I diritti degli animali e i reati contro gli animali

La maggior parte delle filosofie orientali (Buddhismo e Induismo per fare degli esempi) considerano uomo, animale e natura come parti di un tutto armonico in cui ogni unità è fondamentale per lo sviluppo delle altre. In quest’ottica gli animali non sono mezzi a disposizione dell’uomo, ma soggetti da proteggere in quanto componente necessaria dell’armonia del creato[1].

Nei paesi occidentali, riconoscere un bagaglio di diritti ai non umani costituisce una grande innovazione in quanto «una cosa è dire che è sbagliato trattare gli animali con crudeltà, un’altra che gli animali hanno dei diritti»[2]; si può ormai affermare che un generale sentimento di compassione e rispetto nei confronti degli animali sia stato acquisito, ma è ... _OMISSIS_ ...ale sentimento si traduca in un’applicazione estensiva ai non umani del concetto di diritto[3].

Ma in sostanza di quali diritti si parla? Prima della comparsa dell’uomo sulla terra non si può dire che gli animali avessero diritti. Nei confronti di chi avrebbero potuto averli? Non certo dei loro simili. Con la comparsa dell’uomo invece ha senso porsi la questione se anche gli animali non umani abbiano diritti[4].

Avendo gli animali caratteristiche comuni a quelle umane[5], sono portatori di analoghi interessi e per questa ragione a loro deve essere riconosciuto il medesimo trattamento, ovvero il diritto alla tutela di tali interessi, con la stessa ampiezza e le stesse limitazioni della tutela ammessa per gli umani: innanzitutto ... _OMISSIS_ ...se alla sopravvivenza individuale e a quella della propria specie (interesse a vivere e a riprodursi); ancora l’interesse a conseguire il “piacere” e ad evitare o quanto meno ridurre la sofferenza; e ultimo, l’interesse a vivere in conformità alle caratteristiche etologiche della propria specie[6].

L’intitolazione del capo IX-bis «Dei delitti contro il sentimento per gli animali» sembra interrompere bruscamente la riforma intrapresa fin dai primi anni Novanta che mirava al riconoscimento della soggettività diretta degli animali, in linea con la mutata sensibilità degli uomini verso gli stessi. Anche l’inserimento all’interno di un titolo sanzionatorio il cui oggetto di categoria non è la tutela dell’... _OMISSIS_ ...ttosto la tutela del sentimento umano di pietà verso le sofferenze inflitte agli animali[7] ne è la prova.

Inizialmente il testo unificato Ac 432-B (che raccoglieva le varie proposte di legge in materia) appariva fortemente innovativo poiché si ispirava al principio secondo il quale la tutela degli animali dovesse essere riconosciuta considerando gli stessi come «autonomi esseri viventi, dotati di sensibilità psicofisica, e capaci di reagire agli stimoli del dolore quando sia superata una soglia di normale tollerabilità». E per questa ragione era da inserirsi subito dopo il titolo dedicato ai «delitti contro la persona» e doveva essere intitolato «dei delitti contro gli animali».

Ma con i successivi passaggi (... _OMISSIS_ ...eguito dell’esame al Senato) si è giunti ad un diverso testo, quasi completamente “svuotato” della ratio che l’aveva ispirato.

Rispetto all’iniziale testo base, «l’ambito di tutela assicurata dalla legge 189/2004 è stato arretrato sia qualitativamente, essendone stato sfumato l’oggetto giuridico di riferimento, che quantitativamente, essendo state introdotte due disposizioni di coordinamento[8], inizialmente non previste, che ne limitano il campo di applicazione»[9].

La legge inoltre continua a tacere sulla nozione di animale. La dottrina prevalente individua l’oggetto materiale del reato negli animali senzienti, o nei soli animali per i quali l’uomo provi un sentimento di pietà e... _OMISSIS_ ...[10]; si è detto «una mosca, un grillo, o una cavalletta non sono nel sentire comune la stessa cosa di un cane, di un gatto, di un cavallo, di un leone»[11].

Tuttavia, la nozione di animale è destinata a seguire l’evoluzione sociale che l’uomo ha di esso, risultando difficile oggi escludere dalla medesima nozione le specie che occupano gradini più bassi della scala zoologica[12] [13].

Il legislatore non ha operato alcuna selezione (come invece risulta in alcune leggi speciali, come ad esempio il decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 116 in materia di protezione delle cavie da laboratorio[14], dove precisa, all’art. 2, che con il termine “animale”, ai fini di quella disciplina dovevano intendersi solo i... _OMISSIS_ ...inviando quindi al significato che il termine assume nel linguaggio comune, accezione che è sicuramente evoluta negli ultimi anni.

Alcuni autori rinviano ad un’interpretazione in senso esteso del concetto di animale ritenendo possibile che si compia il reato anche nel caso in cui si uccida una lumaca per divertimento[15].

A suffragio di questa ipotesi una sentenza del 2006, emessa dal Tribunale di Vicenza, ha condannato al pagamento di un’ammenda l’amministratore di un ristorante che nel 2002 aveva incrudelito verso numerosi astici detenendoli vivi su ghiaccio e solamente per una delle loro facce, all’interno di una specie di teca frigorifero per vivande, sottoponendoli a sofferenze, causa lenta asfissia[16].

... _OMISSIS_ ... risulta invece determinare la nozione di animale rilevante per l’applicazione dell’art. 727 (abbandono di animali), quantomeno per la disciplina prevista dal co. 1, poiché il legislatore si riferisce alla «natura domestica o all’acquisizione della cattività» [17].

Già nel 1993 (con la legge 473), la dottrina riesaminò la questione, domandandosi se fosse il momento di rivedere la tradizionale nozione restrittiva. E a poco più di dieci anni di distanza, con la legge del 2004, verrebbe da ritenere che il legislatore sia voluto reintervenire in materia per dare un’accezione diversa, e più evoluta, alla nozione di animale, ma non è così.

Per fare un esempio, non si è ancora giunti a considerare reato l... _OMISSIS_ ...un animale res nullius, ma solo se questa avviene con modalità cruente o in assenza di necessità.

Sembra allora ragionevole pensare che il concetto di animale che rileva ai fini della fattispecie in commento debba essere inteso semplicemente in un’accezione più lata rispetto a quella tradizionale, ma non più ampia rispetto a quella del 1993.

Risultano, invece, ben delineati i requisiti di illiceità speciali richiesti dalla norma per la sussistenza del fatto tipico[18]: la crudeltà e la mancanza di necessità[19].

Rilevante, a mio avviso, è che ora siano richiesti alternativamente, potendo sussistere il reato anche nel caso in cui l’uccisione dell’animale avvenga per necessità (si pensi all’abbattimento di ca... _OMISSIS_ ...tinati all’alimentazione umana), ma con modalità ritenute crudeli[20].

L’art. 544-bis (uccisione di animali) che punisce «chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale», riporta al reato di omicidio[21], ed è per questa ragione che in letteratura si parla di “animalicidio”[22].

Ratio della norma è la tutela di qualsiasi animale, domestico, da allevamento, selvatico o addomest...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 22833 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo