Coordinamento del prg con i piani urbanistici sovracomunali

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI SOVRACOMUNALI

Sebbene l’impianto di distribuzione di carburante possa rientrare, in astratto, nel campo di applicazione dell’art. 21 PTP, occorre chiarire che la disposizione in esame, nel consentire la realizzazione di tali impianti in eventuale deroga alle prescrizioni di piano - tra cui quella del generale divieto di incremento volumetrico prevista dall’art. 15 per la zona S.I. zone Sature Interne - non esclude la persistenza, in ogni caso, del potere della Soprintendenza di valutare, in concreto, l’impatto paesaggistico della nuova opera e, in particolare, di valutarne la compatibilità paesaggistica.

Anche per gli impianti di distribuzione carburanti che ricadono nel campo di ap... _OMISSIS_ ...ui all’art. 21 PTP - Piano territoriale Provinciale, la valutazione dell’impatto paesaggistico è necessaria, non potendo detta deroga essere letta nel senso di consentire che gli impianti in essa menzionati possano essere realizzati a prescindere da ogni forma di tutela paesaggistica e, quindi, sottraendoli surrettiziamente al regime vincolistico, precludendo alla Soprintendenza di valutare, caso per caso, il concreto impatto che essi possono avere sul paesaggio nel quale si inseriscono e di stimarne la relativa compatibilità.

L’intervento della regione in sede di pianificazione comunale è qualificabile come stralcio e non come modifica della pianificazione urbanistica laddove interessi aree minime, non pregiudichi i complessivi equilibri sce... _OMISSIS_ ...e lasci in ogni caso la possibilità al comune di intervenire nuovamente sulla destinazione dell'area stralciata.

Il potere di stralcio della regione non necessita di una particolare motivazione, poiché la destinazione impressa con lo stralcio non rappresenta una scelta di pianificazione innovativa rispetto alle scelte operate dal comune in sede di variazione dello strumento urbanistico generale, ma è la mera espressione del potere regionale di partecipazione alla formazione dell'atto a complessità diseguale di pianificazione generale.

Come il creditore non è tenuto a citare in giudizio il debitore per evitare che l’inadempimento si aggravi, così il pianificatore di livello inferiore non è tenuto ad agire in sede giurisdizionale avve... _OMISSIS_ ...ell'emanazione di un atto di livello sovraordinato (nella specie inerente alle direttive vincolanti per l’esercizio delle funzioni amministrative inerenti l’utilizzazione del demanio marittimo ex l.r. Emilia-Romagna n. 9/2002), ben potendo in tal caso procedere egualmente con la funzione di pianificazione.

Non solo l’avvenuta inclusione di un’area nell’ambito di un Parco sovracomunale, ma anche la concreta prospettiva di una modifica in tal senso del relativo perimetro rappresenta un dato di cui l’Amministrazione non può non tenere conto al momento di prendere una decisione di piano.

La funzione dei i piani paesistici o urbanistico territoriali è quella di individuare in negativo gli interventi che, per l'inco... _OMISSIS_ ...n il contesto, sono in posizione di incompatibilità assoluta con i valori salvaguardati dal vincolo e che per questa ragione i suddetti strumenti sono abilitati ad introdurre un regime di immodificabilità per zone, o per categorie di opere reputate comunque incompatibili con i valori protetti e, dunque, non realizzabili.

Il piano di governo del territorio è un atto di pianificazione comunale al quale la provincia contribuisce tramite un parere obbligatorio che riguarda la compatibilità dello strumento urbanistico comunale con il piano territoriale di coordinamento provinciale e assume carattere prevalente e vincolante solo per alcune tipologie di previsioni a causa del rilievo sovracomunale delle stesse.

La provincia concorre a determinare diret... _OMISSIS_ ...enuto del piano di governo del territorio solo attraverso alcune tipologie di previsioni aventi un effetto prevalente.

Affermare che un provvedimento regionale possa escludere attribuzioni in capo al Comune in ordine al governo del proprio territorio significa postulare una lesione, da parte di un provvedimento amministrativo, del riparto di attribuzioni costituzionalmente garantito in favore dei diversi organi di governo. E, infatti, accanto a strumenti pianificatori di rango superiore, vivono e si integrano le competenze degli enti minori, che non sono esautorate dall’azione regionale ma, in un’ottica non più gerarchica, convivono nell’ambito delle diverse funzioni.

Il piano regolatore generale deve rispondere a criteri di co... _OMISSIS_ ... le scelte territoriali ed economiche di livello superiore, ovvero sovracomunale.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI SOVRACOMUNALI --> PIANI TERRITORIALI DI COORDINAMENTO

I piani territoriali di coordinamento, da adottarsi in relazione a ciascun ente parco e relativo territorio, hanno finalità di tutela dell’ambiente e si impongono ad altri strumenti di pianificazione territoriale.

I piani cava possono apportare modifiche ai piani territoriali di coordinamento dei parchi.

Non è di per sé causa di illegittimità del piano la difformità della scelta formulata nel piano territoriale di coordinamento provinciale rispetto a quella orientativa formulata nel piano territoriale regionale.

Non det... _OMISSIS_ ...elaborazione complessiva del piano territoriale di coordinamento provinciale le modifiche che riguardino singole aree o gruppi di aree nonché quelle modifiche, intervenute in sede di approvazione, che investano settori circoscritti del territorio provinciale.

Nel momento in cui la regione vuole sottoporre a revisione le scelte operate a suo tempo con il piano territoriale di coordinamento regionale, le prime possibilità di modifica debbono necessariamente riguardare quelle previsioni che non hanno avuto attuazione per verificare se tuttora persistono le ragioni che all’epoca ne avevano determinato l’inserimento nello strumento urbanistico.

La tutela recata dal PUT non riguarda solo beni formalmente censiti nelle cartografie del piano... _OMISSIS_ ...trario, deve ritenersi che essa prescinda dalla pregressa esistenza di un vincolo e si estenda così ad ambiti non vincolati e a beni che non sono espressamente inseriti nelle carte del Piano.

Il Piano Urbanistico Territoriale contiene una disciplina urbanistica con particolare riferimento agli aspetti paesistici e ambientali rivolta all’intero territorio regionale visto nel suo insieme, allo scopo di tutelarne la identità storica e culturale.

Il piano territoriale regionale di coordinamento ha l'attitudine ad imporre a parti del territorio dei comuni compresi nella regione prescrizioni e vincoli di tipo urbanistico, cui anche i privati debbono uniformarsi.

Le disposizioni del piano territoriale pongono un limite minim... _OMISSIS_ ...rave; dire, negativo alla discrezionalità programmatoria del comune, il quale non può attenuare la tutela ambientale ampliando le facoltà di edificazione. Per contro, e cioè in positivo, la previsione del piano comunale può legittimamente dislocarsi, rispetto al piano regionale, in termini concretamente più rigorosi in relazione a tali finalità ambientali.

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI SOVRACOMUNALI --> PIANI TERRITORIALI DI COORDINAMENTO --> RAPPORTO CON PIANO PORTUALE

Il piano territoriale di coordinamento regionale...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 13099 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 4305 pagine in formato A4

45,00 €