RESTITUTIO IN INTEGRUM

Stai vedendo 1-12 di 3 risultati

Possibili limitazioni dell'effetto restitutorio al proprietario del bene illegittimamente espropriato

Il proprietario del fondo occupato - senza titolo - dall'opera pubblica ha diritto alla restituzione del bene e tale effetto restitutorio può essere paralizzato soltanto da un contratto traslativo fra le parti, oppure qualora l'Amministrazione si avvalga dell'istituto previsto dall'art. 42 bis del D.P.R. n. 327/2001.

Obbligo della restitutio in integrum del bene privato occupato illegittimamente dalla p.a.

In caso di illegittima occupazione di un bene privato, in via principale, l’Amministrazione occupante deve essere condannata a restituire il terreno occupato nella piena disponibilità del legittimo proprietario, libero da persone e/o cose, previo ripristino dei luoghi nello stato di fatto originario prima dell’intervento costruttivo, nonché a risarcire il danno da occupazione illegittima temporanea.

La restitutio in integrum “integrale”

I casi in cui un terreno è già stato oggetto di occupazione sine titulo ed è stato trasformato senza il decreto di esproprio, lo Stato convenuto "dovrebbe sopprimere gli ostacoli giuridici che impediscono la restituzione del terreno sistematicamente e per principio." Solo quando la restituzione di un terreno risulta impossibile per motivi plausibili in concreto, lo Stato convenuto avrebbe dovuto garantire il pagamento di una somma corrispondente al valore che avrebbe la restituzione in natura