L'impugnazione della conferenza di servizi

E' contro il provvedimento dell'amministrazione che aveva indetto la conferenza di servizi che deve dirigersi l'impugnazione: gli altri o hanno carattere meramente endoprocedimentale ovvero non sono impugnabili se non unitamente al provvedimento conclusivo, risultando a tale scopo irrilevanti le modalità concrete con le quali la singola amministrazione abbia deciso di partecipare ai lavori della conferenza.

Alla luce del disposto di cui all'art. 49, comma 2, del d.l. n. 78/2010, conv. con l. n. 122/2010, che ha integralmente riscritto il comma 6-bis dell’art. 14-ter della l. n. 241/1990, inglobandovi il comma 9 dello stesso articolo, ora abrogato, è stato eliminato qualunque riferimento alla necessità del provvedimento finale. Pertanto, deve ritenersi s... _OMISSIS_ ...edente struttura dicotomica del modello della Conferenza di Servizi decisoria per cui nell’attuale assetto la determinazione finale della Conferenza rappresenta sia il momento terminale di questa, sia il provvedimento conclusivo del procedimento. Ne consegue che la determinazione conclusiva, avendo valore provvedimentale e non più di atto endoprocedimentale, è dotata di immediata lesività e, come tale, è immediatamente impugnabile.

La determinazione della conferenza di servizi, anche se di tipo decisorio, ha mera valenza endoprocedimentale, posto che solo la determinazione adottata dall'Amministrazione competente all'esito della conferenza, rappresenta il provvedimento conclusivo del procedimento e impugnabile in sede giurisdizionale.

Non ... _OMISSIS_ ... impugnabile la determinazione positiva assunta nell'ambito della conferenza di servizi prevista per l'approvazione dei progetti di smaltimento e di recupero dei rifiuti, dovendo piuttosto essere impugnato il provvedimento autorizzativo finale adottato dall'autorità competente in funzione del quale è chiamata ad esprimersi la conferenza di servizi.

Ai fini dell’impugnazione in sede giurisdizionale è necessaria la attuale e concreta lesività, e non anche la definitività, dell’atto amministrativo: pertanto, è ammissibile l'impugnazione del verbale di una conferenza di servizi in cui le Amministrazioni abbiano riversato la propria posizione sul progetto, esprimendo delle determinazioni che conformino il contenuto anche dei successivi atti e delle succ... _OMISSIS_ ...ostituendo il loro necessario presupposto giuridico ed operativo.

L'amministrazione in sede giurisdizionale può dedurre profili di doglianza anche diversi da quelli sollevati in sede di partecipazione alla conferenza: oopinando diversamente, invero, si limiterebbe indebitamente l’esercizio del diritto d’azione costituzionalmente garantito.

Le determinazioni assunte dalla conferenza di servizi decisoria rivestono natura endoprocedimentale, con la conseguenza che l’atto finale della conferenza viene poi fatto proprio dall’Amministrazione procedente con l'adozione del provvedimento finale che ha valenza esoprocedimentale ed esterna ed quello effettivamente va ad incidere sulla sfera giuridica degli interessati facendo sorge... _OMISSIS_ ...uo;interesse all’impugnazione.

È inammissibile il ricorso proposto avverso il verbale di una conferenza di servizi istruttoria.

È inammissibile il ricorso proposto contro il verbale della conferenza di servizi indetta dalla Capitaneria di Porto per l'acquisizione dei pareri delle amministrazioni coinvolte nel procedimento di rilascio della concessione demaniale marittima.

La violazione della disposizione della legge 241/1990 che impone di chiedere integrazioni documentali "una sola volta" nel corso della conferenza di servizi può essere dedotta unicamente dall'interessato e non dalle amministrazioni che abbiano presentato il proprio dissenso, poiché è una norma concepita ad esclusiva tutela della posizione ricopert... _OMISSIS_ ... sono interessati alla approvazione del progetto.

Alcun carattere lesivo può riscontarsi nella nota di convocazione di un “incontro tecnico preliminare” alla Conferenza di servizi per la localizzazione dell’opera pubblica, in quanto atto endoprocedimentale meramente preparatorio alla convocazione della Conferenza stessa, privo di alcuna immediata e concreta lesività.

Si rivela immediatamente e direttamente lesiva della sfera giuridica dei destinatari, in quanto idonea a comprimere il diritto di proprietà, la delibera di approvazione e localizzazione del progetto adottata all’esito della conferenza di servizi ex art. 10, comma 1, del d.p.r. 8 giugno 2001, n. 327, comportante la dichiarazione di pubblica utilità.

... _OMISSIS_ ... giurisdizionale va notificato a tutte le autorità amministrative partecipanti alla conferenza di servizi che abbiano adottato un atto che la parte ricorrente avrebbe avuto l'onere di impugnare autonomamente, se fosse stato emanato al di fuori della conferenza; tuttavia non rivestono qualifica di litisconsorti necessari quelle amministrazioni di cui non sia censurato l'esercizio delle attribuzioni amministrative.