Carrello
Carrello vuoto



La salute pubblica può essere tutelata dal Sindaco mediante ordinanze contingibili e urgenti


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DELLE ORDINANZE CONTINGIBILI E URGENTI
anno:2018
pagine: 357 in formato A4, equivalenti a 607 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


PROCEDURE ATIPICHE O ALTERNATIVE --> ORDINANZE CONTINGIBILI E URGENTI --> CASISTICA --> SALUTE PUBBLICA

In materia di ordinanze sindacali di bonifica dei siti inquinati non è configurabile alcuna corresponsabilità del fallimento, anche meramente omissiva, in relazione alle condotte poste in essere dall'impresa fallita.

Un immobile abbandonato da circa 30 anni costituisce di per sé un pericolo per l'igiene pubblica, che può essere evitato soltanto con periodica disinfestazione.

La salute pubblica può essere tutelata dal Sindaco mediante ordinanze contingibili e urgenti.

L'Ispettorato regionale del Ministero delle Comunicazioni non detiene un potere di controllo e di verifica sulle ordinanze contingibili e urgenti emesse dal Sindaco a tutela della salute pubblica.

La valutazione dei rischi per la salute pubblica della popolazione derivanti dall'esposizione a onde elettromagnetiche che superino i livelli di esposizione previsti dalla normativa di settore è rimessa alla discrezionalità dell'organo di vertice dell'Amministrazione locale e non sindacabile da parte del Ministero delle Comunicazioni, che non ha il potere di rivalutare i presupposti delle or... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...tingibili e urgenti emesse dal Sindaco.

La disposizione di cui all'art. 9 della L. n. 447 del 1995, in tema di inquinamento acustico, si riferisce ad eccezionali ed urgenti necessità di tutela della salute pubblica, non fronteggiabili nell'ambito delle ordinarie funzioni di controllo sull'osservanza della normativa vigente; pertanto, il problema dell'inquinamento acustico proveniente dalla attività di somministrazione di alimenti e bevande nell'area cortiliva di un circolo può essere risolto attraverso gli ordinari strumenti di intervento a tutela della salute pubblica previsti dall'art. 6 della legge n. 447 del 1995 di competenza del dirigente comunale.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI