Carrello
Carrello vuoto

ESPROPRIonline 1/2017

Raccolta bimestrale di giurisprudenza in materia di espropriazione per pubblica utilità



 
titolo: ESPROPRIonline 1/2017
sottotitolo: Raccolta bimestrale di giurisprudenza in materia di espropriazione per pubblica utilità
area/e tematica/che: eol
data: Gennaio-Febbraio 2017
testo in formato: pdf  
pagine: 170 in formato A4 (cm 21X29,7), corrispondenti a 289 in formato libro (cm 17X24)
 
prezzo:
€ 25,00

  leggi qui come funziona
vai al sommario
vai all'abstract e alla descrizione
segnala ad un amico
SCARICA GRATIS ALCUNE PAGINE

editore: Exeo
collana: osservatorio di giurisprudenza
numero in collana: 278
issn: 1971-999 X
sigla: EOL57
categoria: ESPROPRIonline
tipologia: raccolta
genere: annuario/agenda/rivista
altezza: cm 29,7
larghezza: cm 21
dimensione: A4
funzioni permesse: stampa=SI - copia incolla=SI
protezione: digital watermarking
disponibità: illimitata
destinatari: professionale accademico
soggetto: diritto
consigliato da :   
 
prezzo:
€ 25,00

 GUARDA LA COPERTINA ANTERIORE      

Selezione delle notizie più lette - derivanti dalla giurisprudenza in materia di espropriazione per pubblica utilità - pubblicate nel bimestre di riferimento dalla rivista telematica www.esproprionline.it. Alle massime/sintesi sono associati i brani pertinenti originali delle sentenze a cui esse si riferiscono.

42-BIS: SE L'AMMINISTRAZIONE NICCHIA, IL PRIVATO RICORRE VITTORIOSAMENTE

IL VERDE PUBBLICO È VINCOLO CONFORMATIVO

LA P.A. PUÒ ACCEDERE AGLI ATTI DI UN'ALTRA P.A.

SCONFINAMENTO: GIURISDIZIONE DEL GIUDICE ORDINARIO

AL PROPRIETARIO DI UN BENE ILLEGITTIMAMENTE OCCUPATO DALLA P.A. NON SPETTA LA TUTELA RISARCITORIA NÈ QUELLA RESTITUTORIA

IL VERDE ATTREZZATO NON PERDE EFFICACIA PER LA SCADENZA DEL PIANO ATTUATIVO

42-BIS: DEVE ESSERE INDIVIDUATA LA PROCEDURA ESPROPRIATIVA FALLITA

L'OCCUPAZIONE FUORI DAL PIANO PARTICELLARE NON È MERO COMPORTAMENTO

L'AMMINISTRAZIONE DEVE PORRE TEMINE ALL'OCCUPAZIONE SINE TITULO

L'AMMINISTRAZIONE PUÒ ESSERE SOLLECITATA A CONDURRE A TERMINE L'OCCUPAZIONE

IL GIUDICE NON PUÒ IMPEDIRE L'ACQUISIZIONE COATTIVA SANANTE

OCCUPAZIONI ILLEGITTIME: RISPONDONO SIA I COMUNI CHE I CONSORZI A.S.I.

L'ESPROPRIANTE RISPONDE ANCHE IN CASO DI DELEGA

IL DANNO DA OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA AMMONTA AL 5%, SIA IN CASO DI ACQUISIZIONE CHE DI RESTITUZIONE

