La Decisione Quadro 2001/220/GAI: la tutela della vittima nel procedimento penale

Il nostro processo, di matrice marcatamente accusatoria, garantisce in modo penetrante e diffuso i diritti dell’imputato, ma lascia “in ombra” i diritti delle vittime.
Ciononostante gli offesi da reato entrano a far parte del procedimento, costituendone un elemento essenziale, fin dalla fase delle indagini, anche se non godono di un adeguato sistema di tutela e di garanzie.

Il diritto al processo “equo” è pacificamente riconosciuto al solo imputato, mentre la vittima “vive” ai margini del procedimento, patendo carenze di informazione e di prerogative, che appaiono particolarmente evidenti durante le indagini, ma che sono presenti anche nelle altre fasi processuali. Le indicazioni che provengono dalla normativa s... _OMISSIS_ ...ndash; ed in particolare dalla decisione quadro 2001\220 GAI, – impongono una seria riflessione sui limiti del nostro sistema processuale e sulla distanza dello stesso dagli standards di tutela indicati dalla normativa europea.

I diritti delle vittime sono ribaditi, come vedremo, anche in alcune rilevanti pronunce della Corte EDU che individuano nell’art. 2 (diritto alla vita) e nell’art. 6 (diritto all’accesso ad un Tribunale) della Convenzione di Roma i presidi di tutela per i diritti degli offesi da reato.

A margine, si rileva che è diffusa e crescente la sensibilità per un diritto della vittima alla partecipazione al processo ed al suo equo svolgimento, a prescindere dall’“incidente” della costituzi... _OMISSIS_ ...vile, finalizzato all’ottenimento di un ristoro in denaro. Tale tendenza, costringe ad interrogarsi sulle finalità della giurisdizione penale e sulle distonie della sua attuale struttura rispetto alla percezione collettiva, incline alla identificazione del processo come il luogo del ristoro morale dell’offeso conseguente alla punizione del colpevole.

Ad oggi, le indicazioni della normativa europea e della giurisprudenza sovranazionale costituiscono i “fari” cui l’interprete nazionale deve guardare nella gestione della posizione dell’offeso nel procedimento penale.

Si chiede al giudice una costante e competente operazione di interpretazione conforme, che consenta di individuare strumenti di tutela dell’of... _OMISSIS_ ...on le indicazioni della normativa europea. L’obiettivo è da un alto quello di valorizzare il processo come strumento di tutela della vittima e, dall’altro quello di evitare fenomeni di vittimizzazione secondaria. Sullo sfondo c’è l’esigenza estendere le garanzie del processo “equo” anche all’offeso da reato [1].

Due le “macroaree” nell’ambito della quali appare evidente la necessità di rivedere in modo critico i rapporti tra vittima e processo, al fine di garantire la tutela sostanziale dei diritti dell’offeso.

La prima è l’area della formazione della prova dichiarativa proveniente dalla vittima: l’offeso, se non adeguatamente tutelato, è esposto al “trauma da pr... _OMISSIS_ ...onnesso alla riedizione giudiziale dell’evento traumatico primario e rischia di non fornire un contributo genuino, utile al migliore sviluppo del procedimento. La seconda è l’area delle misure cautelari, in particolare di quelle dirette alla protezione della (incolumità) della vittima da reato, prima e durante il processo.

Sullo sfondo il rilevante tema della tutela delle prerogative della vittima finalizzate a consentire la sua partecipazione effettiva al processo, coerente con i diritti ed le aspettative riconosciuti dalla normativa sovranazionale: il diritto all’informazione, il diritto alla corretta e tempestiva formazione della prova, il diritto alla protezione effettiva della incolumità attraverso l’esecuzione di misure cautelari ... _OMISSIS_ ...LF|
Nell’ordinamento interno si è registrata una significativa modifica del sistema delle cautele, attraverso l’introduzione di misure ricalcate sugli ordini di protezione del processo civile.

La finalità di tali misure è la tutela di vittime determinate: il che costituisce una sorta di rivoluzione copernicana del sistema cautelare e segnala una nuova attenzione per i diritti degli offesi: al centro della “cautela” è posto il singolo, la vittima specifica e non l’intera collettività . Le misure in questione (previste dagli artt. 282 bis e 282 ter c.p.p.) appaiono infatti dirette (solo) ad evitare i contatti tra l’indagato ed la vittima (ed, al più, i suoi familiari) ed appaiono finalizzate ad evitare la reiterazion... _OMISSIS_ ...a nei confronti di una persona determinata.

Discusso è il grado di effettività di tali misure, di impronta “monitoria”, la cui efficacia dipende dalla collaborazione dell’indagato e dal suo potere di autodisciplina. In ambito europeo è allo studio la direttiva che dovrebbe consentire l’emissione dell’ ordine di protezione europeo idoneo ad estendere la misura di protezione in ogni stato dell’ Unione in cui la vittima intenda risiedere o soggiornare. La destinazione alla protezione individuale delle misure in questione importa e traduce nel nostro sistema processuale il diritto dell’offeso ad essere “protetto” (anche) attraverso l’imposizione di cautele penali individuato dalla Corte europea dei dirit... _OMISSIS_ ...na declinazione del diritto alla vita (art. 2 Convenzione EDU).

I giudici di Strasburgo hanno infatti ravvisato una violazione dell’art. 2 della Convenzione in un caso in cui non era stata protetta una donna che si era rivolta a più riprese all’autorità giudiziaria ed era stata, infine, uccisa nell’ambito di una interminabile vicenda di violenza domestica (sentenza C. Edu, sentenza OPUZ c. Turchia del 19 giugno 2009 [2]).

In tale frangente, è stato riconosciuto un diritto dell’offeso ad essere protetto attraverso l’applicazione di misure cautelari appropriate e tale diritto è stato ricondotto all’interno del più ampio alveo di tutela previsto dall’art. 2 della Convenzione, che garantisce il diritto alla... _OMISSIS_ ...F|
Nel caso in questione si è ritenuto che il ritiro della querela è un evento prevedibile e, di norma, riconducibile alle pressioni dell’indagato, che non può essere posto nelle condizioni di disattivare l’obbligo dello Stato di proteggere la vita attraverso l’imposizione di cautele appropriate. Secondo la Corte di Strasburgo, tenuto conto della gravità degli illeciti il pubblico ministero «avrebbe dovuto proseguire nella sua attività nonostante la rimessione della querela da parte della vittima» e garantite la protezione della vita attraverso l’applicazione di misure adeguate.

Su questo punto la direttiva in materia di repressione della tratta degli esseri umani e di protezione della vittime (Direttiva 2011-36 UE)... _OMISSIS_ ... 9 espressamente prevede che «gli stati membri adottano le misure necessarie affinché le indagini o l’azione penale relative ai reati di cui agli artt. 2 3 non siano subordinate alle dichiarazioni o all’accusa formulate dalla vittima ed il procedimento penale possa continuare anche se la vittima ritratta le proprie dichiarazioni»: ancora una volta autorevolmente si evidenzia la fisiologica inattendibilità della ritrattazione delle vittime e si invita l’accusa a non “centrare” i procedimenti sulla ...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 11691 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto.

pdf 325 pagine in formato A4

30,00 €