La posizione italiana e la normativa comunitaria sulla confisca urbanistica

Facendo il punto sulla situazione, è doveroso chiedersi quale sia la posizione della giurisprudenza italiana dopo le succitate decisioni della Corte di Strasburgo.

Potenzialmente, infatti, già la decisione sull’ammissibilità del ricorso [29], affermando la natura di sanzione penale della confisca di cui all’art. 442 d.P.R. 380/2001, si pone come rivoluzionaria, poiché da tale inquadramento consegue l’applicabilità del principio di personalità della responsabilità penale e l’impossibilità di adottare il provvedimento ablativo nei confronti non soltanto degli imputati prosciolti per difetto dell’elemento soggettivo (soggetti dei quali si è specificatamente occupata la Corte europea), ma anche verso i terzi di buona fede estranei al ... _OMISSIS_ ...CRLF|
Le conclusioni della Corte di Strasburgo sembrano assumere un importanza ancora maggiore alla luce dei principi affermati dalla Corte costituzionale con le sentenze n. 348 e 349 del 2007, in cui:
era stata affrontata la questione relativa alla posizione e al ruolo delle norme della CEDU ed alla loro incidenza sull’ordinamento giuridico italiano, rilevando che dette norme, diversamente da quelle comunitarie, non creavano un ordinamento giuridico sopranazionale ed erano pur sempre norme internazionali pattizie, che vincolavano lo Stato ma non producevano effetti diretti nell’ordinamento interno. Il nuovo testo dell’art. 1171 Cost., introdotto dalla legge costituzionale n. 3/2001, ha reso inconfutabile la maggior forza di resistenza... _OMISSIS_ ...DU (nell’interpretazione ad esse data dalla Corte europea per i Diritti dell’Uomo) rispetto alle leggi ordinarie successive, trattandosi di norma costituzionale che sviluppa la sua concreta operatività solo se posta in stretto collegamento con altre norme (chiamate «fonti interposte», di rango subordinato alla Costituzione ma intermedio tra questa e la legge ordinaria), destinate a dare contenuti ad un parametro che si limita ad enunciare in via generale una qualità che le leggi in esso richiamate devono possedere;
erano state attratte le stesse norme CEDU come interpretate dalla Corte europea (quali norme - diverse sia da quelle comunitarie sia da quelle concordatarie - che, rimanendo pur sempre ad un livello sub-costituzionale, inte... _OMISSIS_ ...arametro costituzionale), in ipotesi di asserita incompatibilità con una norma interna, nella sfera di competenza della Corte costituzionale, alla quale veniva demandata la verifica congiunta della compatibilità della norma interposta con la Costituzione e della legittimità della norma legislativa ordinaria rispetto alla stessa norma interposta;
era stato escluso che le pronunce della Corte di Strasburgo fossero incondizionatamente vincolanti ai fini del controllo di costituzionalità delle leggi nazionali, evidenziando che tale controllo doveva sempre ispirarsi al ragionevole bilanciamento tra il vincolo derivante dagli obblighi internazionali, quale imposto dall’art. 1111 Cost. e la tutela degli interessi costituzionalmente protetti contenuta in altri... _OMISSIS_ ... Costituzione [31].
Sulla base di queste premesse, abbiamo visto che la Corte d’Appello di Bari [32] sollevava questione di legittimità, ritenendo che l’art. 442 t.u. dell’edilizia fosse difficilmente conciliabile con la Costituzione, nonostante la giurisprudenza di legittimità fosse costantemente orientata, al contrario, a considerare la norma come costituzionalmente legittima. Ciò nonostante, la Corte costituzionale dichiarava inammissibile la questione per le ragioni già esposte.

Nella prima sentenza in cui la Corte di legittimità [33] si è confrontata con la decisione di Strasburgo di ricevibilità del ricorso, essa aveva dichiarato ancora una volta manifestamente infondate le questioni di legittimità costituzionale sollevate co... _OMISSIS_ ...gli artt. 3, 25, 27, 111 e 117 Cost., rilevando che i giudici di Strasburgo si erano limitati ad affermare che la confisca in parola fosse una pena ai sensi dell’art. 7 CEDU, senza tuttavia rilevare alcun contrasto con essa [34].

La posizione della giurisprudenza oggi è nel senso di fornire un’interpretazione adeguatrice dell’art. 442 d.P.R. n. 380 del 2001 alle decisioni della Corte europea dei Diritti dell’Uomo, non ravvisando profili di incostituzionalità a fronte:
dell’affermata esclusione dell’applicabilità della confisca nei confronti di coloro che effettivamente risultino «in buona fede» [35];
dell’affermata ulteriore necessità del rispetto del principio di «propor... _OMISSIS_ ...; in applicazione del quale la confisca stessa va estesa ai soli «terreni lottizzati» ovvero «rientranti nel generale progetto lottizzatorio», da identificarsi in quelli che risultino oggetto di un’operazione di frazionamento preordinata ad agevolarne l’utilizzazione a scopo edilizio. Ove esista, pertanto, un preventivo frazionamento, va confiscata tutta l’area interessata da tale frazionamento nonché dalla previsione delle relative infrastrutture ed opere urbanizzative, indipendentemente dall’attività di edificazione posta concretamente in essere. Nell’ipotesi, invece, in cui non sia stato predisposto un frazionamento fondiario e, tuttavia, si sia conferito, di fatto, un diverso assetto ad una porzione di territorio comu... _OMISSIS_ ...ca va limitata a quella porzione territoriale effettivamente interessata dalla vendita di lotti separati, dalla edificazione e dalla realizzazione di infrastrutture [36].
Gli Ermellini affermano, infatti, che il sequestro preventivo finalizzato alla confisca di un immobile abusivamente lottizzato può essere adottato anche nei confronti del terzo acquirente, qualora egli non abbia assunto, deliberatamente o per trascuratezza, tutte le necessarie informazioni sulla sussistenza di un titolo abilitativo, nonché sulla compatibilità dell’immobile con gli strumenti urbanistici: escludono, in tal modo, la buona fede sul presupposto che l’acquirente non aveva proceduto con la dovuta diligenza alle necessarie verifiche, limitandosi, in base ai titoli rilasciati,... _OMISSIS_ ...a solo parziale dello stato concessorio relativo all’immobile acquistato [37].

Giova sottolineare sul punto che la questione relativa all’accertamento della buona fede del terzo acquirente di un immobile realizzato illegittimamente, mediante l’abusiva lottizzazione di aree non urbanizzate, riguarda l’applicazione della confisca e il sequestro nell’ipotesi in cui la misura cautelare sia disposta esclusivamente ai sensi dell’art. 3212 c.p.p. [38], cioè finalizzata ad assicurare che la cosa all’esito del processo possa essere concretamente confiscata [39].

Viceversa, nell’ipotesi di sequestro di cui all’art. 3211 c.p.p. [40] è irrilevante l’appartenenza della cosa ad un soggetto estraneo a... _OMISSIS_ ... del reato ed in buona fede, poiché l’esigenza cautelare di impedire che la libera disponibilità della cosa pertinente al reato possa aggravare o protrarne le conseguenze, com’è noto, prescinde totalmente dall’appartenenza del bene all’autore del reato. In quest’ultimo caso, infatti, il vincolo diretto a rendere indisponibile la res è imposto per le più generali esigenze di giustizia, quali sono quelle relative alla...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 9540 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto.

pdf 116 pagine in formato A4

15,00 €