ESPROPRIonline 6/2016

Le nostre pubblicazioni sono realizzate nel pratico  formato PDF e sono scaricabili immediatamente dopo l'acquisto online. Non vendiamo libri cartacei.

Raccolta bimestrale di giurisprudenza in materia di espropriazione per pubblica utilità

13 gennaio 2017

pdf  / 221 pagine in formato A4

Selezione delle notizie più lette - derivanti dalla giurisprudenza in materia di espropriazione per pubblica utilità - pubblicate nel bimestre di riferimento dalla rivista telematica www.esproprionline.it. Alle massime/sintesi sono associati i brani pertinenti originali delle sentenze a cui esse si riferiscono.

25,00

  • editore: Exeo
  • collana: osservatorio di giurisprudenza
  • numero in collana: 275
  • issn: 1971-999 X
  • sigla: EOL56
  • categoria: ESPROPRIonline
  • tipologia: giuridica
  • genere: raccolta
  • altezza: cm 29,7
  • larghezza: cm 21
  • dimensione: A4
  • funzioni permesse: Stampa: SI - Modifica: NO - Copia/Incolla: SI
  • protezione: digital watermarking
  • disponibità: illimitata
  • destinatari: professionale accademico
  • soggetto: diritto

OMESSA CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO: IL RESPONSABILE DELL'UFFICIO ESPROPRI NE RISPONDE

LA DOMANDA RISARCITORIA NON PUÒ CONVERTIRSI IN AUTOMATICO IN DOMANDA DI INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE

L'OCCUPAZIONE D'URGENZA NON ESONERAVA IL PROPRIETARIO DALL'OBBLIGO DELLA DICHIARAZIONE ICI

LA DESTINAZIONE AD UTILIZZI MERAMENTE PUBBLICISTICI ESCLUDE L'EDIFICABILITÀ DEL SUOLO

IL DECRETO DI ESPROPRIO NON È ATTO RECETTIZIO

VIABILITÀ: ORDINARIAMENTE È VINCOLO CONFORMATIVO

IL MENO AGEVOLE ACCESSO ALLA STRADA IN CONSEGUENZA DELLA REALIZZAZIONE DELL'OPERA PUBBLICA INTEGRA DANNO INDENNIZZABILE EX ART. 46 L. 2359/1865

INTERVENTI DI RIFORMA ECONOMICO-SOCIALE: NECESSARIO L'INTERVENTO NORMATIVO

ELETTRODOTTO: IL DANNO DA ONDE ELETTROMAGNETICHE VA PROVATO

NON SONO EDIFICABILI LE AREE VINCOLATE A VIABILITÀ PER IL SOLO FATTO DI ESSERE ALL'INTERNO DI UN PIANO DI RECUPERO

IL CALCOLO DELL'INDENNITÀ DI OCCUPAZIONE RISENTE DELLA SENTENZA C.C. 181/2011

DANNO DA REITERA: VA PROVATO

OCCUPAZIONE SINE TITULO: NON INVOCABILE LA COMPENSATIO LUCRI CUM DAMNO

IL PIP NON INTEGRA UN VINCOLO ESPROPRIATIVO

IL DANNO DA REITERA DEL VINCOLO NON È IN RE IPSA

L'EDIFICABILITÀ DI UN 'AREA VA ESCLUSA SE VINCOLATA AD UN UTILIZZO MERAMENTE PUBBLICISTICO

AI FINI DELL'ACCERTAMENTO DELL'EDIFICABILITÀ DELL'AREA NESSUNA RILEVANZA ASSUME LA VARIANTE ATTUATIVA IMPOSITIVA DI VINCOLO

ZONA F: NORMALMENTE NON EDIFICABILE

ZONA F: L' INEDIFICABILITÀ NON ESCLUDE AI FINI INDENNITARI LA RILEVANZA DI UTILIZZI DIVERSI DA QUELLI AGRICOLI

OCCUPAZIONE ACQUISITIVA ED USURPATIVA: DISTINZIONE NON PIÙ RILEVANTE SALVO GIUDICATO SULL'ACQUISITIVA

IL SISTEMA INDENNITARIO È ANCORATO AL VALORE VENALE DEL BENE: SOPRAVVIVE TUTTAVIA LA DISTINZIONE TRA SUOLI EDIFICABILI E SUOLI NON EDIFICABILI

PARAMETRO ICI NON PIÙ RILEVANTE AI FINI INDENNITARI

IL VINCOLO NON LENTICOLARE HA NATURA CONFORMATIVA

L'ESAURIMENTO DELLA VOLUMETRIA DETERMINA INEDIFICABILITÀ DI FATTO

LA DESTINAZIONE A VIABILITÀ IMPOSTA DAL PIANO REGOLATORE COMPORTA NORMALMENTE UN VINCOLO D'INEDIFICABILITÀ NON AVENTE NATURA ESPROPRIATIVA

LA DESTINAZIONE PUBBLICA, ANCORCHÈ REALIZZABILE DAL PRIVATO, RENDE INEDIFICABILE IL TERRENO

PARAMETRO ICI NON PIÙ RILEVANTE AI FINI INDENNITARI

DECADUTO IL VINCOLO NON È APPLICABILE LA NORMATIVA DI PIANO PREVISTA PER LE AREE CIRCOSTANTI

PROGETTO PRELIMINARE CON CONTESTUALE VARIANTE IMPOSITIVA DI VINCOLO: IMMEDIATAMENTE IMPUGNABILE

IRRILEVANTE LA DISTINZIONE TRA OCCUPAZIONE ACQUISITIVA ED USURPATIVA AI FINI DELL'OBBLIGO DI RESTITUZIONE DEL BENE OCCUPATO SINE TITULO

LA SOLA OCCUPAZIONE DEL BENE NON ESIME IL PROPRIETARIO DAL PAGAMENTO ICI

ISTANZA DI ACCESSO: SODDISFATTA ANCHE CON LA DICHIARAZIONE D'INESISTENZA DEGLI ATTI

OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA: OPERA LA PRESCRIZIONE QUINQUENNALE DEL DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO

RIQUALIFICAZIONE ZONA BIANCA: DALL'INERZIA DELL'AMMINISTRAZIONE NON PUÒ CONSEGUIRE IL VENIR MENO DEL REGIME DI SALVAGUARDIA

L'INSERIMENTO DI AREA NEL PROGRAMMA COSTRUTTIVO IMPLICA IL REQUISITO DELL'EDIFICABILITÀ LEGALE

INDENNITÀ DI OCCUPAZIONE PER AREA NON EDIFICABILE: 1/12 DEL VALORE VENALE PIENO DI MERCATO DEL BENE

ZONIZZAZIONE A VERDE PUBBLICO: IL VINCOLO È CONFORMATIVO

ISTANZA DI ACQUISIZIONE EX ART. 42 BIS TU: ALLA PA, ANCORCHÈ OBBLIGATA A RISCONTRARE, È RISERVATA LA SCELTA SE ACQUISIRE O RESTITUIRE IL BENE OCCUPATO SINE TITULO

GARANZIE PARTECIPATIVE NON VIOLATE QUALORA, A PRESCINDERE DALLA FORMALE COMUNICAZIONE DELL'AVVISO DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO, C'È STATO CONTRADDITTORIO

PROVVEDIMENTO EX ART. 42 BIS TU: ESIGE LA VALUTAZIONE DEGLI INTERESSI COINVOLTI PER NON TRADURSI IN MERA SANATORIA DELL'OCCUPAZIONE PREGRESSA

LA DICHIARAZIONE DI P.U. NON ESIME DALL'OBBLIGO DI CONCLUDE IL PROCEDIMENTO

INEDIFICABILE L'AREA DESTINATA AD EDILIZIA SCOLASTICA

CRITERIO SINTETICO-COMPARATIVO: UTILIZZABILI QUALE FONTE DI COMPARAZIONE ANCHE CESSIONI VOLONTARIE DI AREE LIMITROFE

INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE: NON APPLICABILE IL CRITERIO DELL'EDIFICABILITÀ DI FATTO

INEDIFICABILE L'AREA IN ZONA F

ANCHE IL BENEFICIARIO DELL'ESPROPRIO PUÒ FORMULARE ISTANZA DI ACQUISIZIONE DEL BENE EX ART. 42 BIS TU E LA P.A. È TENUTA A RISCONTRARE

