Maltrattamenti degli animali negli allevamenti a scopo alimentare

La pratica dell’allevamento degli animali prevalentemente a scopo alimentare è molto diffusa, ma questo sicuramente non giustifica trattamenti pregiudizievoli per gli animali, e anche se il loro destino è la morte hanno diritto ad una vita, seppur breve, priva di sofferenze.

Non potendo imporre il vegetarianesimo[1], è comunque doveroso trovare un bilanciamento tra le esigenze umane e i diritti degli animali: innanzitutto cambiando gli attuali sistemi di allevamento e macellazione, e aumentando il numero di allevamenti che tengono in considerazione la natura e i bisogni delle varie specie a discapito degli allevamenti intensivi.

Quasi tutti gli allevamenti ricercano la produzione e la più alta redditività, e gli animali sono come macchine,... _OMISSIS_ ...gni loro funzione, ai quali vengono somministrati farmaci per essere più appetibili. Generalmente queste informazioni non emergono finché non si arriva allo scandalo, verso cui tutti puntano il dito, politici in primis: i vari “mucca pazza”, “polli alla diossina” e “vitelli gonfiati con gli anabolizzanti”[2] ne sono un triste esempio.

La cosa veramente scandalosa è che le pratiche di allevamento vengono tenute segrete perché altrimenti le persone smetterebbero di mangiare carne con grave danno per l’economia (si pensi al calo di consumi del manzo a seguito del caso della mucca pazza, e di quello di carne di pollo quando si è scoperto che conteneva diossina).

Alcuni interventi di carattere europeo hanno i... _OMISSIS_ ...ostro Paese e gli altri dell’Unione Europea a prevedere una serie di norme minime attraverso le quali disciplinare l’allevamento, il trasporto e la macellazione, limitando, per quanto possibile, le sofferenze causate agli animali.

La disciplina giuridica in materia di allevamento fa capo a diverse disposizioni generali: il D.P.R. 8 febbraio 1954, n. 320, Regolamento di polizia veterinaria[3], che riguarda prevalentemente le malattie infettive degli animali e la disciplina per evitarne il contagio.

L’unico articolo che prende in considerazione la sofferenza degli animali è l’art. 35 «lo speditore di animali equini, bovini, bufalini, ovini, caprini e suini ha l’obbligo di curare che nei carri ferroviari e negli ... _OMISSIS_ ...numero dei capi caricati sia proporzionato alla capienza del veicolo in modo che gli animali non abbiano a soffrire per eccesso di numero e che comunque non vengano altrimenti esposti a maltrattamenti o sofferenze».

La legge 3 febbraio 1961, n. 4[4] intitolata «divieto dell’impiego degli estrogeni come fattori di crescita o di neutralizzazione sessuale negli animali le cui carni e prodotti sono destinati all’alimentazione umana» non necessita di ulteriori commenti.

La legge 14 ottobre 1985, n. 623[5] «legge di ratifica della Convenzione europea sulla protezione degli animali negli allevamenti adottata a Strasburgo il 10 marzo 1976 e della Convenzione europea sulla protezione degli animali da macello, adottata ... _OMISSIS_ ...spettivamente il 10 maggio 1979» prevede l’istituzione con decreto del Ministro della Sanità di una commissione tecnica nazionale per la protezione degli animali da allevamento che avrà come membri anche cinque esperti designati dagli enti aventi come finalità la protezione degli animali (art. 4 preambolo); gli articoli da 3 a 7 si occupano specificatamente delle condizioni in cui deve essere tenuto l’animale che vanno valutate a seconda della specie, del grado di sviluppo, d’adattamento e di addomesticamento, conformemente all’esperienza acquisita ed alle conoscenze scientifiche (art. 3). La libertà di movimento non deve essere ostacolata in maniera che ciò possa procurare all’animale sofferenze o danni inutili (art. 4); anche l’ill... _OMISSIS_ ...temperatura, il tasso di umidità, la circolazione dell’aria, l’areazione del ricovero dell’animale e le altre condizioni ambientali, devono essere adatte alle esigenze dell’animale stesso (art. 5); l’alimentazione deve essere adeguata e non causare sofferenze o danni inutili (art. 6) e infine la salute dell’animale deve essere controllata periodicamente, sempre senza arrecare sofferenze inutili (art. 7).

Il decreto legislativo 4 agosto 1999, n. 336[6]che attua le direttive 96/22/CE e 96/23/CE «concernenti il divieto di utilizzazione di talune sostanze ad azione ormonica, tireostatica e delle sostanze beta-agoniste nelle produzioni di animali e le misure di controllo su talune sostanze e sui loro residui negli animali v... _OMISSIS_ ...prodotti».

L’emanazione di tale provvedimento deriva dal fatto che i residui di queste sostanze che permangono nelle carni e in altri prodotti di origine animale, possono essere pericolose per i consumatori e possono anche compromettere la qualità dei prodotti alimentari di origine animale e soprattutto dal fatto che sostanze ad azione anabolizzante sono state utilizzate in modo illecito nell’allevamento allo scopo di stimolare la crescita e la produttività degli animali.

La legge 21 dicembre 1999, n. 526[7] «disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee – legge comunitaria 1999» che ha recepito la Direttiva 98/58/CE del Consiglio del... _OMISSIS_ ... riguardante la protezione degli animali negli allevamenti; poi attuata con decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 146[8].

Ai sensi di tale direttiva per animale deve intendersi «qualsiasi animale (inclusi i pesci, i rettili e gli anfibi) allevato o custodito per la produzione di derrate alimentari, di lana, di pelli, pellicce o per altri scopi agricoli».

Il decreto appare improntato ad un’ottica decisamente innovativa in quanto, per la prima volta, sembra essere preminente il benessere degli animali da allevamento, anziché concentrarsi unicamente sulle esigenze umane: i proprietari e i custodi devono adottare le misure adeguate a garantire il benessere dei propri animali e far si che agli stessi non vengano provocati dolori, so... _OMISSIS_ ...oni inutili (art. 3). L’allegato conferma il tenore della norma, prevedendo disposizioni significative in tema di benessere degli animali che vietano o limitano una serie di mutilazioni e costrizioni negli allevamenti: «È vietata la bruciatura dei tendini ed il taglio di ali per i volatili e di code per i bovini se non a fini terapeutici certificati. La cauterizzazione dell’abbozzo corneale è ammessa al di sotto delle tre settimane di vita. Il taglio del becco deve essere effettuato nei primi giorni di vita con il solo uso di apparecchiature che riducano al minimo le sofferenze degli animali.

La castrazione è consentita per mantenere la qualità dei prodotti e le pratiche tradizionali di produzione a condizione che tali operazioni siano effett... _OMISSIS_ ...raggiungimento della maturità sessuale da personale qualificato, riducendo al minimo ogni sofferenza per gli animali. A partire dall’1 gennaio 2004 è vietato l’uso dell’alimentazione forzata per anatre ed oche[9] e la spiumatura di volatili vivi. Le pratiche di cui al presente punto sono effettuate sotto il controllo del medico veterinario dell’azienda» (punto 19).

Per quanto riguarda le condizioni di allevamento o di custodia è sancito che la libertà di movimento non deve essere limitata (tanto da non causare inutili sofferenze e lesioni) ed &eg...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 20461 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 233 pagine in formato A4

30,00 €