Carrello
Carrello vuoto

ESPROPRIonline 6/2017

Raccolta bimestrale di giurisprudenza in materia di espropriazione per pubblica utilità



 
titolo: ESPROPRIonline 6/2017
sottotitolo: Raccolta bimestrale di giurisprudenza in materia di espropriazione per pubblica utilità
area/e tematica/che: eol
data: Novembre-Dicembre 2017
testo in formato: pdf  
pagine: 201 in formato A4 (cm 21X29,7), corrispondenti a 342 in formato libro (cm 17X24)
 
prezzo:
€ 25,00

  leggi qui come funziona
vai al sommario
vai all'abstract e alla descrizione
segnala ad un amico
SCARICA GRATIS ALCUNE PAGINE

editore: Exeo
collana: osservatorio di giurisprudenza
numero in collana: 296
issn: 1971-999 X
sigla: EOL62
categoria: ESPROPRIonline
tipologia: raccolta
genere: annuario/agenda/rivista
altezza: cm 29,7
larghezza: cm 21
dimensione: A4
funzioni permesse: stampa=SI - copia incolla=SI
protezione: digital watermarking
disponibità: illimitata
destinatari: professionale accademico
soggetto: diritto
consigliato da :   
 
prezzo:
€ 25,00

 GUARDA LA COPERTINA ANTERIORE      

Selezione delle notizie più lette - derivanti dalla giurisprudenza in materia di espropriazione per pubblica utilità - pubblicate nel bimestre di riferimento dalla rivista telematica www.esproprionline.it. Alle massime/sintesi sono associati i brani pertinenti originali delle sentenze a cui esse si riferiscono.

LA PROVA DEL POSSESSO IN CAPO ALLA P.A. USUCAPENTE NON PUÒ DESUMERSI DALL'INCURIA DEL PROPRIETARIO

LA STIMA DEVE ESSERE CONDOTTA SULLA BASE DEL PRINCIPIO DELL'ORDINARIETÀ

I VAM, LADDOVE EFFICACI, SONO INDEROGABILI

INDENNIZZO DA REITERAZIONE SEMPRE DOVUTO: SE IL PROPRIETARIO NON PROVA UN MAGGIOR DANNO SONO DOVUTI GLI INTERESSI LEGALI

IN PRESENZA DI VINCOLI DI INEDIFICABILITÀ, L'INDENNITÀ VA COMMISURATA AL VALORE AGRICOLO

PREFERIBILE IL METODO ANALITICO RICOSTRUTTIVO

NON ESISTE L'ABDICAZIONE: IL PROPRIETARIO NON PUÒ CHIEDERE IL RISARCIMENTO, MA SOLO TUTELA RESTITUTORIA

RISARCIMENTO DA OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA: PRESCRIZIONE QUINQUENNALE DALLA PROPOSIZIONE DELLA DOMANDA

ESPROPRIO FALLITO: LA PARCELLIZZAZIONE DELLE COMPETENZE NON ESIME DA RESPONSABILITÀ

NON È IMPUTABILE CHI PUR NON ESSENDO TITOLARE DEL PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO SI ATTIVI IN ALCUNE SUE FASI

RITARDO NELLA RIPIANIFICAZIONE: DA RISARCIRSI LA PERDITA DI VALORE DEL BENE

ANCHE PER LE ESTRAZIONI MINERARIE VI È LA NECESSITÀ DELL'APPOSIZIONE DEL VINCOLO

42BIS: NON SERVE CHE L'OPERA SIA STATA ULTIMATA, MA È SUFFICIENTE CHE IL BENE SIA STATO SOTTRATTO AL PROPRIETARIO

IL PRINCIPIO DEL CONTRADDITTORIO NON VA INTESO IN SENSO FORMALISTICO

È ESPROPRIATIVA UNA ZONA F PARCO URBANO ASSOGGETTATA A STRUMENTO ATTUATIVO A INIZIATIVA ESCLUSIVAMENTE PUBBLICA

SENZA OCCUPAZIONE SANANTE SI PUÒ SOLO COMPENSARE IL DANNO DA ILLEGITTIMA OCCUPAZIONE

ART. 53 DPR 218/1978: LA RETROCESSIONE OPERA SOLO PER EFFETTO DELLA SENTENZA DEL GIUDICE

IL DISSESTO FINANZIARIO SOSPENDE L'ACQUISIZIONE SANANTE

REDAZIONE VAM: OBBLIGO DI INTERPELLARE I COMUNI, DI CONFRONTARE I DATI CON LE PROVINCE LIMITROFE E DI UNA EFFETTIVA INDAGINE DI MERCATO

QUANDO L'ESPROPRIO RIGUARDI DIRETTAMENTE IL DIRITTO MINORE, NON SI APPLICA L'ART. 25 TUES

OCCUPAZIONE USURPATIVA: AZIONI REIPERSECUTORIE, RESTITUZIONE E RISARCIMENTO EX ART. 2043 CC

CHI DEVE RESTITUIRE L'AREA ILLEGITTIMAMENTE OCCUPATA È IL SOGGETTO CHE LA UTILIZZA

OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA: IL PROPRIETARIO DEVE RIVOLGERSI AL GIUDICE AMMINISTRATIVO PER LA PORZIONE INCLUSA NELLA P.U., AL GIUDICE ORDINARIO PER QUELLA ECCEDENTE

GLI ORDINI DI SERVIZIO SONO FONTE DI RESPONSABILITÀ

ART. 19 TUES: DOPPIA DELIBERA NON SIGNIFICA DOPPIA COMUNICAZIONE DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO

INDENNITÀ DI OCCUPAZIONE LEGITTIMA: 8,33%. INDENNITÀ DI OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA: 5%

INDENNITÀ 42 BIS: COMPETENZA CORTE D'APPELLO IN UNICO GRADO

ESISTE L'ABDICAZIONE: IL PROPRIETARIO PUÒ CHIEDERE IL RISARCIMENTO OLTRE ALLA TUTELA RESTITUTORIA

LA SERVITÙ DI ELETTRODOTTO PUÒ ESSERE USUCAPITA

ESPROPRIO ILLEGITTIMO: RISPONDONO ANCHE SINDACI ED ASSESSORI

L'ESPROPRIO PER P.U. DI UN BENE OGGETTO DI ESECUZIONE IMMOBILIARE ESTINGUE LA PROCEDURA ESECUTIVA

L'OCCUPAZIONE ACQUISITIVA RIENTRA NELLA GIURISDIZIONE DEL G.A.

LA MANCATA ADOZIONE DELL'ACQUISIZIONE SANANTE È FONTE DI RESPONSABILITÀ

DANNO DA OPERA PUBBLICA: COMPETE AL G.A. SE VENGA IN DISCUSSIONE LA LOCALIZZAZIONE DEL TRACCIATO

ANCHE LE INDENNITÀ CORRISPOSTE A SEGUITO DI ACCORDI TRANSATTIVI SONO ASSOGGETTATE A RITENUTA FISCALE

INAMMISSIBILE IL RICORSO AVVERSO IL DECRETO DI OCCUPAZIONE DEPOSITATO OLTRE IL TERMINE DIMIDIATO DI 15 GIORNI DALLA NOTIFICA

IN UNA CAUSA TRA PRIVATI CIRCA IL DIRITTO DI PASSAGGIO IN UNA STRADA ASSERITAMENTE PUBBLICA, NON SUSSISTE LA NECESSITÀ DI INTEGRARE IL CONTRADDITTORIO COINVOLGENDO IL COMUNE

IL CONCORDAMENTO DELL'INDENNITÀ DI ESPROPRIO NON COMPORTA QUELLO DELL'INDENNITÀ DI OCCUPAZIONE

UN ESPROPRIO DI 60 MQ A 80 METRI DAL FABBRICATO, È INIDONEO A DEPREZZARE QUEST'ULTIMO

SE L'ESPROPRIATO È DECADUTO DALLA AZIONE DI OPPOSIZIONE ALLA STIMA, NON PUÒ AZIONARE IL SILENZIO AMMINISTRATIVO

DANNO DA INTERCLUSIONE: LA MINOR SOMMA TRA DIMINUZIONE DI VALORE E COSTO DI COSTITUZIONE DI SERVITÙ

OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA: RISPONDE L'APPALTATORE

42 BIS: LA CONTROVERSIA SULL'INDENNIZZO SPETTA ALLA CORTE D'APPELLO, ANCHE QUANDO COESISTA CON CONTESTAZIONI SULLA LEGITTIMITÀ

