L’art. 44 lett. c) prima parte: la lottizzazione abusiva

Premessi alcuni caratteri generali dell’ipotesi criminosa in commento, passiamo ora ad analizzare specificamente le due forme di lottizzazione abusiva, iniziando da quella materiale [9] che presuppone l’inizio, non autorizzato, di opere finalizzate alla trasformazione urbanistica e/o edilizia di terreni in zona non adeguatamente urbanizzata ed in violazione della normativa urbanistica ovvero delle prescrizioni degli strumenti urbanistici adottati [10].

Dunque, la condotta lottizzatoria può consistere sia nella costruzione di edifici, sia nella realizzazione di opere di urbanizzazione dirette ad utilizzare e pianificare il territorio a scopi edilizi, in mancanza di un piano di lottizzazione convenzionale o di un altro strumento equipollente attuativ... _OMISSIS_ ...olatore generale [11].

La giurisprudenza di legittimità distingue tale forma di lottizzazione dal reato di costruzione senza titolo abilitativo, in quanto nella prima l’intervento, per le sue dimensioni o caratteristiche, è idoneo a pregiudicare la riserva pubblica di programmazione territoriale laddove, viceversa, nella costruzione senza titolo l’intervento per la dimensione del manufatto non presuppone opere di urbanizzazione primaria e secondaria [12].

Integrano, ad esempio, la fattispecie in esame:
la realizzazione di alcuni cordoli in cemento, eseguiti a fini di recinzione del terreno di pertinenza di ciascun fabbricato, costituito da roulottes prefabbricate, accompagnati dall’installazione di fosse imhoff ed ... _OMISSIS_ ...cancelli carrabili per l’ingresso al terreno [13];
il caso in cui, in difetto degli strumenti attuativi previsti dal piano regolatore generale (adozione di piani particolareggiati o di piani di lottizzazione convenzionati), siano stati assentiti interventi edilizi destinati a creare nuovi insediamenti abitativi in aree prive di opere di urbanizzazione primaria, né il reato è escluso dall’eventuale preesistenza di opere di urbanizzazione secondaria [14];
l’artificiosa suddivisione dell’attività edificatoria complessiva, attuata mediante il conseguimento di titoli abilitativi per le singole opere edilizie che concorrono a realizzarla, poiché, ai fini dell’individuazione del titolo abilitativo necessario per la sua... _OMISSIS_ ...quo;intervento edilizio deve essere considerato unitariamente nel suo complesso, senza possibilità di scindere e di considerare separatamente le sue componenti (il caso di specie riguardava la realizzazione di fognature ed impianti di distribuzione elettrica ed idrica, in realtà costituenti delle opere di urbanizzazione primaria che necessitavano il permesso di costruire poiché rientranti nel concetto di «nuove costruzioni», e non la d.i.a. com’era invece stata presentata preventivamente) [15];
la modifica della destinazione d’uso, nel caso in cui venga alterato il complessivo assetto del territorio comunale attuato mediante lo strumento urbanistico al quale è affidata la pianificazione delle diverse destinazioni d’uso del ... _OMISSIS_ ...rsquo;assegnazione a ciascuna di esse di determinate quantità e qualità di servizi (nella specie, si trattava di modifica della destinazione d’uso da alberghiera a residenziale di un immobile già regolarmente edificato) [16];
la radicale mutazione di una struttura adibita a campeggio, sia pure debitamente autorizzata, per effetto di opere edilizie non autorizzate e di roulottes posizionate stabilmente a terra, non essendo più agevolmente trasportabili, dando luogo così ad uno stabile insediamento abitativo di rilevante impatto negativo sull’assetto territoriale [17];
l’intervento di trasformazione del territorio totalmente difforme rispetto al titolo abilitativo, mentre piccole difformità che non siano tali da porre ... _OMISSIS_ ...ntrollo preventivo svolto dall’autorità comunale restano sanzionate ai sensi dell’art. 44, lett. a), d.P.R. n. 380/2001 [18].
Si evidenzia che, circa il mutamento di destinazione d’uso di edifici già esistenti, si è affrontato il problema della configurabilità della lottizzazione abusiva materiale nel caso in cui non si fosse in presenza di nuove costruzioni. Inizialmente, la giurisprudenza ritenendo che la fattispecie de qua richiedesse la realizzazione di opere edili che rendessero necessari interventi di urbanizzazione, aveva affermato che essa non potesse essere integrata da lavori che avevano determinato un mero mutamento di destinazione d’uso di edifici già esistenti ed in ordine ai quali le opere di urbanizzazione fossero comunque ne... _OMISSIS_ ...CRLF|
In seguito, l’orientamento è stato completamente ribaltato assumendo la tesi secondo la quale si configura la lottizzazione anche in presenza del solo mutamento della destinazione urbanistica di una struttura edilizia già esistente [20].

In ordine alla seconda forma di manifestazione del reato, la lottizzazione abusiva può definirsi negoziale [21] quando, come già notato, la trasformazione urbanistica venga predisposta attraverso il frazionamento e la vendita, o atti equivalenti, del terreno in lotti che, per una serie di indici, denuncino in modo non equivoco la loro destinazione a scopo edificatorio. Questi indicatori sono elencati nell’art. 30 t.u. sull’edilizia e possono suddividersi nel seguente modo:
quelli d... _OMISSIS_ ...iva, cioè qualità, consistenza, ubicazione e destinazione urbanistica del territorio;
quelli di natura soggettiva, vale a dire il numero e la qualità degli acquirenti.
Secondo la giurisprudenza questo elenco non è tassativo e tali elementi indiziari non devono essere presenti tutti in concorso fra di loro, dal momento che è sufficiente la presenza di uno solo di essi, che tuttavia sia rilevante ed idoneo a fare configurare, con margini di plausibile veridicità, la volontà di procedere a lottizzazione [22].

L’espressione «frazionamento del terreno» non deve intendersi in senso tecnico, ma si riferisce a qualsiasi forma di suddivisione dello stesso in lotti, anche in forma non catastale. Questo frazionamento, infatti... _OMISSIS_ ...ssariamente precedere atti di disposizione: è configurabile, altresì, la condotta in commento nell’ipotesi di trasferimento di estesi appezzamenti di terreno ad una pluralità di soggetti pro indiviso o ad una società da cui poi, per effetto dell’eventuale scioglimento della comunione o del vincolo sociale, derivi il frazionamento in lotti [23].

Si evidenzia che la Corte di legittimità ritiene che integri la fattispecie in parola il trasferimento di un terreno, sulla base di quote societarie che conferiscano al suolo un assetto proprietario frazionato in lotti, ove risulti in modo non equivoco la destinazione dei lotti a scopo edificatorio: nel caso concreto, al versamento della quota da parte di ciascun indagato, socio di una società a respo... _OMISSIS_ ...ata proprietaria del terreno, conseguiva, contestualmente al conferimento, l’assegnazione in esclusiva di una piazzola sulla quale veniva posizionata una roulotte o un caravan, di fatto realizzando un frazionamento a scopo edificatorio dell’area, in contrasto con il piano regolatore generale e le norme tecniche di attuazione [24].

Pertanto, l’attività negoziale, mediante la quale può perseguirs...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 12110 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo