Carrello
Carrello vuoto

ESPROPRIonline 1/2019

Raccolta bimestrale di giurisprudenza in materia di espropriazione per pubblica utilità



 
titolo: ESPROPRIonline 1/2019
sottotitolo: Raccolta bimestrale di giurisprudenza in materia di espropriazione per pubblica utilità
area/e tematica/che: eol
data: Gennaio - Febbraio 2019
testo in formato: pdf  
pagine: 219 in formato A4 (cm 21X29,7), corrispondenti a 372 in formato libro (cm 17X24)
 
prezzo:
€ 25,00

  leggi qui come funziona
vai al sommario
vai all'abstract e alla descrizione
segnala ad un amico

editore: Exeo
collana: osservatorio di giurisprudenza
numero in collana: 335
issn: 1971-999 X
sigla: EOL69
categoria: ESPROPRIonline
tipologia: raccolta
genere: annuario/agenda/rivista
altezza: cm 29,7
larghezza: cm 21
dimensione: A4
funzioni permesse: stampa=SI - copia incolla=SI
protezione: digital watermarking
disponibità: illimitata
destinatari: professionale accademico
soggetto: diritto
consigliato da :   
 
prezzo:
€ 25,00

 GUARDA LA COPERTINA ANTERIORE      

Selezione delle notizie più lette - derivanti dalla giurisprudenza in materia di espropriazione per pubblica utilità - pubblicate nel bimestre di riferimento dalla rivista telematica www.esproprionline.it. Alle massime/sintesi sono associati i brani pertinenti originali delle sentenze a cui esse si riferiscono.

IL TERMINE DI IMPUGNAZIONE DEL PROGETTO DEFINITIVO DECORRE DALLA PIENA CONOSCENZA, NON DALLA PUBBLICAZIONE

LA DICHIARAZIONE DI P.U. NON È UN ATTO COLLETTIVO, MA PLURIMO

LA TUTELA RIPRISTINATORIA COSTITUISCE UN PRIUS NECESSARIO RISPETTO ALLA TUTELA RISARCITORIA

I VINCOLI CONFORMATIVI POSTI DAL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SONO ULTRATTIVI RISPETTO ALLA SCADENZA DELLO STESSO

RISARCIMENTO: IL RISTORO DEVE ABBRACCIARE TUTTI I PREGIUDIZI SUBITI DAL PROPRIETARIO

FITTAVOLO: SE LA REGISTRAZIONE DEL CONTRATTO È SUCCESSIVA ALL'APPOSIZIONE DEL VINCOLO NON È DOVUTA L'INDENNITÀ AGGIUNTIVA

IL RISCONTRO ALL'ISTANZA DI ACQUISIZIONE SANANTE DEVE PROVENIRE DAL COMPETENTE ORGANO DELL'AMMINISTRAZIONE PREPOSTA

42-BIS: DALL'ISTANZA DEL PROPRIETARIO L'AMMINISTRAZIONE HA 90 GIORNI DI TEMPO PER EMETTERE UN PROVVEDIMENTO DI ACQUISIZIONE O DI RESTITUZIONE

BENI DEL DEMANIO E DEL PATRIMONIO INDISPONIBILE: VIGE IL CONCETTO DI PROPRIETÀ-FUNZIONE E NON DI DOMINIUM

PIANO ATTUATIVO DECADUTO: SOPRAVVIVONO I VINCOLI CONFORMATIVI

LA CONTROVERSIA SULL'AUTORIZZAZIONE ALLO SVINCOLO DELLE SOMME DEPOSITATE SPETTA AL GIUDICE ORDINARIO

IL GIUDICE PUÒ ACCERTARE L'ILLEGITTIMITÀ DELL'ATTO SE SUSSISTE L'INTERESSE AI FINI RISARCITORI

LA CONTESTAZIONE SULLE MODALITÀ DI QUANTIFICAZIONE DELL'INDENNIZZO EX ART. 42-BIS RIENTRA NELLA GIURISDIZIONE DEL G.O.

LEGITTIMAZIONE AD AGIRE DELL'EREDE DEL PROPRIETARIO: NON BASTA L'AUTOCERTIFICAZIONE

L'ACQUISIZIONE SANANTE PRESUPPONE L'ESISTENZA DI UN PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO, SIA PUR VIZIATO

ESPROPRI PER IL TERREMOTO DI MESSINA DEL 1908: LEGITTIMA LA CONCLUSIONE NEL 2011

NON HA NATURA ESPROPRIATIVA LA PREVISIONE URBANISTICA DELL'INTERVENTO COMUNALE IN CASO DI MANCATA REALIZZAZIONE DEL PRIVATO