IMPROCEDIBILE LA DOMANDA RISARCITORIA/RESTITUTORIA SE SOPRAGGIUNGE L'ACQUISIZIONE SANANTE

NON C'È COLPA NEL NON RILIQUIDARE L'INDENNITÀ A SEGUITO DELL'OPPOSIZIONE DEL PROPRIETARIO

NON CENSURABILE LA SCELTA DI ESPROPRIARE DETERMINATE AREE, SALVO ERRORI DI FATTO O ABNORMI ILLOGICITÀ

ISTANZA DI ATTIVAZIONE DEL COLLEGIO DEI TECNICI: OBBLIGO DI PROVVEDERE ANCHE SE PROVIENE DAI PROPRIETARI EFFETTIVI NON CATASTALI

IL PROPRIETARIO DI UN BENE VICINO ALL'OPERA E ASSERITAMENTE DEPREZZATO DALLA STESSA, PUÒ ACCEDERE AGLI ATTI

TERMINI DIMIDIATI PER L'IMPUGNAZIONE DEL PROVVEDIMENTO EX 42-BIS

IL GIUDICE NON PUÒ COSTRINGERE LA P.A. ALL'ADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO DI ACQUISIZIONE COATTIVA SANANTE

LA VOCAZIONE EDIFICATORIA C'È

OBBLIGATORIO RISCONTRARE ALL'ISTANZA DI COSTITUZIONE DEL COLLEGIO DEI TECNICI EX ART. 21 TUES

AREE IN FASCIA DI RISPETTO SEMPRE INEDIFICABILI, INDIPENDENTEMENTE DAL TRASFERIMENTO DELLA VOLUMETRIA

DESTINAZIONE A PARCHEGGIO: VINCOLO CONFORMATIVO SE MANCA LA LOCALIZZAZIONE DI UNA OPERA PRECISA

ISTANZA DI ACQUISIZIONE SANANTE: L'AMMINISTRAZIONE HA L'OBBLIGO DI RISCONTRARE ACQUISENDO O RESTITUENDO IL BENE

UN VINCOLO LENTICOLARE PUÒ ANCHE ESSERE CONFORMATIVO, SE SIA ATTUABILE ANCHE AD INIZIATIVA PRIVATA

NON C'È SILENZIO INADEMPIMENTO IN CASO DI RISCONTRO NEGATIVO

STRADA VICINALE: LA SUA ESATTA INDIVIDUAZIONE È PRESUPPOSTO DEGLI OBBLIGHI DI MANUTENZIONE A CARICO DEI FRONTISTI

FOGNATURA ABUSIVA: L'ABDICAZIONE FA PERDERE LA PROPRIETÀ AL PROPRIETARIO (MA NON LA FA ACQUISIRE AL COMUNE CHE RISARCISCE...)

IN MATERIA INDENNITARIA NON RILEVA LA DISTINZIONE TRA VINCOLI ESPROPRIATIVI E CONFORMATIVI

OTTEMPERANZA: NELL'INCIDENTE DI ESECUZIONE NON SI PUÒ PRESCINDERE DAI COMPITI AFFIDATI AL COMMISSARIO

NIENTE ASTREINTES PER LA PA

OTTEMPERANZA PER IL PAGAMENTO DELL'INDENNITÀ: IL PREFETTO PUÒ MODIFICARE IL BILANCIO DEL COMUNE

OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA: INCOMBE SUL PROPRIETARIO L'ONERE DELLA PROVA

BENI ESPROPRIATI NON USUCAPIBILI SENZA INTERVERSIONE

CON LA DOMANDA RISARCITORIA IL PROPRIETARIO PERDE IL 10% DEL DANNO NON PATRIMONIALE

L'EDIFICABILITÀ È QUESTIONE GIURIDICA INSUSCETTIBILE DI ESSERE SOTTOPOSTA ALLA CASSAZIONE COME VIZIO DELLA MOTIVAZIONE

L'OPPOSIZIONE DI UN SINGOLO COMPROPRIETARIO SI ESTENDE AGLI ALTRI (MA FINO A UN CERTO PUNTO)

L'INTERESSE ALL'ACCESSO AGLI ATTI NON VIENE MENO SE SIA STATA GIÀ PROPOSTA L'OPPOSIZIONE ALLA STIMA

L'ANAS PUÒ EMANARE IL PROVVEDIMENTO DI ACQUISIZIONE COATTIVA SANANTE

ANNULLATO PROGETTO DI INTERRAMENTO DI LINEA FERROVIARIA PER MANCATO RISCONTRO AD UN ESPROPRIANDO

IN ESECUZIONE DI UN ACCORDO CON UN PRIVATO PUÒ ESSERE ESPROPRIATO A SUO FAVORE UN BENE DI UN TERZO

OBBLIGATORIO PROCEDERE CON L'ARTICOLO 21 IN CASO DI MANCATA ACCETTAZIONE DELLA PROVVISORIA

LE DICHIARAZIONI DI INCOSTITUZIONALITÀ DEI CRITERI RIDUTTIVI HANNO FATTO RIVIVERE L'ARTICOLO 39 DELLA PISANELLI

INDENNITÀ: DETRATTO IL VINCOLO PRE-ESPROPRIATIVO, DEVE TENERSI CONTO DELLA PREVIGENTE DESTINAZIONE URBANISTICA

LIQUIDAZIONE GIUDIZIALE DEL DANNO IN ASSENZA DI PROVVEDIMENTO ACQUISITIVO: 5 + 10%

AUTORIZZAZIONE ALLO SVINCOLO: GIURISDIZIONE DEL GIUDICE ORDINARIO

LA EQUIPARAZIONE DELLE AREE INEDIFICABILI NON COMPORTA CHE ABBIANO LO STESSO VALORE

DESTINAZIONE A VIABILITÀ INTERREGIONALE: VALUTAZIONE COME AREA AGRICOLA

DOPO L'ACCORDO TRANSATTIVO NEMMENO GLI EREDI POSSONO CHIEDERE LA RESTITUZIONE DEL BENE ILLEGITTIMAMENTE OCCUPATO

DEVOLUTE AL TAR LAZIO LE CONTROVERSIE SUGLI ESPROPRI RELATIVI AD ELETTRODOTTI AD ALTISSIMA TENSIONE

L'ABDICAZIONE NON È TRASLATIVA, PER CUI NON COMPORTA IL PASSAGGIO DI PROPRIETÀ ALL'OCCUPANTE

IMMISSIONE IN POSSESSO: SE IL PROPRIETARIO NON PUÒ RIPRISTINARE IL CONTATTO CON IL BENE PERDE L'ANIMUS POSSIDENDI

NON INDENNIZZABILI I FABBRICATI ABUSIVI

IL PREGIUDIZIO ALL'AZIENZA AGRICOLA NON SPETTA AUTOMATICAMENTE

LA DUPLICE AZIONE DI DETERMINAZIONE GIUDIZIALE DELL'INDENNITÀ SI ESTENDE ALL'OCCUPAZIONE

IN PRESENZA DI GIUDICATO RESTITUTORIO ANCORA POSSIBILE IL 42 BIS

VERDE PUBBLICO IN CONVENZIONE: NON DECADE

LA TRIPLICAZIONE NON C'È PIÙ

LA FONTE DEL CREDITO INDENNITARIO È IL DECRETO DI ESPROPRIO

TERMINI PER L'OPPOSIZIONE ALLA STIMA: DILATORIO QUELLO DELL'ART. 54, PERENTORIO QUELLO DELL'ART. 29

SOLO L'ACQUISIZIONE FORMALE DELL'AREA IMPEDISCE LA SUA RESTITUZIONE, NON ESISTENDO COMPORTAMENTI, FATTI O CONTEGNI ESTINTIVI DELLA PROPRIETÀ

NON CONFIGURABILE UN GIUDICATO AUTONOMO SUL CRITERIO INDENNITARIO