I reati urbanistici: l'art. 44 lett. c) prima parte

La prima parte della lett. c) dell’art. 44 d.P.R. 380/2001 punisce la lottizzazione abusiva di terreni a scopo edilizio, come definita nell’art. 30 dello stesso testo unico [1].

La disciplina oggi vigente è il risultato di un lungo processo evolutivo: in passato, infatti, durante la vigenza della legge n. 10/1977 si sono posti alcuni problemi interpretativi, poiché la normativa citata conteneva un’ipotesi criminosa di non facile individuazione, non essendo stata puntualmente circoscritta dal legislatore.

Dirimente, in materia, è stata la fondamentale sentenza della Corte di Cassazione a Sezioni Unite [2], la quale ha affermato che la fattispecie in commento può concretizzarsi sia nel compimento di atti giuridici, come il frazio... _OMISSIS_ ...reno e la vendita dei lotti fabbricati, sia nella realizzazione di attività materiali, come la costruzione di un manufatto o la delimitazione dei singoli lotti, prevedendo come unica condizione che la sopraindicata condotta fosse funzionalizzata ad un nuovo insediamento urbano con conseguente limitazione del potere della pubblica amministrazione di programmazione del territorio e di predisposizione delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria.

Nonostante la definizione fornita dalla Suprema Corte, l’ipotesi di lottizzazione abusiva costituiva ancora un significativo esempio di formulazione legislativa carente e lacunosa che ha costretto sia la dottrina che la giurisprudenza a cercare di fornire i contorni di una fattispecie piuttosto vaga [3].
... _OMISSIS_ ...ualmente, il testo unico sull’edilizia nell’art. 30 ha riprodotto integralmente l’art. 18 legge n. 47/1985, il quale a sua volta aveva recepito gli orientamenti giurisprudenziali, effettuando soltanto un aggiornamento in ordine alle competenze in capo al dirigente o al responsabile dell’ufficio comunale, ai sensi della normativa sull’ordinamento degli enti locali. Pertanto, si ha lottizzazione abusiva a scopo edificatorio nel caso in cui:
vengano iniziate opere che comportino una trasformazione urbanistica o edilizia dei terreni stessi in violazione delle prescrizioni degli strumenti urbanistici, vigenti o adottati, o comunque stabilite dalle leggi statali o regionali o senza la prescritta autorizzazione (lottizzazione materiale); ... _OMISSIS_ ... vengano disposte delle trasformazioni attraverso il frazionamento e la vendita, o atti equivalenti, del terreno in lotti che, per le loro caratteristiche quali la dimensione in relazione alla natura del terreno e alla sua destinazione secondo gli strumenti urbanistici, il numero, l’ubicazione o l’eventuale previsione delle opere di urbanizzazione ed in rapporto ad elementi riferiti agli acquirenti, denuncino in modo non equivoco la destinazione a scopo edificatorio (lottizzazione giuridica).
Si precisa che questo secondo tipo di lottizzazione viene anche definito «negoziale» o «cartolare» e secondo la giurisprudenza si fonda su elementi indiziari, dai quali risulti in modo non equivoco, la destinazione a scopo edificatorio del ... _OMISSIS_ ...lementi non devono essere presenti tutti in concorso tra di loro, poiché è sufficiente anche la presenza di uno soltanto di essi, rilevante ed idoneo a fare configurare con margini di plausibile veridicità, la volontà di procedere alla lottizzazione [4].

Secondo il disposto legislativo, quindi, la lottizzazione può conseguire ad un’attività materiale o ad un’attività giuridica. Tuttavia, può conseguire anche ad attività materiali e giuridiche espletate congiuntamente (lottizzazione abusiva mista), in un intreccio di atti comunque finalizzati a realizzare una trasformazione urbanistica e/o edilizia dei terreni [5].

Il Supremo Collegio è costante nel ritenere che, in ogni caso per qualsiasi tipo sopracitato, la condotta posta in essere... _OMISSIS_ ...si come lottizzazione a condizione che sussista l’intento lottizzatorio [6], il quale non può desumersi da elementi non univoci anche se prodromici ad atti tipici: ad esempio, il frazionamento del terreno realizzato su di una cartina e la consegna di copie di quest’ultima ai possibili acquirenti può costituire reato solamente se si perfeziona il negozio giuridico o se la progettazione di lottizzazione viene portata ad esecuzione [7].

La fattispecie in esame è un reato di pericolo e non di danno: infatti, la lesività della contravvenzione de qua deve correlarsi alla potenzialità della trasformazione urbanistica effettiva del territorio, cioè al pericolo che quest’ultimo subisca un’urbanizzazione non prevista o di tipo diverso da quella prevista [8].
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 116 pagine in formato A4

15,00 €