RATIFICA O CONVALIDA: SERVONO RAGIONI DI INTERESSE PUBBLICO

IL DECRETO DI ESPROPRIO È EFFICACE ANCHE SE NON NOTIFICATO

I VIZI CHE RIGUARDANO LA DETERMINAZIONE DELL'INDENNITÀ COMPETONO AL GIUDICE ORDINARIO

LA P.A. PUÒ ESSERE CONDANNATA NON AL 42 BIS, MA A SCEGLIERE TRA IL 42 BIS E LA RESTITUZIONE

IMPUGNABILE IL SILENZIO SU ISTANZA DI RETROCESSIONE

INDENNIZZO ART. 42-BIS: NON C'È LA VOCAZIONE EDIFICATORIA

ALLA CORTE D'APPELLO LE CAUSE SULL'INDENNITÀ EX ART. 42-BIS

NON SERVE IL CONTRADDITTORIO PER MINIME VARIANTI ENTRO LA FASCIA DI RISPETTO

L'ESPROPRIANTE DEVE GARANTIRE L'ACCESSO ALLA PUBBLICA VIA AI FONDI INTERCLUSI

IL RUDERE NON PUÒ ESSERE VALUTATO COME RISTRUTTURATO

PEEP: EDIFICABILITÀ AI FINI INDENNITARI IN BASE ALL'INDICE MEDIO

IL CORRISPETTIVO DELL'ATTO DI CESSIONE VOLONTARIA NON PUÒ DISCOSTARSI DAI PARAMETRI INDENNITARI

IL 42-BIS È GIUSTIFICATO SE SI DÀ ATTO DELL'INDISPENSABILITÀ DELL'OPERA E DELL'AREA

L'INVALIDITÀ DEL DECRETO DI OCCUPAZIONE NON VIZIA IN VIA DERIVATA IL DECRETO DI ESPROPRIO

L'ISCRIZIONE NELL'ELENCO DELLE VIE PUBBLICHE CONFIGURA UNA MERA PRESUNZIONE DI DEMANIALITÁ

RETROCESSIONE: IL COMUNE NON PUÒ ESERCITARE LA PRELAZIONE NEI CONFRONTI DI SE STESSO

INDENNIZZO DELLE SERRE: SERVE DIMOSTRARE LA LORO REGOLARITÀ URBANISTICA

IL PROPRIETARIO NON PUÒ CHIEDERE IL DANNO DA OCCUPAZIONE ACQUISITIVA

DANNO DA OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA: UN VENTESIMO ANNUO DEL VALORE ATTUALE DEL BENE

L'ACQUISIZIONE SANANTE RENDE IMPROCEDIBILE LA DOMANDA RESTITUTORIA

OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA PER E.R.P.: RISPONDONO IN SOLIDO IL COMUNE E LA COOPERATIVA

COMPETONO AL G.O. ANCHE LE QUESTIONI RIGUARDANTI FALCIDIE DELL'INDENNITÀ

LA DESTINAZIONE A PARCHEGGIO PUBBLICO È VINCOLO ESPROPRIATIVO ANCHE SE REALIZZABILE DAI PRIVATI

È NECESSARIO L'ACCERTAMENTO DELL'ESISTENZA IN VITA DEI PROPRIETARI CATASTALI

ERP: L'ACQUISIZIONE SANANTE EX 42-BIS COMPETE AL COMUNE

LA CHIUSURA DELLA CONCESSIONE NON FA VENIR MENO GLI OBBLIGHI INDENNITARI

ERP: IL MECCANISMO DELLE CONCESSIONI PUÒ DETERMINARE ESPROPRIAZIONI LARVATE

SCONFINAMENTO DAL PIANO PARTICELLARE: O RESTITUZIONE O ABDICAZIONE

VIOLAZIONE DEL COMMA 4 DELL'ARTICOLO 19 TUES: VARIANTE URBANISTICA INEFFICACE MA NON ILLEGITTIMA

LA GIURISDIZIONE DEL G.O. NON È ESCLUSA DALL'ILLEGITTIMITÀ DI ATTI AMMINISTRATIVI

IL PROPRIETARIO PUÒ DARE AVVIO AL PROCEDIMENTO DI CUI ALL'ART. 42 BIS

OCCUPAZIONI ILLEGITTIME: NON CONFIGURABILI ABDICAZIONE E USUCAPIONE

DA INDENNIZZARSI COME INEDIFICABILI LE AREE DESTINATE AD EDILIZIA SCOLASTICA

L'ESPROPRIANTE - DOPO L'ACCETTAZIONE DELL'INDENNITÀ - PUÒ SOLLECITARE LA CESSIONE VOLONTARIA

IL VINCOLO A TRAGITTO TRAMVIARIO, SE NON LOCALIZZATIVO DI UNA SPECIFICA OPERA, È CONFORMATIVO E NON DECADE

NIENTE FALCIDIA DEL 25% FINCHÉ NON LO STABILISCE IL LEGISLATORE

OBBLIGATO AL PAGAMENTO DELL'INDENNITÀ È IL BENEFICIARIO DELL'ESPROPRIO

PRESCRIZIONE DEL DANNO DA OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA: DALLE SINGOLE ANNUALITÀ PER LA PERDITA DEL GODIMENTO DEL BENE, DALLA DOMANDA GIUDIZIALE PER IL CONTROVALORE

L'EDIFICABILITÀ AI FINI INDENNITARI NON SI DESUME DALLE AREE CIRCOSTANTI

ANCHE IL RISARCIMENTO DA OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA RIENTRA NELLA GIURISDIZIONE DEL G.O.

IL DECRETO DI ESPROPRIO È CENSURABILE PER I SUOI PROPRI VIZI, NON PER QUELLI DEGLI ATTI PRESUPPOSTI

42 BIS: EXTREMA RATIO

42-BIS: NON SERVONO TANTE SPIEGAZIONI SE SULL'AREA DA ACQUISIRE È STATA COSTRUITA UNA CASERMA

L'EDILIZIA SCOLASTICA È REALIZZABILE ANCHE AD INIZIATIVA PRIVATA O PROMISCUA

LA VARIANTE EX ART. 19 TUES PUÒ ESSERE ESPLETATA ANCHE IN ASSENZA DI ESPROPRI

FINISCE ALLA CORTE DEI CONTI L'INOTTEMPERANZA ALL'OBBLIGO DI PROVVEDERE TRA 42-BIS E RESTITUZIONE

L'ACCESSO AGLI ATTI DELLA PROCEDURA ESPROPRIATIVA DEVE ESSERE GARANTITO

L'USUCAPIONE DECORRE DALL'ENTRATA IN VIGORE DEL TUES

NON SI PUÒ IMPUGNARE IL DECRETO DI ESPROPRIO PER VIZI DEL DECRETO DI OCCUPAZIONE

SE LA SENTENZA DETERMINA IL PASSAGGIO DI PROPRIETÁ, IL SUCCESSIVO PROVVEDIMENTO ACQUISITIVO È MERAMENTE DICHIARATIVO

STRADA PRIVATA CON SERVITU' PUBBLICA A SEGUITO DI DICATIO AD PATRIAM

NON CI SI PUÒ OPPORRE ALL'ORDINANZA DI SGOMBERO DI UN IMMOBILE ESPROPRIATO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO NON SI PRESCRIVE SE NON DALLA PROPOSIZIONE DELLA DOMANDA O DALLE SINGOLE ANNUALITÀ

ESPROPRIABILI I BENI PRIVATI CLASSIFICATI COME CULTURALI

IL TAR, PRIMA DI PRONUNCIARSI SULLA DOMANDA RISARCITORIA, PUÓ ORDINARE ALL'AMMINISTRAZIONE OCCUPANTE DI DECIDERE SE PROCEDERE AI SENSI DEL 42-BIS

GLI ERRORI NELL'OGGETTO DELL'ESPROPRIAZIONE CHE NON CREANO INCERTEZZA, POSSONO ESSERE SEMPRE RETTIFICATI

PROCEDIMENTO DI ACQUISIZIONE SANANTE ATTIVABILE AD ISTANZA DELL'OCCUPATO

L'IMPRESA CHE INIZIA L'OPERA IN ASSENZA DI P.U. PUÒ ESSERE CHIAMATA A RISPONDERE DEI DANNI AL PROPRIETARIO, ANCHE IN CASO DI DINIEGO DI SOSPENSIVA

I VINCOLI DI RISPETTO NON ARRECANO DEPREZZAMENTI

L'OPPOSIZIONE ALLA STIMA E LA DOMANDA DI RETROCESSIONE SONO INCOMPATIBILI COL POSSESSO AD USUCAPIONEM

L'INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE È UN DEBITO DI VALUTA

DICHIARAZIONE DI PUBBLICA UTILITÀ E DECRETO DI ACCESSO SONO INCOMPATIBILI CON L'USUCAPIONE

42 BIS NON COMPATIBILE CON LA RINNOVAZIONE DEL PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO

IMMOBILI ABUSIVI: NON SPETTA NEMMENO IL DEPREZZAMENTO

LA PROCEDURA SI CONCLUDE CON IL TRASFERIMENTO DEL BENE

IL VALORE DEL MATERIALE DI ESCAVAZIONE SPETTA AL PROPRIETARIO

OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA: RISARCIBILE IL DANNO AL GODIMENTO DELL'AREA RESIDUA

O ESPROPRIAZIONE O PEREQUAZIONE

LA P.A. NON È OBBLIGATA A OPTARE PER LA PEREQUAZIONE IN LUOGO DELL'ESPROPRIAZIONE

UNA PEREQUAZIONE IRREALISTICA SI TRADUCE IN UNA SOSTANZIALE ESPROPRIAZIONE

AL TAR COMPETE IL GIUDIZIO DI OTTEMPERANZA DI UNA SENTENZA DELLA CORTE D'APPELLO SULL'INDENNITÀ

DECORSO IL TERMINE PER L'IMPUGNAZIONE DEL VINCOLO O DELLA P.U., NON NE PUÒ ESSERE FATTA VALERE SUCCESSIVAMENTE L'ILLEGITTIMITÀ DERIVATA

IL PRIVATO PERDE LA PROPRIETÀ DEL BENE OCCUPATO QUANDO CHIEDE I DANNI, E L'OCCUPANTE L'ACQUISTA QUANDO LI LIQUIDA

I CONSORZI ASI PAGANO DI TASCA PROPRIA

DANNO MORALE SOLO CON IL 42-BIS

POSSIBILE L'ACCESSO AGLI ATTI DELLA PROCEDURA ESPROPRIATIVA AGLI OCCUPATI DE FACTO

42BIS: È LEGITTIMO ACQUISIRE AL "PATRIMONIO" UNA STRADA

ISTANZA DI RIPIANIFICAZIONE: OBBLIGO DI RISCONTRARE ANCHE AL FINE DI DICHIARARE LA NATURA CONFORMATIVA DEL VINCOLO

L'ARTICOLO 11 TUES NON È SURROGABILE CON LE ORDINARIE MODALITÀ PARTECIPATIVE IN MATERIA URBANISTICA

L'OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA PUÒ ESSERE SANATA CON LA RIEDIZIONE DEL POTERE ESPROPRIATIVO

LA PRESCRIZIONE DECORRE DALL'ACQUISIZIONE DEL BENE

I BENI ESPROPRIATI POSSONO ESSERE DATI SOLO IN CONCESSIONE

È STRADA DAL 1976, MA NON C'È USUCAPIONE