L'indennità aggiuntiva per esproprio dovuta ai soggetti terzi che sono in rapporto diretto con il terreno oggetto dell’ablazione mediante un contratto agrario

uo;art. 42 del T.U.Es. disciplina e tutela nella sua previsione i soggetti terzi che sono in rapporto diretto con il terreno oggetto dell’ablazione mediante un contratto agrario, e traggono il loro sostentamento dalla lavorazione agricola della terra.
La finalità principale è quella di agire in compensazione con il danno subito per la privazione del fondo a cui era legata l’attività agricola posta in essere, nonché di attuare l’unica forma di tutela possibile non essendo fattibili altre azioni risarcitorie in considerazione che l’atto di esproprio si presuppone valido.

ondizione legittimante tanto l’indennità ordinaria, quanto quella speciale, è difatti rappresentata dalla regolare conclu... _OMISSIS_ ...dimento espropriativo.
Parimenti è considerata valida la dazione dell’indennità aggiuntiva anche in caso di accordo di cessione, ammesso come provvedimento equipollente del decreto definitivo, in quanto la procedura trova un epilogo secondo uno strumento previsto per la sua regolare definizione.
Non così se l’esproprio non è stato completato con il provvedimento finale, oppure è affetto da vizio che ne caduca l’efficacia, anche di un solo atto procedimentale, ricorrendo in questo caso una fattispecie di illegittimità con trasformazione dello stato dei luoghi da cui ne discende un’occupazione sine titulo e l’indennità dovuta muta definizione e si trasforma in obbligazione risarcit... _OMISSIS_ ...ex se contempla un risarcimento sia per il proprietario, sia per quei soggetti che erano assistiti da un rapporto negoziale agrario sul fondo.
Più segnatamente, il decreto definitivo o l’atto di cessione equiparato individuano le uniche cause generatrici dell’abbandono del terreno e la cessazione del contratto agrario che sullo stesso ineriva, anche se l’indennità supplementare viene giustificata altresì dalla modifica delle sue condizioni di utilizzo finalizzate all’uso agricolo coattivamente interrotto in virtù dello “scopo pubblicistico” afferente l’ablazione.
Quanto sopra è di fondamentale importanza e serve a far capire la stretta correlazione tra la perdita del ... _OMISSIS_ ...i proprietà e la liquidazione dell’indennità aggiuntiva, non così nella fattispecie dell’imposizione coattiva di servitù dove non ricorre tale presupposto e di conseguenza viene disattesa la “ratio” prevista a fondamento della somma di denaro riconosciuta al coltivatore diretto.

osì il testo della norma: “1.Spetta un’indennità aggiuntiva al fittavolo, al mezzadro o al compartecipante che, per effetto della procedura espropriativa o della cessione volontaria, sia costretto ad abbandonare in tutto o in parte l’area direttamente coltivata da almeno un anno prima della data in cui vi è stata la dichiarazione di pubblica utilità. 2. L’indennità aggiuntiva è determinata ai sensi dell&rsquo... _OMISSIS_ ... 4, ed è corrisposta a seguito di una dichiarazione dell’interessato e di un riscontro della effettiva sussistenza dei relativi presupposti”.

ome già detto storicamente la fonte della norma è da rinvenirsi nell’art. 17, comma 2 della legge sull’edilizia residenziale n. 865/71, alcuna traccia invece si trova nella legge Pisanelli del 1865 (abrogata definitivamente dall’art. 58 del d.P.R. 327/2001) che, di converso, con l’articolo 27, terzo comma espressamente prevedeva che i titolari di altri diritti sugli stabili interessati dalla procedura di espropriazione “sono fatti indenni dagli stessi proprietari”.
In netto contrasto con l’assunto operato dalla Legge ... _OMISSIS_ ...appena citata, oggi, come già nel 1971, la posizione dell’affittuario e delle categorie ad esso equiparate è completamente autonoma e va a gravare esclusivamente sulle “casse” dell’espropriante, a cui direttamente compete di provvedere.
La singolarità della somma indennitaria supplementare dovuta diversifica la fattispecie anche sotto il punto di vista del ruolo ricoperto, pur essendo unico il cespite oggetto dell’espropriazione.
Per meglio intenderci, occorre specificare che, ricorrendo i presupposti, al proprietario-coltivatore diretto, oltre all’indennità di esproprio in quanto titolare del diritto assoluto, spetterà anche quella aggiuntiva; invece, all’affittuario, titol... _OMISSIS_ ...rto agrario, spetterà soltanto quella aggiuntiva, in via del tutto separata e non cumulativa con quella spettante al proprietario.
Il leitmotiv del riconoscimento dell’indennità aggiuntiva è il diritto al lavoro, principio costituzionalmente garantito che subisce un sacrificio a causa dell’espropriazione.
E’ la pubblica utilità che riveste l’intervento di un’opera che caduca o comprime i diritti coinvolti nell’ablazione, di conseguenza l’espropriazione è la causa della risarcibilità mediante la previsione indennitaria del danno subito anche dal soggetto che lavora direttamente la terra.
Fondamentale importanza assume l’effettiva e diretta ... _OMISSIS_ ...el terreno, la prevalenza del lavoro proprio e della propria famiglia, l’esistenza di un contratto agrario debitamente registrato ed il “fattore tempo”.
Secondo il disposto di cui all’art. 2697 del codice civile, l’onere probatorio ricade sul soggetto avente diritto, ossia colui che da tale prova ne riceve una conseguenza favorevole.
Sul punto, è abbastanza perentorio il Consiglio di Stato quando afferma che affinché possa riconoscersi l’indennità aggiuntiva mutuata dall’art. 17, comma 2 della legge 865/71 è necessario che la qualità di “fittavolo, mezzadro, colono o compartecipante” debba essere provata tramite un contratto scritto agrario e non semplicemente da... _OMISSIS_ ...tuazioni di fatto” generate da impossessamenti illeciti o fraudolenti di terreni di proprietà altrui.
L’elargizione dell’indennità aggiuntiva necessita pertanto di determinati presupposti.
Innanzitutto la concreta e diretta utilizzazione del fondo per attività agricole, non sono ammissibili tipologie di gestioni diverse da quella propriamente indicata di coltivazione del fondo, ne consegue che sono esclusi coloro i quali non fanno un uso secondo questo indirizzo del terreno interessato.
L’attività de qua deve essere condotta con il requisito della prevalenza propria e della propria famiglia.
Tale condizione è precipuamente valutata secondo il rapporto esistente tra... _OMISSIS_ ...o complessivamente necessaria per la corretta lavorazione di quel dato terreno e la forza di lavoro effettivamente impegnata dall’affittuario e dal suo nucleo familiare, al netto dell’utilizzo di mezzi meccanici.
Diversamente dall’affittuario coltivatore diretto il “diretto coltivatore”, ossia colui che non rientra nel novero dei soggetti indicati dalla normativa in commento e che, co...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 12646 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo