possa rendere testimonianza.

Il giudice ungherese si chiedeva se la normativa nazionale potesse essere compatibile con l’articolo 3 della decisione quadro nella misura in cui lo stesso prevede che ciascuno Stato membro adotta le misure necessarie affinché le autorità competenti interro... _OMISSIS_ ...a (soltanto per quanto necessario), garantendo la possibilità per la stessa di essere sentita durante il procedimento e di fornire elementi di prova.

La particolarità del caso risiedeva nel fatto che la parte che aveva promosso l’azione, nel sistema ungherese, coincideva con la vittima.

Nel risolvere la questione, la corte di Lussemburgo ha chiarito che la decisione quadro pur indicando agli Stati membri l’obiettivo di assicurare alle vittime un elevato livello di protezione, in particolare riconoscendo il diritto degli offesi a fornire elementi di prova, tuttavia lascia alle autorità nazionali un ampio potere discrezionale quanto alle modalità concrete di attuazione di tale obiettivo.

La Corte ha rilevato che – ... _OMISSIS_ ...i gran parte del suo effetto l’articolo 3 n. 1 della decisione e disattendere gli obblighi enunciati all’articolo 2 n. 1 – il rispetto dei vincoli imposti da dette disposizioni implica che, in ogni caso, la vittima possa rendere una deposizione nel procedimento penale e che tale deposizione possa essere considerata un elemento di prova.

La Corte pur riconoscendo che dalla decisione non discende un obbligo per il giudice ungherese di ammettere la testimonianza della vittima promovente, tuttavia ritiene che il rispetto della normativa europea implichi che sia garantita alla vittima la possibilità di rendere una deposizione utilizzabile come fonte di prova.

A ciò si aggiunga che la decisione quadro deve essere interpretata in mani... _OMISSIS_ ...ano rispettati i diritti fondamentali tra i quali, anzitutto, il diritto al processo equo quale sancito dall’art. 6 della convenzione di Roma.

Diritto al processo equo che si estende anche agli offesi: a proposito si ricorda che la corte europea dei diritti nella sentenza Sottani contro Italia del 26.2.2005 ha censurato (seppur tra le righe) il sistema italiano, laddove impedisce all’offeso da reato di accedere direttamente alla richiesta di contraddittorio incidentale, che lo stesso può proporre solo in via “mediata” attraverso la previa richiesta al pubblico ministero.

Si riconosce dunque all’offeso un diritto alla corretta progressione del procedimento ed alla raccolta degli elementi di prova ritenuti di interess... _OMISSIS_ ...traverso la acquisizione – in qualunque forma – delle dichiarazioni.

Ancora sulla estensione soggettiva della tutela: il caso Eredics del 21 ottobre 2010 (caso C-205\09) In tale pronuncia la Corte ha risolto una questione pregiudiziale presentata dal giudice ungherese in relazione (ancora una volta) alla estensibilità della normativa a tutela della vittima anche alle persone giuridiche, nonché ai limiti del ricorso alla mediazione promossa dall’articolo 10 della Decisione.

In accordo con la giurisprudenza Dell’ Orto la Corte ha statuito che, ai fini della decisione quadro, per vittima deve intendersi esclusivamente la persona fisica.

La Corte ha osservato che non vi è alcun’altra disposizione della d... _OMISSIS_ ... che consenta di ritenere estensibile la nozione di «vittima» alle persone giuridiche ma che, al contrario, “diverse disposizioni di quest’ultima confermano che lo scopo del legislatore è stato quello di prendere in considerazione unicamente le persone fisiche vittime di un pregiudizio causato da una violazione del diritto penale”.

Viene richiamato l’art. 1, lett. a), della decisione quadro, che fa riferimento, considerandoli elementi del danno, al pregiudizio fisico o mentale, nonché alle sofferenze psichiche, e l’art. 2, n. 1, che impone agli Stati membri di adoperarsi affinché alla vittima sia garantito un trattamento debitamente rispettoso della sua dignità personale; inoltre il n. 2 del medesimo art. 2, menziona i... _OMISSIS_ ...pecifico di cui devono beneficiare le vittime particolarmente vulnerabili, così come l’art. 8, n. 1, che impone agli Stati membri di garantire un livello adeguato di protezione ai familiari o alle persone a questi assimilabili: tali riferimenti appaiono indicativi della scelta di limitare l’area soggettiva di protezione alla persona fisica.

La Corte ha comunque evidenziato come la decisione quadro stabilisce un livello minimo di tutela che può senz’altro essere accresciuto dalle legislazioni nazionali dato che la decisione non realizza un’armonizzazione completa del settore e non impedisce (né obbliga) gli Stati membri ad applicare le disposizioni in esse previste, anche quando la vittima è una persona giuridica.

... _OMISSIS_ ...orte la disciplina europea non appare discriminatorio nei confronti delle persone fisiche, dato che la maggiore attenzione riservata nell’ambito dell’ Unione alle persone fisiche trova ragione nella maggiore vulnerabilità delle stesse e nell’esigenza di tutelare diritti fondamentali quali la vita e l’integrità fisica.

Del resto è proprio l’attenzione alla tutela dei diritti fondamentali della vittima-persona fisica che caratterizza la normativa europea: la richiesta di armonizzazione con riferimento alla tutela dei diritti umani della vittima non impedisce l’estensione della tutela da parte degli Stati membri alle persone giuridiche.

Con riferimento alla mediazione, la Corte ha chiarito che non sussiste in ca... _OMISSIS_ ...lcun obbligo di prevederne la ricorso in relazione a tutti i reati: la scelta dei reati cui riferire la mediazione rientra infatti nella piena libertà di cui dispongono gli Stati nelle scelte politico criminali. Promuovere la mediazione non implica dunque rendere obbligatorio il ricorso alla stessa.

Volontà della vittima di influire sulla pena: la sentenza nel caso Gueye e Sanchez del 15 settembre 2011 (cause C-483/09 e C-1/10) La Corte di Lussemburgo è stata chiamata a pronunciarsi sulla possibilità per la vittima di “influire” sulla tipologia della pena inflitta all’ offender.

Nel caso proposto all’attenzione della Corte europea il Tribunale penale di Barcellona condannava il Magatte Gueye per aver commesso il reato di... _OMISSIS_ ... nei confronti della compagna e disponeva la misura dell’allontanamento, consistente nel divieto per l’autore del reato di avvicinarsi alla vittima e di comunicare con lei, pena accessoria obbligatoria per il diritto spagnolo.

Dopo la prima condanna, l’autore del reato riprendeva la convivenza con la vittima, d’accordo con questa, e per la violazione della misura dell’allontanamento veniva condannato nuovamente.

Analogo procedimento pendeva a carico di Valentín Salmerón Sánchez, condannato in pri...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 11801 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo