Decisione Quadro 2001/220/GAI: vulnerabilità della vittima nei procedimenti penali in italia

uo;incidente probatorio Per quanto l’incidente probatorio si presenti come uno strumento di tutela dei diritti della vittima vulnerabile in quanto appare finalizzato alla contrazione delle audizioni giudiziali, in accordo con al previsione dell’art. 3 della Decisione, nella prassi giudiziaria si registra qualche resistenza all’accoglimento dell’incidente probatorio “incondizionato” previsto dall’art. 392 comma 1 bis c.p.p.

Sono infatti non insoliti provvedimenti di rigetto emessi dai giudici per le indagini preliminari. I provvedimenti reiettivi si fondano sulla divergenze interpretative relative alla struttura ed ai presupposti dell’istituto. Ritenere che la norma abbia introdotto un presunzione assoluta ... _OMISSIS_ ...lità limita infatti l’esercizio della discrezionalità alla valutazione della rilevanza della prova richiesta [1]. Diversamente, se si ritiene che il giudice possa valutare anche il requisito della rinviabilità, tale elemento deve essere valutato in concreto ed il giudizio può orientarsi nel senso di ritenere opportuno il differimento dell’audizione [2].

La giurisprudenza di merito sull’estensione dei poteri discrezionali del giudice ha assunto posizioni contrastanti: sicché se alcune decisioni si allineano sulla “contrazione” del potere discrezione del giudice aderendo sostanzialmente alla tesi della presunzione di non rinviabilità della testimonianza [3], altre decisioni tendono a riconoscere al giudice un significativo potere d... _OMISSIS_ ... ordine all’accoglimento della richiesta di audizione del minore in sede incidentale [4].

L’ordinanza di rigetto della richiesta di incidente probatorio è un provvedimento pacificamente ritenuto inoppugnabile, in quanto espressione di un potere discrezionale di natura strumentale rispetto alla speditezza del processo (in tal senso: Cass. Sez. 4, n. 2678 del 30.11.2000).

Al di la delle divergenze sulla presunzione di rinviabilità si rileva che se, come nei casi previsti dal comma 1 bis dell’art. 392 c.p.p., si rinviene il fondamento dell’istituto nell’obiettivo di tutelare la vittima, la reiezione dovrebbe fare riferimento, per essere legittima, non alle tempistiche del processo, ma alla rilevanza della prova ed ai... _OMISSIS_ ...fetti dell’eventuale esame dibattimentale sulla vittima .

Sul punto sarebbe auspicabile un intervento legislativo che, da un lato, consenta l’accesso incondizionato al contraddittorio incidentale delle vittime vulnerabili “di fatto”, ma ora escluse e, dall’altro, espliciti la ratio dell’istituto con l’individuazione dei parametri di esercizio della discrezionalità nella valutazione della ammissibilità. Infatti, ferma l’incompatibilità dell’impugnazione dell’ordinanza reiettiva con le esigenze di speditezza della fase investigativa, è innegabile che un intervento chiarificatore sui parametri utilizzabili per la decisione sull’ammissibilità avrebbe l’effetto di limitare reiezioni ingiustif... _OMISSIS_ ...CRLF| la contrazione delle audizioni Il mancato coordinamento tra la norma che prevede l’accesso al contraddittorio incidentale e la norma che impedisce la audizione dibattimentale della persona offesa, quando questa sia già stata udita in fase incidentale e la testimonianza riguardi le stesse circostanze sulle quali il teste è stato sentito (art. 190 bis c.p.p), appare contraria alle indicazioni sulla “contrazione” del numero delle audizioni fornite dall’ art. 3 della decisione quadro.

Infatti l’accesso alla fase incidentale è stata estesa a tutte le vittime, anche maggiorenni, dei reati indicati nell’art. 392 comma 1 bis c.p.p., mentre il conseguente sbarramento circa la ammissibilità della riedizione della testimonianz... _OMISSIS_ ...to, è limitato alle audizioni dei minori di anni sedici e non comprende tra gli offesi protetti, le vittime dei reati di atti persecutori, maltrattamenti in famiglia, né dei reati di cui agli artt. 601 e 602 c.p. (ammesse invece al contraddittorio anticipato ex art. 392 comma 1 bis c.p.p.).

Il risultato della evidenziata disarmonia normativa è quello di vanificare, in un numero rilevante di casi, l’intento di tutela insito nella novella, che ha l’obiettivo di anticipare la audizione dell’offeso vulnerabile, di effettuarla in forma protetta e di contrarre il numero di audizioni giudiziali [5].

Le modalità protette All’ampliamento del numero delle persone le cui dichiarazioni possono essere assunte con l’incidente ... _OMISSIS_ ... conseguente sacrificio dell’oralità) non corrisponde l’ampliamento della possibilità di accedere alle modalità protette di audizione in fase incidentale, che restano riservate solo alle vittime minorenni di tutti i reati indicati dall’art. 392 comma 1 bis c.p. ad eccezione delle vittime del reato di maltrattamenti (?).

Questa scelta mal si concilia con le indicazioni che provengono dalla decisione quadro 2001|220 GAI che invece all’art, 8 comma 4 prevede che «ciascuno Stato membro garantisce alla vittima la facoltà in base a una decisione del giudice, di rendere testimonianza in condizioni che consentano di conseguire tale obiettivo e che siano compatibili con i principi fondamentali del proprio ordinamento».

... _OMISSIS_ ...to le modalità protette previste dall’art. 398 comma 5 bis c.p.p. sono disponibili dal giudice ogni qual volta il teste da udire sia minore o infermo ed, a maggior ragione, vittima, indipendentemente dal tipo di reato per cui si procede (art. 498 comma 4 bis c.p.p.). Come rilevato, non del tutto coerente con tale previsione appare la disciplina dell’art. 498 comma 4 ter c.p. p. che limita il ricorso al vetro specchio ed all’impianto citofonico ai casi in cui lo richieda la parte e l’escusso sia un minore o infermo vittima di determinati reati.

Il diritto alla informazione Gli avvisi che il codice di rito italiano riserva alla persona offesa relativamente alla partecipazione all’udienza preliminare o ad altri atti che si svolgo... _OMISSIS_ ...elle indagini non sono accompagnati da una adeguata informazione circa i diritti e le prerogative.

Tale situazione si pone in evidente contrasto con le previsioni dettate dall’art. 8 della decisione quadro circa il diritto ad ottenere informazioni, che presenta un contenuto minimo estremamente articolato e completo.

Si tratta, in particolare, di molteplici notizie da comunicare alla vittima già prima dell’instaurazione del procedimento penale (il tipo di servizi o di organizzazioni a cui può rivolgersi per ottenere assistenza; il tipo di assistenza che può ricevere; dove e come può sporgere denuncia; quali sono le procedure successive alla presentazione della denuncia e qual è il suo ruolo in tale contesto; come ed a quali condizioni... _OMISSIS_ ...rotezione; in quale misura ed in quali termini ha accesso all’assistenza di un legale, al patrocinio gratuito, od a qualsiasi altra forma di assistenza; quali sono i requisiti per il diritto a ottenere un risarcimento; a quali meccanismi speciali può ricorrere per tutelare i propri interessi qualora risieda in un altro Stato).

Ad esse si aggiungono le ulteriori informazioni da fornire alla vittima nell’ambito del procedimento, qualora la stessa manifesti una volontà in tal senso (con riferimen...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 9619 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto.

pdf 325 pagine in formato A4

30,00 €