Il certificato di agibilità e il suo rapporto con il titolo edilizio

TITOLO EDILIZIO --> AGIBILITÀ E ABITABILITÀ --> ACCERTAMENTO

Non è possibile ricavare la conformità edilizia delle opere dall'accertamento incidentalmente compiuto ai fini del rilascio del certificato di agibilità, cui non può essere ascritto il significato di riconoscimento implicito di sanatoria edilizia.

TITOLO EDILIZIO --> AGIBILITÀ E ABITABILITÀ --> ALTEZZA MINIMA INTERNA

Il D.M. 5 luglio 1975 fissa inderogabilmente in m. 2,70 l'altezza minima interna dei locali adibiti ad abitazione, consentendo di derogarvi - nel senso della sufficienza della minor altezza di m. 2,40 - solo "per i corridoi, i disimpegni in genere, i bagni, i gabinetti ed i ripostigli", onde non ha pregio il tentativo di superare l'ogge... _OMISSIS_ ...nto del mancato rispetto di siffatta prescrizione mediante il ricorso al concetto di altezza media (non dei singoli vani, ma) del fabbricato.

TITOLO EDILIZIO --> AGIBILITÀ E ABITABILITÀ --> DECLARATORIA DI INAGIBILITÀ

Stante il divieto imposto "ex lege" dall'art. 221, comma 1, del R.D. 27 luglio 1934, n. 1265 di abitare o svolgere attività in locali privi del certificato di agibilità, ne consegue che l'Autorità comunale, preposta all'osservanza della citata norma legislativa, è tenuta ad intervenire laddove ne riscontri la violazione, disponendo la cessazione dell'utilizzo di locali privi di certificato di agibilità. Siffatto potere repressivo è insito nel divieto contenuto nella norma citata: è ovvio che se una norma pone un cer... _OMISSIS_ ...squo;Autorità cui compete il relativo potere di vigilanza dispone anche del potere repressivo dell'abuso, che, nella specie, non può che essere esercitato disponendo la cessazione dell'indebito utilizzo dei locali privi di agibilità.

TITOLO EDILIZIO --> AGIBILITÀ E ABITABILITÀ --> FINALITÀ

Il rilascio del certificato di agibilità presuppone una molteplicità di valutazioni ulteriori rispetto a quelle che erano prescritte ai fini del rilascio del vecchio certificato di abitabilità.Ne consegue che la differenza tra i due certificati non è solo terminologica ma anche contenutistica, per cui il primo non può essere preteso in relazione ad immobili realizzati prima dell’entrata in vigore del d.P.R. n. 380/2001 (avvenuta in data 30 giugno 2... _OMISSIS_ ...comma 1, del d.l. 20 giugno 2002, n. 122, convertito dall’art. 1, comma 1, della l. 1 agosto 2002, n. 185) e non interessati da interventi edilizi successivi a tale data, che ne giustifichino la richiesta.

La finalità del certificato di agibilità è solo quella di tutelare l'igienicità, la salubrità e la sicurezza dell'edificio, non essendo lo stesso diretto a garantire anche la conformità urbanistico -edilizia del manufatto; conseguentemente che la verifica di conformità edilizia a tal fine effettuata deve essere svolta nei limiti necessari a inferirne l'assentibilità della agibilità.

Il certificato di agibilità è finalizzato esclusivamente alla tutela dell’igienicità, salubrità e sicurezza dell’edificio e non è diretto anche a... _OMISSIS_ ...onformità urbanistico-edilizia del manufatto, con la conseguenza che la verifica di conformità edilizia effettuata a tal fine è svolta nei limiti necessari a inferirne l’assentibilità della agibilità, restando diverso e distinto il profilo della piena conformità edilizia in quanto tale, sul piano dei titoli edilizi, che non può ricavarsi da un incidentale accertamento compiuto in sede di rilascio della licenza di agibilità.

Il certificato di agibilità è finalizzato esclusivamente alla tutela dell'igienicità, salubrità e sicurezza dell'edificio e non è diretto anche a garantire la conformità urbanistico-edilizia del manufatto; con la conseguenza che la verifica di conformità edilizia effettuata a tal fine è svolta nei limiti necessari a inferirne l’... _OMISSIS_ ...ella agibilità; restando diverso e distinto il profilo della piena conformità edilizia in quanto tale, sul piano dei titoli edilizi, che non può ricavarsi da un incidentale accertamento compiuto in sede di rilascio della licenza di agibilità.

Il certificato di agibilità rilasciato ai sensi dell’art. 221 del T.U. Leggi Sanitarie (ora disciplinato dall’art. 24 “Agibilità” del D.P.R. 6.6.2001, n. 380) era finalizzato esclusivamente alla tutela dell'igienicità, salubrità e sicurezza dell'edificio e non era diretto anche a garantire la conformità urbanistico - edilizia del manufatto.

Il certificato di abitabilità non può introdurre, rispetto al titolo edilizio, alcuna prescrizione limitativa (nella specie, dell’affluenza... _OMISSIS_ ...erciale), non essendo consentito che con tale atto sia perseguito uno scopo diverso ed estraneo rispetto a quello cui la legge (nella specie l’art. 131 della L.P. Trento n. 13/1997) ha preordinato il relativo potere amministrativo, che si limita a consentire l’utilizzo delle costruzioni, solo qualora risultino collaudate, salubri, conformi al progetto autorizzato e dichiarate al catasto.

Il certificato di agibilità è il documento, rilasciato dal dirigente o dal responsabile del competente ufficio comunale, che attesta la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati, giusto il disposto di cui all’art. 24, d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380.

La... _OMISSIS_ ...ertificato di agibilità è unicamente quella di accertare che l'immobile sia stato realizzato nel rispetto delle norme tecniche vigenti in materia di sicurezza, salubrità, igiene, risparmio energetico.

TITOLO EDILIZIO --> AGIBILITÀ E ABITABILITÀ --> ILLUMINAZIONE E AERAZIONE

La circostanza che lo spazio libero esterno sia coperto da una loggia non pregiudica il rispetto dei requisiti minimi di abitabilità.

TITOLO EDILIZIO --> AGIBILITÀ E ABITABILITÀ --> IMMOBILI NON ABITATIVI

Unitamente al titolo commerciale, l’ordinamento richiede il possesso di due distinte tipologie di requisiti igienico-sanitari: il primo attiene comunque ai locali e dunque ne “certifica” in maniera statica la funzio... _OMISSIS_ ...istallizzato nella cd. agibilità urbanistica, che assolve anche al distinto compito di asseverare la regolarità degli stessi sotto tale profilo; il secondo invece è legato più propriamente all’effettivo utilizzo, tanto da implicare diversificazioni in ragione dello stesso, e trova consacrazione in un documento che è l’operatore a “notificare” all’autorità competente che ne riscontra la correttezza formale e sostanziale, giusta le previsioni, immediatamente applicative, di cui al Regolamento CEE 852/2004. L’agibilità dell’immobile, dunque, costituisce il presupposto della successiva notifica, in quanto ove manchi la destinazione commerciale, neppure può immaginarsene l’utilizzo per una singola tipologia della stessa.

... _OMISSIS_ ... dei manufatti o dei locali dove si intende svolgere un’attività commerciale rappresenta il necessario ponte di collegamento fra la situ...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 25650 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 7,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 2864 pagine in formato A4

40,00 €