Le sperimentazioni sugli animali, vivisezione, obiezione di coscienza

uo;impiego degli animali nell’ambito della ricerca scientifica solleva da sempre problemi di carattere etico-morale, scientifico e giuridico.

Le pratiche di sperimentazione sugli animali non sono frutto della scienza moderna, anzi esse presero avvio in concomitanza con le prime affermazioni della scienza medica[1] e purtroppo assai spesso sono alla base di gravi errori[2], mentre si sono decisamente mostrate più utili le ricerche basate su studi diretti effettuati sul corpo umano[3].

Il fatto però che siano più utili gli studi sugli umani non ha portato, neanche in tempi recenti, a rinunciare agli esperimenti sugli animali, che anzi sembra si siano intensificati, divenendo poi sempre più crudeli[4].

Verifichiamo innanz... _OMISSIS_ ...intende per “vivisezione” e per “sperimentazione animale”: in origine i due termini dovevano indicare fattispecie diverse, identificando la prima tutti quei comportamenti cruenti che causavano sofferenze, mutilazioni e apparivano perciò eccessivi rispetto al risultato favorevole all’essere umano e fortemente lesivi della dignità non solo animale ma anche umana; la seconda invece cercava di raggiungere l’obiettivo di proteggere la salute dell’essere umano, preservando al contempo il benessere animale.

In realtà la distinzione è del tutto superata in quanto entrambi i sistemi di ricerca utilizzano gli animali in modo più o meno cruento per proteggere la salute umana. Le pratiche vivisettorie non vengono più infatti util... _OMISSIS_ ... lo studio delle malattie, ma anche al fine di testare la capacità curativa dei medicinali, procedure legalizzate nel corso del 1900, con i c.d. test farmacologici[5] [6].

A questo proposito si possono distinguere due grandi categorie di esperimenti effettuati sugli animali: quelli condotti nell’ambito della ricerca applicata (test farmacologici e tossicologici), che ammontano a circa il 71%, e quelli svolti nell’ambito della ricerca di base, ovvero volti ad incrementare la conoscenza in campo medico e biologico senza un diretto riscontro commerciale o vincolo normativo che imponga un protocollo, che coinvolgono un altro 25%[7].

Il primo provvedimento in materia di sperimentazione lo troviamo nella legge n. 611 del giugno del 1913 ru... _OMISSIS_ ...Provvedimenti per la protezione degli animali», il cui articolo 9 era dedicato agli esperimenti scientifici su animali viventi. Era unicamente stabilito che questi potevano essere eseguiti soltanto da persone munite di speciale licenza, fatta eccezione per i docenti o assistenti nelle università o in altri istituti scientifici del Regno, o dai sanitari e veterinari addetti ai laboratori e agli uffici governativi.

Come si può vedere non era contemplata alcuna forma di controllo sull’attività vivisettoria, una volta ottenuta l’autorizzazione ministeriale, la persona poteva agire senza direzione scientifica e senza vigilanza.

Tale legge fu modificata dalla legge n. 292 del 10 febbraio 1927, avente un unico articolo volto a modifi... _OMISSIS_ ...t. 9 della precedente normativa: questa modifica portò maggiori restrizioni nella pratica vivisettoria, in quanto venne stabilito che gli esperimenti potevano avere luogo solo negli istituti scientifici sotto la direzione e la responsabilità dei rispettivi direttori[8].

Anche in questo caso, nonostante la limitazione che separava la sperimentazione da ogni altra forma di maltrattamento, essa continuava ad essere praticata senza alcuna forma di controllo.

Nel giugno del 1931 venne approvata la legge n. 924, specifica sulla sperimentazione che, eccetto qualche irrilevante modifica[9], rimase in vigore fino al 1992, anno di emanazione del decreto legislativo n. 116 del 27 gennaio[10], attuativo della direttiva comunitaria n. 609 del 1986[11] concer... _OMISSIS_ ... ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri relative alla protezione degli animali utilizzati a fini sperimentali o ad altri fini scientifici».

È nella legge del 1931 che compare per la prima volta il termine “vivisezione”, il primo articolo infatti recitava: «la vivisezione e tutti gli altri esperimenti sugli animali vertebrati a sangue caldo (mammiferi ed uccelli) sono vietati quando non abbiano lo scopo di promuovere il progresso della biologia e della medicina sperimentale […]».

Questa pratica viene qui parificata a tutti gli altri esperimenti sugli animali. Resta l’obbligo di esecuzione delle operazioni negli istituti e laboratori scientifici de... _OMISSIS_ ...evisto dalla legge del 1927, sotto la responsabilità dei direttori degli istituti e laboratori medesimi.

La norma in commento, conteneva una sorta di apertura rispetto al sistema di controlli delineato: era infatti possibile «nei soli casi di eccezionale, riconosciuta importanza» che fosse consentita l’esecuzione della vivisezione e degli altri esperimenti su animali anche a chi non era munito dei titoli indicati. La vivisezione su cani e gatti, normalmente vietata, era permessa a due condizioni: che fosse ritenuta indispensabile per esperimenti di ricerca e che non fosse assolutamente possibile avvalersi di animali di altra specie.

Sottolineo che la vivisezione su cani e gatti era normalmente vietata.

La legge p... _OMISSIS_ ...squo;obbligo per i direttori degli istituti e dei laboratori di tenere un registro nel quale riportare i dati relativi agli esperimenti eseguiti, in modo da rendere più efficace l’opera di vigilanza affidata al medico provinciale, il quale si avvaleva dell’operato delle guardie zoofile laureate in medicina e chirurgia o in medicina veterinaria (art. 4).

Già prima del 1992, la situazione normativa in materia si era arricchita di diversi interventi soprattutto a carattere ministeriale[12] per tentare di armonizzare le pretese di chi voleva una scienza libera da qualsiasi vincolo e di chi invece chiedeva una maggior tutela della dignità animale, ma questo portò esclusivamente a confusioni di tipo interpretativo delle norme.

Sostanz... _OMISSIS_ ...abilita una distinzione netta tra esperimenti che prevedevano la vivisezione e test fatti sull’animale senza il taglio del corpo vivo, prevedendo l’obbligo della registrazione riferito a tutti gli esperimenti su animali di qualsiasi razza o specie.

Tra gli esperimenti regolati troviamo quelli volti alla ricerca, produzione, prove di qualità, efficacia e innocuità di prodotti farmaceutici, sostanze o prodotti chimici e alimentari. Infine erano stabiliti quali documenti dovevano essere allegati alle domande preventive di autorizzazione che erano comunque subordinate ad una visita ispettiva[13].

La materia venne disciplinata ordinatamente con il decreto legislativo 116/1992, che recepì la Direttiva CEE n. 609 del 1986[14], ma anc... _OMISSIS_ ... n. 413 del 12 ottobre 1993[15] e con la circolare ministeriale n. 8 del 1994[16].

Scopo della direttiva è garantire che le disposizioni stabilite da ciascuno Stato membro per la protezione degli animali utilizzati a fini sperimentali o scientifici, siano armonizzate in modo da non pregiudicare l’instaurazione e il funzionamento del mercato comune, in particolare da distorsioni della concorrenza o barriere al commercio.

La direttiva si divide in tre parti: la prima contiene le definizioni di legge, gli obblighi e le responsabilità delle singole Autorità nazional...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 18323 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto.

pdf 233 pagine in formato A4

30,00 €