ABUSI DEI PRIVATI SUI BENI PUBBLICI

Le nostre pubblicazioni sono realizzate nel pratico  formato PDF e sono scaricabili immediatamente dopo l'acquisto online. Non vendiamo libri cartacei.

profili penalistici

Carano, Giulio

03 luglio 2013

pdf  / 140 pagine in formato A4

Disamina dei profili penalistici conseguenti alle attività abusive dei privati sui beni pubblici, che il lettore troverà preceduta da una preliminare trattazione dell’annosa questione relativa ai beni pubblici, in cui viene trattato il regime codicistico attualmente vigente, ma anche tracciate le prospettive di riforma idonee a semplificare l’intricato mondo dei beni demaniali, beni del patrimonio indisponibile e beni del patrimonio disponibile.Ciò posto, l’opera esamina alcune delle più rilevanti fattispecie penali che possono essere integrate in danno dei beni pubblici, anche rinvenibili al di fuori del codice penale vigente. Si è quindi evidenziato come, per ragioni attinenti alla natura collettiva dei beni coinvolti, il legislatore abbia approntato una tutela tanto più decisa quanto più esposto all’abuso risulti il medesimo bene.

30,00

  • editore: Exeo
  • collana: patrimoniopubblico
  • numero in collana: 5
  • isbn: 978-88-97916-65-9
  • sigla: PL18
  • categoria: MONOGRAFIE
  • tipologia: giuridica
  • genere: studio applicato
  • altezza: cm 24
  • larghezza: cm 17
  • dimensione: A4
  • funzioni permesse: Stampa: SI - Modifica: SI - Copia/Incolla: SI
  • protezione: digital watermarking
  • disponibità: illimitata
  • destinatari: professionale accademico
  • soggetto: diritto

INTRODUZIONE
CAPITOLO I
I BENI PUBBLICI: ACQUISTO, USO E PERDITA DA PARTE DELLA P.A.
1.    Definizione di bene pubblico
2.    Categorie di beni pubblici: classificazione tradizionale e classificazione funzionale
3.    Beni demaniali
4.    (segue) regime giuridico dei beni demaniali; acquisto e perdita del carattere della demanialità
5.    I beni del patrimonio indisponibile
6.    (segue) regime giuridico dei beni del patrimonio indisponibile
7.    I beni del patrimonio disponibile
8.    (segue) regime giuridico dei beni del patrimonio disponibile
9.    Diritti reali della Pubblica Amministrazione sui beni altrui: le servitù prediali, i diritti di uso pubblico; gli usi civici
10.    I mezzi di tutela
11.    Cenni sui modi di acquisto della proprietà da parte della P.A.; in particolare l’esproprio, l’occupazione appropriativa e l’occupazione usurpativa
CAPITOLO II
PROFILI PENALISTICI
1.    Premessa
2.    Art. 1161 Cod. nav.: il reato di occupazione abusiva di area demaniale; il bene giuridico tutelato
2.1. (segue) elemento oggettivo
2.2. (segue) elemento soggettivo
2.3. (segue) momento consumativo
2.4 (segue) il reato di innovazioni abusive su beni demaniali
2.5 (segue) confisca, ordine di demolizione, sequestro preventivo
2.6 (segue) rapporti tra il reato ex art. 1161 cod. nav., l’illecito amministrativo ex art. 1164 cod. nav. ed altre fattispecie di reato
3.    Art. 423 c.p.: il reato di incendio; il bene giuridico tutelato; l’aggravante ex art. 425 c.p.
3.1. (segue) elemento oggettivo
3.2. (segue) elemento soggettivo
3.3. (segue) momento consumativo
3.4. (segue) rapporti con altre fattispecie di reato, in particolare con il danneggiamento; circostanze aggravanti
4.    Art. 632 c.p.: i reati di deviazione di acque e di modificazione dello stato dei luoghi; il bene giuridico tutelato
4.1. (segue) deviazione di acque: elemento oggettivo
4.2. (segue) deviazione di acque: elemento soggettivo
4.3. (segue) deviazione di acque: momento consumativo
4.4. (segue) modificazione dello stato dei luoghi: elemento oggettivo
4.5. (segue) modificazione dello stato dei luoghi: elemento soggettivo e momento consumativo - rinvio
4.6. (segue) deviazione di acque e modificazione dello stato dei luoghi: rapporti con altre fattispecie di reato; mutamento del regime di procedibilità; circostanza aggravante
5.    Art. 633 c.p.: il reato di invasione di terreni o edifici; il bene giuridico tutelato
5.1. (segue) elemento oggettivo
5.2. (segue) elemento soggettivo
5.3. (segue) momento consumativo
5.4. (segue) rapporti con altre fattispecie di reato; circostanze aggravanti; mutamento del regime di procedibilità
6.    Art. 635 c.p.: il reato di danneggiamento; il bene giuridico tutelato
6.1. (segue) elemento oggettivo
6.2. (segue) elemento soggettivo
6.3. (segue) momento consumativo
6.4. (segue) rapporti con altre fattispecie di reato
7.    Art. 636 c.p.: il reato di introduzione o abbandono di animali nel fondo altrui e il reato di pascolo abusivo; il bene giuridico tutelato
7.1. (segue) elemento oggettivo
7.2. (segue) elemento soggettivo
7.3. (segue) momento consumativo; circostanze aggravanti
7.4. (segue) rapporti con altre fattispecie di reato
8.    Art. 639bis c.p.: beni pubblici ed esclusione del regime di procedibilità a querela
BIBLIOGRAFIA
GIURISPRUDENZA
SITOGRAFIA

Produciamo e vendiamo esclusivamente pubblicazioni professionali in formato pdf. 

Sono testi che puoi consultare e trasportare ovunque con qualunque dispositivo, realizzati nel più comune e universale dei formati digitali. 

Se hai necessità di stamparli o di fare il copia incolla, puoi farlo, salvo alcune eccezioni e nel rispetto del divieto di distribuzione a terzi e della nostra politica di copyright riguardo la riproduzione dei contenuti.  

I nostri prodotti sono privi di restrizioni DRM, sono solo marchiati digitalmente con il nome dell'utilizzatore; possono essere aperti senza limiti dal soggetto destinatario su più dispositivi e scaricati ogni volta che vuole dal sito una volta acquistati.

Per saperne di più clicca qui.

La presente opera svolge una disamina dei profili penalistici conseguenti alle attività abusive dei privati sui beni pubblici. In tale prospettiva, è stata svolta una preliminare - e necessaria - trattazione dell’annosa questione relativa ai beni pubblici, mediante la quale ne viene tracciato il regime codicistico attualmente vigente - caratterizzato dalla tripartizione tra beni demaniali, beni del patrimonio indisponibile e beni del patrimonio disponibile, prospettando l’esigenza di una riforma idonea a semplificarne il quadro. Ciò posto, l’opera esamina alcune delle più rilevanti fattispecie penali che possono essere integrate in relazione ai beni pubblici, anche rinvenibili al di fuori del codice penale vigente. Il presente studio, infatti, non si è limitato alla trattazione dei soli delitti contro l’incolumità pubblica e contro il patrimonio previsti dal codice penale, estendendo infatti la disamina agli illeciti previsti dal codice della navigazione, anche alla luce della loro notevole frequenza casistica. Se il punto di partenza è costituito dalla norma codicistica, vero fulcro dello studio è costituito dalla giurisprudenza, che rappresenta il mezzo di comparazione delle fattispecie di reato e lo strumento per valutarne l’evoluzione rispetto al contesto storico normativo. Si è quindi evidenziato come, per ragioni attinenti alla natura collettiva dei beni coinvolti, il legislatore abbia approntato una tutela tanto più decisa quanto più esposto all’abuso risulti il medesimo bene. Non a caso lo studio si conclude con la disamina dell’art. 639bis c.p., norma attraverso la quale il legislatore ha approntato il mutamento del regime di procedibilità per alcuni importanti reati contro il patrimonio, ove abbiano ad oggetto beni pubblici o in uso pubblico, in carenza di una specifica disciplina prevista, invece, per altre fattispecie di reato come il danneggiamento o l’incendio.

PRODOTTI CORRELATI

Ultimi articoli pubblicati

APPROFONDIMENTI

Per svolgere un efficace studio del bene pubblico e delle sue caratteristiche, come introdotto dalla rubrica del presente capitolo, occorre prendere le mosse dall’art. 42 Cost., vero punto di partenza della disciplina legislativa in materia. Il Costituente ha infatti sancito che «La p...
Apri l'articolo
Come si è cercato di evidenziare supra, arduo è il compito dello studioso che voglia delineare in maniera univoca e certa la categoria bene pubblico, compiutamente elencando i beni che vi possano rientrare. Ciò che viene in rilievo, è l’inadeguatezza della ripartizione codicistica in materi...
Apri l'articolo
Come si è visto nelle pagine precedenti, l’appartenenza di un bene alla categoria dei beni demaniali è fondata su un duplice criterio: quello soggettivo dell’appartenenza ad un ente pubblico, e quello oggettivo dell’inserimento nell’elencazione di cui all’art. 822 c.c. ...
Apri l'articolo