NON SERVE LA COMUNICAZIONE DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO DELL'OCCUPAZIONE D'URGENZA

LA QUALITÀ DI FITTAVOLO DEVE RISULTARE DA CONTRATTO VALIDO ED EFFICACE

LA P.A. NON PUÒ USARE L'OCCUPAZIONE TEMPORANEA EX ART. 49 PER AMPLIARE L'ESPROPRIO O ESEGUIRE OPERE NON PREVISTE

DOPO LA SCADENZA DELLA P.U. L'AMMINISTRAZIONE NON PUÒ SOTTRARSI ALLA RICHIESTA DEL PROPRIETARIO DI CEDERE IL BENE

INDENNIZZO EX ART. 42-BIS: VA STIMATO DA UN TERZO ARBITRATORE IMPARZIALE

IN SEDE DI APPOSIZIONE DEL VINCOLO ESPROPRIATIVO NON DEVE ESSERE PREVISTO UN INDENNIZZO

LA CESSIONE VOLONTARIA È UN CONTRATTO DI DIRITTO PUBBLICO EX ART. 11 L. 241/1990

IL CONCESSIONARIO È TITOLARE DELL'OBBLIGAZIONE INDENNITARIA SOLO IN IPOTESI DI CONCESSIONE TRASLATIVA

OCCUPAZIONE SINE TITULO: OBBLIGO DELL'AMMINISTRAZIONE DI FARLA CESSARE

QUANDO VI SIA LA DISPONIBILITÀ DEL BENE NON SERVE APPORRE IL VINCOLO ESPROPRIATIVO

ACQUISIZIONE SANANTE COME "EXTREMA RATIO"

OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA: LA P.A. NON PUÒ ESSERE COSTRETTA AD ACQUISIRE IL BENE A SEGUITO DI "ABDICAZIONE" DEL PROPRIETARIO O DI CONDANNA RISARCITORIA

SERVITÙ DI USO PUBBLICO SU STRADA INTERPODERALE: NON BASTA L'USO DI TERZI MA SERVE L'ANIMUS DICANDI AD PATRIAM

IL "DECRETO REGGIO" DISCIPLINA INTERVENTI DI INTERESSE STATALE

DANNO VERIFICATOSI A SEGUITO DI OPERA DIFFORME DAL PROGETTO APPROVATO: GIURISDIZIONE DEL G.O.

L'AMMINISTRAZIONE HA L'OBBLIGO DI DARE CORSO ALL'ISTANZA DI ATTIVAZIONE DEL COLLEGIO DEI TECNICI EX ART. 21

LA P.A. HA L'OBBLIGO GIURIDICO DI ESAMINARE LE ISTANZE DEI PROPRIETARI VOLTE AD ATTIVARE IL PROCEDIMENTO DI CUI ALL'ART. 42-BIS

ILLEGITTIMA OCCUPAZIONE: IL BENE NON DIRETTAMENTE DESTINATO A FINE PUBBLICO VA RESTITUITO RIMESSO IN PRISTINO, COSTI QUEL CHE COSTI

LA TRANSAZIONE PUÒ TRASFERIRE LA PROPRIETÀ

IL CONSIGLIO COMUNALE DEVE MOTIVARE LA DECISIONE DI RICORRERE ALL'ACQUISIZIONE SANANTE, GLI ADEMPIMENTI TECNICO-ESECUTIVI SPETTANO AI FUNZIONARI

SPETTANO AL TSAP LE CONTROVERSIE SU PROVVEDIMENTI CHE INCIDONO IN MANIERA DIRETTA E IMMEDIATA SUL REGIME DELLE ACQUE

UNA TRANSAZIONE "TOMBALE" NON PUÒ ESSERE INFICIATA DALLA "SCOPERTA" DI ULTERIORI SUPERFICI OCCUPATE ILLEGITTIMAMENTE

AREE SOGGETTE A VINCOLI PUBBLICISTICI: EDIFICABILI AI FINI IVA

ESPROPRIAZIONE DI BENE CULTURALE: NON SERVE IL VINCOLO

IL MANCATO INIZIO DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE DURANTE IL DECENNIO FA SORGERE IL DIRITTO ALLA RETROCESSIONE TOTALE

IL 42-BIS NON È LA CAUSA DELL'ESPUNZIONE DALL'ORDINAMENTO DELL'OCCUPAZIONE ACQUISITIVA

L'INSUFFICIENTE ISTRUTTORIA NELLA REITERAZIONE DEL VINCOLO TRAVOLGE LA PROCEDURA ESPROPRIATIVA

VODAFONE PUÒ ESPROPRIARE L'IMMOBILE CONDOTTO IN AFFITTO PER L'UBICAZIONE DELL'ANTENNA

VALORE VENALE EX ART. 42-BIS: OCCORRE AVERE RIGUARDO ALL'EDIFICABILITÀ LEGALE

DESTINAZIONE A PARCHEGGIO PUBBLICO: VINCOLO CONFORMATIVO

DANNO DA ILLEGITTIMA OCCUPAZIONE: INTERESSI LEGALI IN ASSENZA DI PROVA SPECIFICA DA PARTE DEL DANNEGGIATO

L'AUTORITÀ CHE DETIENE E UTILIZZA IL BENE ILLEGITTIMAMENTE OCCUPATO È L'UNICO SOGGETTO CHE DEVE DECIDERE SE RESTITUIRLO O ACQUISIRLO

ACCORDI EX ART. 18 LR EMILIA ROMAGNA 20/2000: NON GRAVA SUL SOGGETTO ATTUATORE L'OBBLIGAZIONE INDENNITARIA

L'ACCETTAZIONE DELL'INDENNITÀ NON TOLLERA TERMINI O CONDIZIONI

IL 42 BIS NON OPERA CON RIGUARDO A VICENDE ANTERIORI ALL'ENTRATA IN VIGORE DEL TESTO UNICO

DESTINAZIONE PROMISCUA A PARCHEGGIO PUBBLICO: NON È VINCOLO ESPROPRIATIVO

RISARCIMENTO DEL DANNO DA OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA: INTERESSI LEGALI CALCOLATI SUL VALORE DEL BENE

LO STRUMENTO URBANISTICO PUÒ PREVEDERE SUL MEDESIMO BENE DESTINAZIONI CONFORMATIVE ED ESPROPRIATIVE

NELL'OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA SI RAVVISANO TUTTI GLI ELEMENTI DELLA RESPONSABILITÀ AQUILIANA

L'INDENNITÀ PER L'ESPROPRIO DELL'ABITAZIONE NON RICOMPRENDE I COSTI DI SISTEMAZIONE DEL NUOVO ALLOGGIO

ANCHE NELL'ESPROPRIO DI BENI CULTURALI LA DICHIARAZIONE DI PUBBLICA UTILITÀ DEVE ESSERE PRECEDUTA DALLA PARTECIPAZIONE

OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA: NON PUÒ ESSERE RICHIESTO IL RISARCIMENTO PER EQUIVALENTE

RESTITUTIO IN INTEGRUM: "TUTT'ALTRO CHE FACILE" ABBATTERE LA SCUOLA ELEMENTARE

LA GIURISDIZIONE DEL G.O. IN TEMA DI INDENNIZZO EX ART. 42-BIS NON ATTRAE QUELLA DEI VIZI DI LEGITTIMITÀ

PIANO EDILIZIO PARTICOLAREGGIATO: NON SI APPLICANO I QUATTRO TERMINI EX ART. 13 LEGGE FONDAMENTALE

FABBRICATI ABUSIVI: IL GIUDICE DEVE VALUTARE LA SANABILITÀ AI FINI DELLA CORRESPONSIONE DELL'INDENNITÀ

LA CONTROVERSIA RELATIVA ALL'INDENNIZZO EX ART. 42-BIS È DEVOLUTA ALLA COMPETENZA, IN UNICO GRADO, DELLA CORTE D'APPELLO

AL 42-BIS SI APPLICANO I PRINCIPI IN TEMA DI OPPOSIZIONE ALLA STIMA: LA DOMANDA IN CORTE D'APPELLO INTRODUCE UN ORDINARIO PROCESSO DI COGNIZIONE

FITTAVOLO: INDEBITA L'INDENNITÀ AGGIUNTIVA SENZA ALLEGAZIONE DI CONTRATTO E DOCUMENTAZIONE INPS

AREE INEDIFICABILI: IL CRITERIO DEL VALORE PIENO DEL BENE IMPONE DI TENER CONTO DELLE SUE POTENZIALITÀ EXTRA AGRICOLE, PURCHÉ ASSENTITE

LA POSSIBILITÀ PER LA P.A. DI DECIDERE I TEMPI DI DECORRENZA PER L'OPPOSIZIONE ALLA STIMA NON LEDE IL DIRITTO DI DIFESA DELL'ESPROPRIATO

IL PATEMA D'ANIMO DA ESPROPRIO NON È INDENNIZZABILE

VALORIZZABILE LA SUSCETTIBILITÀ DI SFRUTTAMENTO ULTERIORE E DIVERSA DA QUELLA AGRICOLA

PEEP: L'ADEGUAMENTO DEL PREZZO DI CESSIONE CON IL COSTO DI ACQUISIZIONE NON È UN'OBBLIGAZIONE PROPTER REM

IL SOGGETTO CHE ADOTTA IL PROVVEDIMENTO EX ART. 42-BIS PUÒ RIVALERSI SUL SOGGETTO (EVENTUALMENTE DIVERSO) RESPONSABILE DELL'OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA

IL CORRISPETTIVO DELLA RETROCESSIONE DEVE ESSERE OMOLOGO MA NON IDENTICO ALLA PREGRESSA INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE

TERMINE DIMIDIATO PER L'IMPUGNAZIONE DEL PROVVEDIMENTO DI ACQUISIZIONE SANANTE

IL POTERE DI ADOTTARE IL PROVVEDIMENTO ACQUISITIVO EX ART. 42-BIS È IMMANENTE IN CAPO ALL'AMMINISTRAZIONE

IL 42-BIS NON È RETROATTIVO

IL TERMINE DECADENZIALE PER L'AZIONE IN CORTE D'APPELLO NON È QUELLO DELL'ARTICOLO 27

L'AMMINISTRAZIONE, IN SEDE DI PAGAMENTO, È TENUTA A VERIFICARE LA SUSSISTENZA E LA PIENEZZA DEL DIRITTO

L'AZIONE IN CORTE D'APPELLO PER LA DETERMINAZIONE DELL'INDENNITÀ DI OCCUPAZIONE È POSSIBILE SE IL DIRITTO ALLA STESSA NON SI SIA PRESCRITTO

IL DECRETO DI ESPROPRIO TARDIVO NON È NULLO, MA SOLAMENTE ANNULLABILE, E DEVE ESSERE IMPUGNATO NEI TERMINI

AREA DESTINATA A VERDE PUBBLICO: INEDIFICABILE AI FINI INDENNITARI

LOCALIZZAZIONE DI UNA PISTA CICLOPEDONALE: VINCOLO ESPROPRIATIVO

NON SUSSISTE UN DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MANCATA PREVISIONE DELL'INDENNIZZO DA REITERAZIONE DEL VINCOLO

LA RETTIFICA NON RICHIEDE LA PREVIA COMUNICAZIONE DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO, NÉ UNA MOTIVAZIONE RIGOROSA

CONTROVERSIA SU DICHIARAZIONE "POSTUMA" DI P.U.: ATTIENE AL CORRETTO ESERCIZIO DEL POTERE, E QUINDI SPETTA AL G.A.

PER LE AREE SITUATE IN FASCIA DI RISPETTO STRADALE VA ESCLUSA (ANCHE) L'EDIFICABILITÀ DI FATTO

VINCOLI ESPROPRIATIVI VS CONFORMATIVI: LOCALIZZAZIONE VS ZONIZZAZIONE

OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA: LA RICHIESTA DI RISARCIMENTO DEL DANNO PER EQUIVALENTE COMPORTA LA PERDITA DELLA PROPRIETÀ

CONSTA L'IMPOSSIBILITÀ LOGICO GIURIDICA NEL RITENERE CHE LA DOMANDA DI RISARCIMENTO PER EQUIVALENTE COMPORTI LA RINUNCIA ABDICATIVA

ABDICAZIONE: INFONDATA, CONTRADDITTORIA E INUTILE RICOSTRUZIONE DOGMATICA

L'AREA DESTINATA AD UN UTILIZZO PUBBLICISTICO È INEDIFICABILE AI FINI INDENNITARI

RITENUTA FISCALE DOVUTA QUALE CHE SIA LA FINALITÀ CONCRETA DELL'ESPROPRIO O DELLA CESSIONE A TITOLO ONEROSO

NEL PIP I TERRENI SI ESPROPRIANO "AD UN PREZZO MOLTO PIÙ BASSO DEL MERCATO"

PROROGA DELLA PUBBLICA UTILITÀ SOLO PER CAUSE DI FORZA MAGGIORE

LE AREE PER ATTREZZATURE PUBBLICHE NON POSSONO ESSERE VALUTATE COME SE AVESSERO PIENA CAPACITÀ EDIFICATORIA

RETROCESSIONE PARZIALE: L'ESPROPRIATO ACQUISISCE IL DIRITTO ALLA RESTITUZIONE SOLO DOPO LA DICHIARAZIONE DI INSERVIBILITÀ

L'USUCAPIONE PUBBLICA INIZIA A DECORRERE DALLA SCADENZA DELL'OCCUPAZIONE LEGITTIMA

ACQUISIZIONE SANANTE PER ALLOGGI E.R.P.: COMPETENTE L'ATER

ART. 22: IL PROPRIETARIO NON PUÒ PIÙ CHIEDERE L'ATTIVAZIONE DEL COLLEGIO DEI TECNICI DECORSI 30 GIORNI DALL'IMMISSIONE IN POSSESSO

L'USUCAPIONE PUBBLICA PUÒ INIZIARE A DECORRERE SOLO DOPO L'ENTRATA IN VIGORE DEL DPR 327/2001

L'ANNULLAMENTO DEI PROVVEDIMENTI A MONTE DELLA PROCEDURA ESPROPRIATIVA PRODUCE UN "EFFETTO DOMINO"