ESPROPRIonline 4/2014

Le nostre pubblicazioni sono realizzate nel pratico  formato PDF e sono scaricabili immediatamente dopo l'acquisto online. Non vendiamo libri cartacei.

L'espropriazione per pubblica utilità

09 settembre 2014

pdf  / 329 pagine in formato A4

La realizzazione dell'opera non preclude la dichiarazione di pu; tertium genus dopo la sentenza c.c. 181/2011; cessione volontaria non eseguibile in forma specifica; natura del vincolo a viabilità; risarcimento del danno da occupazione acquisitiva; intervenuta usucapione e tutela restitutoria; proprietario coltivatore diretto e triplicazione del vam; valore di mercato e limiti all'edificabilità dei privati; anche l'occupazione d'urgenza richiede il giusto procedimento; vincolo espropriativo mediante accordo di programma; costituzione dell'uso pubblico tramite dicatio ad patriam; pa tenuta ad adottare il provvedimento ex art. 42 bis; in assenza di delega del danno risponde l'ente espropriante; valore delle aree all'interno del peep; conclusione del procedimento con atto di cessione volontaria o decreto di esproprio; risarcimento del danno: nessun automatismo per gli interessi; delegante e delegato corresponsabili; risarcimento e non indennizzo quello previsto dall'art. 42 bis tu; 42-bis: competenze di organo politico e dirigente; ecc.

25,00

  • editore: Exeo
  • collana: osservatorio di giurisprudenza
  • numero in collana: 206
  • issn: 1971-999 X
  • sigla: EOL42
  • categoria: ESPROPRIonline
  • tipologia: giuridica
  • genere: raccolta
  • altezza: cm 29,7
  • larghezza: cm 21
  • dimensione: A4
  • funzioni permesse: Stampa: SI - Modifica: SI - Copia/Incolla: SI
  • protezione: digital watermarking
  • disponibità: illimitata
  • destinatari: professionale accademico
  • soggetto: diritto

LA REALIZZAZIONE DELL'OPERA NON PRECLUDE LA DICHIARAZIONE DI PU
 
RICONOSCIMENTO TERTIUM GENUS: EFFETTO DELLA SENTENZA C.C. 181/2011 
 
CESSIONE VOLONTARIA: NON ESEGUIBILE IN FORMA SPECIFICA
 
SE LA VIABILITÀ HA NATURA DI ASSE DI COLLEGAMENTO EXTRAURBANO IL VINCOLO È CONFORMATIVO E L'AREA È INEDIFICABILE 
 
RISARCIMENTO DEL DANNO DA OCCUPAZIONE ACQUISITIVA: NON L'IRREVERSIBILE TRASFORMAZIONE MA LA PERCEZIONE DELL'EFFETTO TRASLATIVO RILEVA AI FINI DELLA DECORRENZA DELLA PRESCRIZIONE 
 
IL RISARCIMENTO DEL DANNO RIFERITO AD AREA IN ZONA BIANCA NON È SOGGETTO A TASSAZIONE 
 
L'INTERVENUTA USUCAPIONE PRECLUDE LA TUTELA RESTITUTORIA
 
PROPRIETARIO COLTIVATORE DIRETTO: NON PIÙ COMPATIBILE CON IL SISTEMA LA TRIPLICAZIONE DEL VAM 
 
IL VALORE DI MERCATO DEL BENE RISENTE DEI LIMITI ALL'EDIFICABILITÀ DEI PRIVATI 
 
ANCHE L'OCCUPAZIONE D'URGENZA RICHIEDE IL GIUSTO PROCEDIMENTO
 
LA NATURA DEL VINCOLO VA VERIFICATA SULLA BASE DELLA CONCRETA DISCIPLINA URBANISTICA
 
LA VARIANTE MEDIANTE ACCORDO DI PROGRAMMA HA NORMALMENTE EFFETTO DI COSTITUIRE UN VINCOLO ESPROPRIATIVO (IRRILEVANTE AI FINI ESTIMATIVI)
 
NON RISARCIBILE IL DANNO IN MANCANZA DI ACQUISIZIONE DEL BENE 
 
RISARCIMENTO PER IL PERIODO DI OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA: APPLICABILE IL CRITERIO EX ART. 42 BIS TU 
 
LA COSTITUZIONE DELL'USO PUBBLICO TRAMITE DICATIO AD PATRIAM NON È ASSIMILABILE ALL'OCCUPAZIONE APPROPRIATIVA 
 
LA PA È TENUTA AD ADOTTARE IL PROVVEDIMENTO EX ART. 42 BIS TU SE MEGLIO CORRISPONDENTE ALL'INTERESSE PUBBLICO RISPETTO ALLA RESTITUTIO
 
IN ASSENZA DI DELEGA FORMALE DEL DANNO RISPONDE UNICAMENTE L'ENTE ESPROPRIANTE
 
PROPRIETARIO COLTIVATORE DIRETTO: TRIPLICAZIONE ANCHE IN IPOTESI DI OFFERTA INCONGRUA 
 
SE MANCANO ELEMENTI DI COMPARAZIONE, GIUSTIFICATO È IL RICORSO AL CRITERIO ANALITICO - RICOSTRUTTIVO
 
IL VALORE DELLE AREE ALL'INTERNO DEL PEEP PRESCINDE DA SPECIFICHE LOCALIZZAZIONI 
 
LA CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO CON ATTO DI CESSIONE VOLONTARIA O DECRETO DI ESPROPRIO RIENTRA NELLA DISCREZIONALITÀ DELLA P.A. 
 
ANCHE IN CASO DI DELEGA, L'AMMINISTRAZIONE È DESTINATARIA DELL'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI 
 
VIABILITÀ: NON SEMPRE VINCOLO ESPROPRIATIVO
 
EDIFICABILI TUTTE LE AREE INCLUSE NEL PEEP
 
RISARCIMENTO DEL DANNO: NESSUN AUTOMATISMO PER GLI INTERESSI IN AGGIUNTA ALLA RIVALUTAZIONE
 
DELEGANTE E DELEGATO CORRESPONSABILI SALVO DIVERSA STATUIZIONE NORMATIVA 
 
INDEROGABILE LA FASCIA DI RISPETTO CIMITERIALE
 
RISARCIMENTO E NON INDENNIZZO QUELLO PREVISTO DALL'ART. 42 BIS TU 
 
OCCUPAZIONE ACQUISITIVA: ISTITUTO DEFINITIVAMENTE SUPERATO DALL'ART. 42 BIS TU 
 
ALL'ORGANO POLITICO SPETTA LA DECISIONE SE ACQUISIRE IL BENE; AL DIRIGENTE INDIVIDUARNE LE MODALITÀ IVI COMPRESA L'ACQUISIZIONE SANANTE
 
PROCEDIMENTI ANTE TU: NON SI APPLICA LA L. 244/2007
 
EDIFICABILITÀ: INTRODOTTO, CON LA SENTENZA C.C. 181/2001, IL TERTIUM GENUS 
 
IL MANCATO COMPIMENTO DELL'OPERA RILEVANTE AI FINI DELLA RETROCESSIONE, DEVE ESSERE VALUTATO IN RELAZIONE ALLA PU 
 
LA PARTECIPAZIONE ALLE PRECEDENTI FASI PROCEDIMENTALI RENDE ININFLUENTE L'OMESSA COMUNICAZIONE DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI OCCUPAZIONE D'URGENZA
 
ACQUISIBILI PARZIALMENTE I BENI OCCUPATI SINE TITULO
 
LA PROROGA DEI TERMINI DI OCCUPAZIONE NON VALE A PROROGARE ANCHE I TERMINI DELLA PU 
 
L'OCCUPANTE SENZA TITOLO NON HA DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL PROCEDIMENTO 
 
IL GIUDICATO SULL'ACCESSIONE INVERTITA RENDE IRRILEVANTE L'APPLICAZIONE DELL'ART. 42 BIS TU 
 
ART. 42 BIS: NON ONERE MA NORMA DI FAVORE PER LA PA 
 
BENE IN COMPROPRIETÀ OCCUPATO SINE TITULO: SI IMPONE LA RESTITUTIO PRO QUOTA 
 
ART. 80 L. 219/1981: GIUSTIFICATO L'INDENNIZZO INFERIORE AL VALORE DI MERCATO DEL BENE 
 
RISARCIMENTO DEL DANNO: NON APPLICABILI I VAM 
 
INEDIFICABILI LE AREE IN FASCIA DI RISPETTO STRADALE O AUTOSTRADALE
 
INDENNITÀ DI OCCUPAZIONE: SOLO UNA RICHIESTA O INTIMAZIONE DI PAGAMENTO, POSSONO INTERROMPERNE LA PRESCRIZIONE 
 
L'INSERIMENTO DEL BENE NEL PIANO DI VENDITA NON PRECLUDE L'ISTANZA DI RETROCESSIONE 
 
LA CONFERMA DEL VINCOLO NON COMPORTA SURRETTIZIO PROLUNGAMENTO DEI SUOI TERMINI DI EFFICACIA 
 
INDENNITÀ E RELATIVO CONGUAGLIO: DEBITO DI VALUTA 
 
LA RICHIESTA AL PRIVATO DI PRODUZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER IL PAGAMENTO DELL'INDENNITÀ NON SOSPENDE I TERMINI DEL PROCEDIMENTO 
 
DAL PROVVEDIMENTO EX ART. 42 BIS TU NON CONSEGUE ALCUN EFFETTO SANANTE RETROATTIVO 
 
ZONA F: NON PREDICABILE L'EDIFICABILITÀ SULLA BASE DELLA TECNICA DEL COMPRENSORIO VIRTUALE
 
PERTINENZE: NON SEGUONO IL CRITERIO INDENNITARIO DELLA COSA PRINCIPALE 
 
SULL'INDENNIZZO EX ART. 42 BIS TU DECIDE IL GO 
 
LA CONDANNA ALLA RESTITUZIONE DEL BENE IN ALTERNATIVA ALL'ACQUISIZIONE SANANTE NON PUÒ ESSERE OTTEMPERATA TRAMITE LA RIAPPROVAZIONE DELLA PU
 
PROVVEDIMENTO EX ART. 42 BIS TU: NECESSARIA LA COMUNICAZIONE DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO 
 
DESTINAZIONE A PARCHEGGIO: IL VINCOLO È ESPROPRIATIVO SE AL PROPRIETARIO NON È ASSICURATA LA GESTIONE 
 
IL PROGETTO DEFINITIVO PUÒ VARIARE ANCHE IN TERMINI SOSTANZIALI IL PRELIMINARE 
 
INDENNITÀ DI OCCUPAZIONE: NON SPETTA AL CONDUTTORE 
 
ACCONTO 80%: IN CASO DI RITARDO SONO DOVUTI GLI INTERESSI 
 
NECESSITÀ DI INTERVENTI DI RECUPERO DELL'OPERA REALIZZATA NON IMPEDISCONO IL RICORSO ALL'ART 42 BIS TU 
 
INDENNITÀ AREE AGRICOLE ED AREE EDIFICABILI: SEMPRE VALORE VENALE
 
NON IPOTIZZABILE UNA CONCESSIONE TRASLATIVA IN MANCANZA DI PREVISIONE NORMATIVA 
 
INDENNITÀ DI OCCUPAZIONE: IL PARAMETRO È L'INDENNITÀ VIRTUALE DI ESPROPRIAZIONE DA CALCOLARE SECONDO IL VALORE VENALE
 
NEL PASSAGGIO TRA PRELIMINARE E DEFINITIVO SONO LEGITTIME VARIAZIONI NELLA LOCALIZZAZIONE DELL'OPERA PURCHÈ SIA RISPETTATO IL CORRIDOIO URBANISTICO 
 
E' IL CONSIGLIO COMUNALE A DOVER DECIDERE SE RESTITUIRE O ACQUISIRE IL BENE OCCUPATO SINE TITULO EX ART. 42 BIS TU 
 
ACQUISIZIONE SANANTE: PER IL PERIODO DI OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA NON SI APPLICA IL CRITERIO DEL DODICESIMO 
 
ACQUISIZIONE SANANTE AREE AGRICOLE: NON RICONOSCIBILI A TITOLO DI MAGGIOR DANNO LE MAGGIORAZIONI EX ART. 40.4 E 45.2 LETT. D) TU 
 
CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO: POSSIBILE ANCHE FUORI TERMINE SE SUSSISTE L'ACCORDO 
 
INDENNITÀ: AI GIUDIZI IN CORSO SI APPLICA L'ART. 39 L. 2359/1865
 
CONVERTIBILE IN OPPOSIZIONE ALLA STIMA LA DOMANDA RISARCITORIA 
 
IL VALORE DEL BENE, AI FINI INDENNITARI E RISARCITORI, VA DETERMINATO CON RIFERIMENTO AL MOMENTO TRASLATIVO CONSIDERANDO LE VARIAZIONI IN MELIUS 
 
NON RILEVANTE LA MANCATA NOTIFICA AL PROPRIETARIO EFFETTIVO
 
ART. 42 BIS TU: NON AZIONABILE IL MECCANISMO DEL SILENZIO- INADEMPIMENTO
 
DANNO DA OCCUPAZIONE APPROPRIATIVA: VALORE DI MERCATO 
 
DESTINAZIONE A IMPIANTO SPORTIVO: L'AREA NON È EDIFICABILE MA L'INDENNITÀ DEVE CONSIDERARE L'INIZIATIVA PRIVATA 
 
DEPOSITO INDENNITÀ: EFFETTO LIBERATORIO SOLO SE IL PROCEDIMENTO SI CONCLUDE 
 
È LA DATA DEL DECRETO DI ESPROPRIO E NON QUELLA DI SUCCESSIVE MODIFICHE MERAMENTE FORMALI A COSTITUIRE IL RIFERIMENTO PER IL CALCOLO DELL'INDENNITÀ
 
PARCHEGGIO PUBBLICO: VINCOLO ESPROPRIATIVO
 
OCCUPAZIONE SINE TITULO: SI IMPONE LA RESTITUTIO IN INTEGRUM SALVO ACQUISTO EX ART. 42 BIS TU 
 
NON PIÙ PROSPETTABILE L'OCCUPAZIONE ACQUISITIVA QUALE LIMITE ALLA RESTITUTIO IN INTEGRUM
 
IL VALORE DELLA CAVA RAPPORTATO AL MATERIALE ESTRAIBILE NON È COMPATIBILE CON UN'ULTERIORE INDENNITÀ DI OCCUPAZIONE
 
OPERE VIABILISTICHE (RETE STRADALE URBANA): NON È INTERVENTO DI RIFORMA ECONOMICO-SOCIALE
 
È L'AUTORITÀ TITOLARE DEL POTERE ABLATORIO COMPETENTE AD EMANARE IL PROVVEDIMENTO ACQUISITIVO EX ART. 42 BIS TU 
 
IL PROGETTO ESECUTIVO NON PUÒ AMPLIARE LE AREE DA ESPROPRIARE 
 
GIUSTO PROCEDIMENTO: SE IL NUMERO DI DESTINATARI È SUPERIORE A 50 NESSUN OBBLIGO DI COMUNICAZIONE PERSONALE 
 
L'USUCAPIONE PRESSUPONE L'AZIONE GIUDIZIARIA
 
PEREQUAZIONE: LE SCELTE DELL'AMMINISTRAZIONE LOCALE NON SONO BLINDATE DALLA NORMATIVA REGIONALE 
 
INDENNITÀ: NON PIÙ OPERANTE IL PARAMETRO ICI 
 
AL FINE DI QUALIFICARE IL TERRENO COME EDIFICABILE O MENO, NON PUÒ ATTRIBUIRSI EFFICACIA ALLA NATURA DEI SUOLI LIMITROFI
 
NELLA VALUTAZIONE RILEVANO I VINCOLI CHE PRESIEDONO ALLA TUTELA DEL TERRITORIO E CHE RENDONO IL BENE INEDIFICABILE
 
PROROGA TERMINE: L'OMESSA PARTECIPAZIONE PROCEDIMENTALE NON È VIZIANTE IN ASSENZA DI PROVA DI APPORTO SOSTANZIALE 
 
IN MANCANZA DEL VINCOLO IL DECRETO DI OCCUPAZIONE È ILLEGITTIMO 
 
DETERMINAZIONE URGENTE INDENNITÀ EX ART. 22 TU: ANCHE IL PROMOTORE DELL'ESPROPRIAZIONE È LEGITTIMATO ALL'APPOSIZIONE ALLA STIMA 
 

Produciamo e vendiamo esclusivamente pubblicazioni professionali in formato pdf. 

Sono testi che puoi consultare e trasportare ovunque con qualunque dispositivo, realizzati nel più comune e universale dei formati digitali. 

Se hai necessità di stamparli o di fare il copia incolla, puoi farlo, salvo alcune eccezioni e nel rispetto del divieto di distribuzione a terzi e della nostra politica di copyright riguardo la riproduzione dei contenuti.  

I nostri prodotti sono privi di restrizioni DRM, sono solo marchiati digitalmente con il nome dell'utilizzatore; possono essere aperti senza limiti dal soggetto destinatario su più dispositivi e scaricati ogni volta che vuole dal sito una volta acquistati.

Per saperne di più clicca qui.

Notiziario bimestrale delle principali notizie derivanti dalla giurisprudenza in materia di espropriazione per pubblica utilità recensita nel bimestre di riferimento dalla rivista telematica www.esproprionline.it. Alle massime/sintesi sono associati i brani pertinenti originali delle sentenze a cui esse si riferiscono.