Presupposti.dell'indennità di asservimento per opera pubblica o di pubblica utilità nell'attuale art. 44 del t.u. espropri

Viene ora in rilievo l’art. 44 del T.U.Es., di chiara discendenza dell’art. 46 della legge n. 2359 del 1865, il quale attualmente costituisce la disciplina dell'asservimento.

Prima di effettuare una sua interpretazione analitica, soprattutto alla luce dei diversi orientamenti giurisprudenziali, occorre riportarne di seguente il testo letterale, il quale, disposto in cinque commi, si ritiene abbastanza chiaro ed univoco: «1. E’ dovuta una indennità al proprietario del fondo che, dalla esecuzione dell’opera pubblica o di pubblica utilità, sia gravato da una servitù o subisca una permanente diminuzione di valore per la perdita o la ridotta possibilità di esercizio del diritto di proprietà. 2. L’indennità è calcolata senza tener... _OMISSIS_ ...giudizio derivante dalla perdita di una utilità economica cui il proprietario non ha diritto. 3. L’indennità è dovuta anche se il trasferimento sia avvenuto per effetto dell’accordo di cessione o nei casi previsti dall’art. 43. 4. Le disposizioni dei commi precedenti non si applicano per le servitù disciplinate da leggi speciali. 5. Non è dovuta alcuna indennità se la servitù può essere conservata o trasferita senza grave incomodo del fondo dominante o di quello servente. In tal caso l’espropriante, se non effettua direttamente le opere, rimborsa le spese necessarie per la loro esecuzione. 6. L’indennità può essere anche concordata fra gli interessati prima o durante la realizzazione dell’opera e delle relative misure del contenimento del ... _OMISSIS_ ...RLF|
Preliminarmente, si chiarisce sin da subito che l’art. 44 si può considerare l’erede universale dell’art. 46 della legge n. 2359/1865, dal quale non si traduce una semplice discendenza, ma una perfetta osmosi sia per ciò che concerne la causa, sia per ciò che riguarda la sua funzionalità.

Anche la giurisprudenza, principalmente applicativa del vecchio art. 46 in virtù della maggiore vigenza, non si distacca da quei canoni ermeneutici già applicati per le due fattispecie delineate dalle suddette discipline pressoché identiche: asservimento e danno permanente.

La prima delle due situazioni giuridiche oggetto di attenzione è quella relativa all’asservimento di un fondo che non è oggetto di espropriazione.
... _OMISSIS_ ...egnatamente, se dall’esecuzione dell’opera per cui si è delineata una procedura espropriativa ne deriva con apposito provvedimento un diritto di servitù gravante su un fondo, il quale risulta così asservito, deve essere corrisposta al titolare del diritto dominicale, così compromesso, una somma qualificata come indennitaria.
In dottrina, la definizione data a questa fattispecie è quella di danno da opera.

Esso rappresenta una fattispecie opportunamente disciplinata in maniera autonoma rispetto all’indennità dovuta per l’esproprio.

Il sacrificio subito deriva dall’esecuzione dell’opera non dalla procedura di pubblica utilità eseguita per l’ablazione dell’area su cui essa è stanz... _OMISSIS_ ...RLF| Ciò significa che il fondo interessato dall’indennizzo de quo non è gravato dall’esproprio, ma è connesso all’opera.
Tuttavia, nell’ambito di una tutela giudiziaria, se il proprietario del terreno residuale è lo stesso di quello oggetto di ablazione, la fattispecie andrà ricondotta in un unico procedimento giudiziario, ciò sia in ossequio all’art. 42 della Costituzione in difesa della proprietà privata, sia in riferimento al ben noto principio costituzionale del giusto processo di cui all’art. 111.
L’asservimento è una situazione diversa da quella descritta dalla seconda parte del primo comma dell’art. 44.
In questo caso, il diritto di servitù che grava sul fondo è definito mediante un decreto di ass... _OMISSIS_ ...ase al quale, pur operando una servitù prediale, il fondo non trasla di proprietà.

L’esproprio è causa indispensabile della costituzione del diritto di servitù, quindi dallo stesso imprescindibile, si pensi ad esempio ad un cavalcavia che sorvola un terreno privato.

La connessione d’identità espressa permette di ritenere applicabile per l’esercizio dell’azione processuale la competenza del Giudice ordinario, come per l’opposizione o la determinazione dell’indennità ordinaria, pur se si tratta di un diritto parziale e non assoluto, ciò in virtù del fatto che il danno deriva da un’attività lecita della Pubblica Amministrazione, una diversa situazione troverebbe tutela nel risarcimento danni aquiliano di fo... _OMISSIS_ ... (art. 2043 c.c.) e di tutt’altra giurisdizione.
La Corte di Cassazione precisa comunque in argomento che l’art. 44 riferisce la sua portata soltanto a quei terreni che non sono interessati dall’esproprio, ma che sono contigui a quelli appunto soggetti ad ablazione.

La norma medesima per definizione è inserita nel capo 8 del T.U.Es. sotto la voce “indennità dovuta al titolare del bene non espropriato”, pertanto non riguarda il proprietario del fondo oggetto di spoliazione, ma quello del terreno non affrancato, ossia il cui impoverimento è direttamente connesso alla funzionalità dell’opera.

Si ripete quando già detto in tema di esproprio parziale.
Il Testo Unico dell’espropriazione di pubb... _OMISSIS_ ....P.R. 327/2001) oggigiorno conosce l’esproprio parziale tramite l’art. 33.
La fattispecie ivi delineata è totalmente diversa da quella in analisi, infatti l’indennità secondo il valore complementare dovuta nel caso in cui un fondo è diviso dall’espropriazione in due parti richiede una rigida connessione funzionale tra ciò che viene asportato e ciò che è residuale, invece l’indennità speciale di cui all’art. 44 necessita soltanto di un nocumento, pur se specifico e non generalizzato a tutti i proprietari dei fondi contigui all’opera, che provenga dall’esecuzione dell’opera stessa e che si produca sulla parte del fondo diviso rimanente in capo al soggetto espropriato.

Si può tranquillamente dire che ne... _OMISSIS_ ... connessione richiede un quid pluris che non opera nella fattispecie oggetto di attenzione: l’identità unitaria economica delle frazioni ricavate dall’occupazione del bene.

Tuttavia, a parere di chi scrive, l’art. 44 non esplica i suoi effetti in via marginale e secondaria, come se fosse una norma di carattere sussidiario limitata ai casi per cui non opera altra tutela, determina invece una ben distinta situazione a favore di chi soffre la realizzazione dell’opera de relato, ma al verificarsi di specifici presupposti.

Il pregiudizio è permanete (rectius non temporaneo) e collegato a definite facoltà di esercizio del diritto di proprietà, che vengono per così dire ridotte o addirittura annullate per quel fondo adia... _OMISSIS_ ...onfinante del tutto, con l’opera.
A questo proposito, la Suprema Corte precisa che l’applicazione della norma non dipende soltanto dalla posizione dei beni coinvolti che, per definizione tautologica, vengono raggruppati e sottoposti al sacrificio che li vede rivendicare lo speciale indenniz...<


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 16280 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo visibile in questa pagina è composto da contenuti tratti dal seguente prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click.

pdf 71 pagine in formato A4

20,00 €