Determinazione dell'indennità di esproprio: il parametro legale vigente

INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DI OCCUPAZIONE - INDENNITÀ DI ESPROPRIO - PARAMETRO LEGALE VIGENTE La "cessione volontaria" di cui alla L. n. 865 del 1971, art. 12 comporta il trasferimento del bene dietro pagamento dell'indennizzo che l'espropriando ha il diritto di convenire in seguito ad un subprocedimento predisposto dalla ricordata norma e ad un prezzo pur esso predeterminato in base a criteri inderogabili stabiliti dalla legge del tempo per la determinazione dell'indennità spettante per la sua espropriazione, che egli ha soltanto la facoltà di accettare (o rifiutare).

Intervenuta la dichiarazione d'illegittimità della L. n. 385 del 1980, art. 1, ad opera della decisione 223/1983 della Corte Costituzionale, per effetto del rinvio "mobile" contenuto nel contrat... _OMISSIS_ ...e l'integrazione del prezzo doveva determinarsi "sulla base delle nuove disposizioni legislative che saranno emanate in seguito in materia", torna applicabile il criterio del valore venale del fondo di cui alla L. n. 2359 del 1865, art. 39, peraltro confermato dal sopravvenuto della L. n. 244 del 2007, art. 2.

La cessione volontaria costituisce un contratto c.d. ad oggetto pubblico che si inserisce necessariamente nell'ambito del procedimento di espropriazione che l'espropriando ha il diritto di convenire in seguito ad un subprocedimento predisposto dalla L. n. 865 del 1971, art. 12 e ad un prezzo pur esso predeterminato in base a criteri inderogabili stabiliti dalla legge che costui può soltanto accettare (o rifiutare).

Il prezzo della cessione volonta... _OMISSIS_ ...eterminato in base a criteri inderogabili stabiliti dalla legge del tempo, che l'espropriando può soltanto accettare (o rifiutare), con la conseguenza che il prezzo della vendita è completamente sottratto alla disciplina di diritto privato e si correla in modo vincolato ai parametri legali circa la determinazione dell'indennità espropriativa, secondo la normativa vigente al momento della procedura ablativa.

Nell'ipotesi in cui sia stata convenuta la cessione volontaria al prezzo fissato dalla L. 29 luglio 1980, n. 385, salvo conguaglio, l'invalidazione per incostituzionalità di tale legge da parte della sentenza 223 del 1983 della Corte Costituzionale ha comportato l'invalidazione successiva ex art. 1419 c.c., comma 2 del patto relativo al parametro legale di ragg... _OMISSIS_ ...zo ed il diritto del cedente a conseguire il prezzo di cui alla L. n. 2359 del 1865, art. 39 o il conguaglio sulla sua base; ciò in quanto ogni diversa pattuizione viene automaticamente sostituita con il precetto ritraibile dal criterio legale.

Si impone, dopo le note decisioni della Corte costituzionale n. 348 del 2007 e n. 181 del 2011, l'applicazione del principio generale secondo cui l'indennizzo deve essere pari al valore venale del bene, fissato dalla L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39 che è l'unico criterio ancora vigente rinvenibile nell'ordinamento, anche per la sua corrispondenza con la riparazione integrale in rapporto ragionevole con il valore venale del bene garantita dall'art. 1 del Protocollo allegato alla Convenzione europea, nell'interpretazione ... _OMISSIS_ ...orte Europea dei Diritti dell'Uomo.

E' illegittima la pattuizione del prezzo sulla base di un esplicitato criterio di determinazione dell'indennità provvisoria diverso da quello legale, ma non può considerarsi illegittima anche la pattuizione del prezzo sulla base di una erronea o insufficiente determinazione dell'indennità provvisoria, quando il parametro legale non sia indicato ovvero sia indicato e sia quello vigente. In conclusione il prezzo della cessione volontaria è nullo, e trova applicazione l'art. 1419 c.c., comma 2, soltanto quando sia stato determinato sulla base di criteri diversi da quello legale e non anche quando sia stato fissato sulla base del criterio legale, ma in modo erroneo.

Per effetto delle sentenze della Corte Cost. 24.10.2007 ... _OMISSIS_ ...rispettivamente inerenti l'indennità di espropriazione ed il risarcimento del danno da occupazione appropriativa per i suoli edificabili e della più recente sentenza Corte cost. 11.6.2011, n. 181, le tecniche indennitaria e risarcitoria per le espropriazioni ed occupazioni di suoli finalizzati alla realizzazione di opere pubblica, devono necessariamente focalizzare il valore di mercato del bene, senza ulteriori applicazioni di coefficienti riduttivi. Il valore venale, dunque, rappresenta l'indennità di espropriazione.

La sequenza delle sentenze Corte cost. 24.10.2007, n. 348 e 349 e 11.6.2011, n. 181, ha indissociabilmente agganciato l'indennizzo espropriativo al valore venale del bene. Il serio ristoro che l'art. 42 Cost., comma 3, riconosce al sacrificio della p... _OMISSIS_ ...tivi d'interesse generale, si identifica oggi con il giusto prezzo nella libera contrattazione di compravendita, posto che la dichiarazione d'incostituzionalità dei criteri riduttivi ha fatto rivivere il criterio base di indennizzo, che la fondamentale legge sulle espropriazioni aveva sancito. La n. 2359/1865, art. 39 è stato riconosciuto applicabile alle questioni già soggette al pregresso regime riduttivo e comunque la nuova disciplina di cui al D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 37, comma 1, come modificato dalla L. 24 dicembre 2007, n. 244, art. 2, comma 90, è ispirata al valore venale.

Sulla domanda di determinazione dell'indennità di esproprio, il giudice non può che applicare la normativa vigente, e non una normativa incostituzionale, senza che ciò comporti... _OMISSIS_ ...i provocare il contraddittorio.

Il prezzo della cessione volontaria mediante il quale si producono i medesimi effetti traslativi (a titolo originario) del provvedimento ablativo, è sottratto alla disciplina di diritto privato: esso è inderogabilmente fissato in riferimento alla misura dell'indennità di esproprio, secondo la normativa vigente al momento della procedura, onde evitare che le cessioni di beni la cui acquisizione sia stata dichiarata di p.u. restino affidate alla discrezionale (se non arbitraria) valutazione delle parti, e resta correlato in modo vincolato ai parametri legali di determinazione dell'indennità espropriativa.

Il prezzo della cessione volontaria mediante il quale si producono i medesimi effetti traslativi (a titolo originario) d... _OMISSIS_ ...o ablativo, è sottratto alla disciplina di diritto privato: esso è inderogabilmente fissato in riferimento alla misura dell'indennità di esproprio, secondo la normativa vigente al momento della procedura, onde evitare che le cessioni di beni la cui acquisizione sia stata dichiarata di p.u. restino affidate alla discrezionale (se non arbitraria) valutazione delle parti, e resta correlato in modo vincolato ai parametri legali di determinazione dell'indennità espropriativa.

Per effetto delle sentenze della Corte costituzionale n. 348 del 2007 e n. 181 del 2011, emesse anche alla luce delle sollecitazioni provenienti dalla giurisprudenza della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, il sistema indennitario è, ormai, svincolato dalla disciplina delle formule mediane e dei... _OMISSIS_ ...llari, di cui alla L. n. 359 del 1992, art. 5-bis, commi 1 e 2, e della L. n. 865 del 1971, art. 16, comma 5 e 6, e risulta, invece, agganciato al valore venale del bene.

Il serio ristoro che l'art. 42 Cost., comma 3, riconosce al sacrificio della proprietà per motivi d'interesse generale, si identifica oggi, per effetto delle sentenze della Corte costituzionale n. 348 del 2007 e n. 181 del 2011, con il giusto prezzo nella libera contrattazione di compravendita, id est col ...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 84619 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 8,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 2910 pagine in formato A4

40,00 €