INDENNIZZO EX ART. 42 BIS TU: IL VALORE DEL BENE DEVE COMPRENDERE ANCHE QUELLO DELLE OPERE REALIZZATE

DELLE CONTROVERSIE SULL'INDENNITÀ CONOSCE SOLO E SEMPRE IL G.O.

OPPOSIZIONE ALLA STIMA: NESSUNA DIFFERENZA TRA ESPROPRIANTE ED ESPROPRIATO RIGUARDO AI TERMINI DI DECORRENZA

È VENUTA MENO OGNI DISTINZIONE TRA OCCUPAZIONE ACQUISITIVA ED USURPATIVA

INDENNIZZO EX ART. 42 BIS TU: DEVE ESSERE POSTO A CARICO DEL BENEFICIARIO DELL'ACQUISTO

ZONA F: IL VINCOLO È CONFORMATIVO

OBBLIGO DI RIQUALIFICAZIONE: NON SODDISFATTO DALL'AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI REVISIONE DELLO STRUMENTO URBANISTICO

LA DOMANDA RISARCITORIA PER EQUIVALENTE NON PUÒ COMPORTARE PERDITA DELLA PROPRIETÀ

AI FINI DELLA VALIDITÀ DEL DECRETO DI ESPROPRIO NON RILEVANO LE OPERAZIONI DI FRAZIONAMENTO E VOLTURA

PER LA TEMPESTIVITÀ DEL DECRETO DI ESPROPRIO RILEVA L'EFFICACIA E NON L'ADOZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI P.U.

INDENNIZZO EX ART. 17 L. N. 865/71: GIURISDIZIONE AL G.O.

RISARCIMENTO DEL DANNO DA OCCUPAZIONE SINE TITULO: 5% DEL VALORE VENALE OLTRE RIVALUTAZIONE ED INTERESSI

UNA VOLTA DICHIARATA L'INSERVIBILITÀ DEL BENE, DELLA RETROCESSIONE, ANCORCHÈ PARZIALE, CONOSCE IL G.O.

ART. 42 BIS T.U.: ESIGE LA MODIFICA DEL BENE OCCUPATO

DISCREZIONALE È IL POTERE ATTRIBUITO ALLA P.A. IN MERITO ALL'ACQUISTO DI RELIQUATI

DELL'OCCUPAZIONE SINE TITULO DEL BENE CONOSCE IL G.A. SE SUSSISTE LA P.U. ANCORCHÈ PRIVA DEI TERMINI

OCCUPAZIONE SINE TITULO: FONDATA LA DOMANDA RISARCITORIA SALVO L'ART. 42 BIS TU

IN CASO DI ABDICAZIONE DEL DIRITTO DI PROPRIETÀ PER EFFETTO DELLA DOMANDA RISARCITORIA PER EQUIVALENTE, A TALE MOMENTO OCCORRE RIFERIRSI PER DETERMINARE IL VALORE DEL BENE

DECADENZA DEL VINCOLO: IL COME RIPIANIFICARE È RIMESSO ALLA DISCREZIONALITÀ DELLA P.A.

IL BENE OCCUPATO SENZA TITOLO VA ACQUISITO ANCORCHÈ IL PROPRIETARIO ABBIA RINUNCIATO A RICHIEDERNE LA RESTITUZIONE

LA P.A. DEVE RISCONTRARE L'ISTANZA DI ACQUISIZIONE SANANTE DEL BENE OCCUPATO SENZA TITOLO

IL VINCOLO REALIZZABILE ANCHE DAL PRIVATO NON HA NATURA ESPROPRIATIVA

ESPROPRIO PARZIALE: È DOVUTA UN'UNICA INDENNITÀ COMPRENSIVA ANCHE DEL DANNO ALLA PROPRIETÀ RESIDUA

ANCHE NEL REGIME ART. 54 TU È AMMESSA L'AZIONE DIRETTA DI DETERMINAZIONE GIUDIZIALE DELL'INDENNITÀ

ACQUISIZIONE SANANTE: POTERE DISCREZIONALE SINDACABILE NEI LIMITI DELLA IRRAGIONEVOLEZZA - ILLOGICITÀ E DIFETTO DI MOTIVAZIONE

INEDIFICABILE LA ZONA F

INDENNITÀ DI OCCUPAZIONE AREE NON EDIFICABILI: INTERESSE LEGALE SUL VALORE VENALE DEL BENE

LA REALIZZAZIONE DELL'OPERA PUBBLICA NON È DI IMPEDIMENTO ALLA RESTITUZIONE DEL BENE OCCUPATO SENZA TITOLO

L'OCCUPAZIONE DEL BENE NON COSTITUISCE POSSESSO UTILE AI FINI DELL'USUCAPIONE

INTERVENTO DI RIFORMA ECONOMICO-SOCIALE: NECESSARIA LA PREVISIONE NORMATIVA

I PROPRIETARI SONO LEGITTIMATI A RICHIEDERE LO SVINCOLO DELLA SOMMA DI CUI LA CORTE D'APPELLO HA DISPOSTO IL DEPOSITO CON SENTENZA ANCORCHÈ IMPUGNATA IN CASSAZIONE

LA DISCIPLINA URBANISTICA DELLE AREE BIANCHE NON SI DESUME DALLE AREE CONTIGUE

CESSIONE VOLONTARIA: NECESSARIA LA FORMA SCRITTA

NESSUN OBBLIGO PER LA P.A. DI ACQUISIZIONE SANANTE SE ESISTE UN DECRETO DI ESPROPRIO VALIDO ED EFFICACE

DALLE SOMME DOVUTE SIA IN IPOTESI DI RESTITUZIONE DEL BENE CHE NEL CASO DI ACQUISIZIONE SANANTE, VA DETRATTO QUANTO GIÀ CORRISPOSTO A TITOLO DI INDENNITÀ DI ESPROPRIO

NEL CASO IN CUI GLI EREDI NON SIANO CONOSCIUTI LE NOTIFICHE VANNO EFFETTUATE ALL'INTESTATARIO CATASTALE DECEDUTO

SULL'INDENNIZZO DOVUTO EX ART. 42 BIS TU ANCHE PER IL PERIODO DI OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA CONOSCE IL G.O.

TENUTO AL PAGAMENTO DELL'INDENNITÀ È IL BENEFICIARIO DELL'ESPROPRIO

L. 219/1981: IN FORZA DELLA CONCESSIONE TRASLATIVA È IL CONCESSIONARIO TENUTO AL PAGAMENTO DELLE POSTE RISARCITORIE E INDENNITARIE

ACQUISIZIONE SANANTE: ATTO NON RECETTIZIO

PROVVEDIMENTO DI ACQUISIZIONE SANANTE: NON VIOLATE LE GARANZIE PROCEDIMENTALI SE PRECEDUTO DA TRATTATIVE INTERCORSE TRA LE PARTI

Produciamo e vendiamo esclusivamente pubblicazioni professionali in formato pdf. 

Sono testi che puoi consultare e trasportare ovunque con qualunque dispositivo, realizzati nel più comune e universale dei formati digitali. 

Se hai necessità di stamparli o di fare il copia incolla, puoi farlo, salvo alcune eccezioni e nel rispetto del divieto di distribuzione a terzi e della nostra politica di copyright riguardo la riproduzione dei contenuti.  

I nostri prodotti sono privi di restrizioni DRM, sono solo marchiati digitalmente con il nome dell'utilizzatore; possono essere aperti senza limiti dal soggetto destinatario su più dispositivi e scaricati ogni volta che vuole dal sito una volta acquistati.

Per saperne di più clicca qui.