Carrello
Carrello vuoto

vizi nella p.u.

 

TEMI degli articoli



Della domanda risarcitoria per irreversibile trasformazione del bene conosce il G.A.
Sussiste la giurisdizione del Giudice amministrativo in fattispecie in cui si controverta in tema di risarcimento del danno da irreversibile trasformazione dei beni qualora l’occupazione degli stessi, anche se protratta oltre i termini, sia comunque stata effettuata sulla base di una valida ed efficace dichiarazione di PU; ciò in quanto si tratta di comportamenti della P.A. connessi all'esercizio, anche in via mediata ed indiretta, dei pubblici poteri.

Sui casi di danni conseguenti all’annullamento della dichiarazione di pubblica utilità sussiste la giurisdizione del G.A.
Sussiste la giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo in caso di danni conseguenti all’annullamento della dichiarazione di pubblica utilità e, in generale, di un provvedimento amministrativo in tema di espropriazione per pubblica utilità.

Il risarcimento danni per annullamento giurisdizionale di un provvedimento amministrativo: giurisdizione e competenza
Sussiste la giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo in caso di danni conseguenti all’annullamento della dichiarazione di pubblica utilità e, in generale, di un provvedimento amministrativo in tema di espropriazione per pubblica utilità.

La giurisdizione nei casi di esproprio in cui manchi ab origine la dichiarazione di pubblica utilità
Nelle ipotesi in cui manchi del tutto una dichiarazione di pubblica utilità dell’opera e l’Amministrazione espropriante abbia agito nell’assoluto difetto di una potestà ablativa, le relative questioni sono devolute alla giurisdizione ordinaria.

Giurisdizione e competenza nelle questioni relative ad occupazione usurpativa del bene
La fattispecie in cui la dichiarazione di pubblica utilità non contenga l'indicazione dei termini per l'inizio ed il compimento delle espropriazioni e dell'opera (fattispecie di espropriazione cosiddetta "usurpativa"), è qualificabile come "comportamento" della Pubblica Amministrazione, da questa tenuto in carenza di potere, con la conseguenza che le domande risarcitorie e restitutorie relative a tale fattispecie sono attribuite alla cognizione della giurisdizione ordinaria

Nei casi di inesistenza e nullità della dichiarazione di pubblica utilità la giurisdizione è del G.O.
Spetta al giudice ordinario la giurisdizione in tema di danni cagionati dall'occupazione della proprietà privata da parte della pubblica amministrazione, nei casi in cui il decreto di espropriazione sia stato emesso in relazione ad un bene, la cui destinazione ad opera di pubblica utilità sia venuta meno, per sopravvenuta scadenza del suo termine di efficacia dopo lo spirare del termine di dichiarazione di pubblica utilità.

Lesione del diritto di proprietà dovuta ad esercizio di potere pubblico: giurisdizione e competenza
L’esercizio di un pubblico potere è dimostrato dalla presenza, ab origine, della dichiarazione di pubblica utilità, oltre che di successivi atti del procedimento ablativo, la cui eventuale illegittimità non esclude la giurisdizione amministrativa, cui sono sottratti solo i comportamenti tenuti in carenza di potere o in via di mero fatto.

Occupazione e trasformazione di un bene conseguenti a dichiarazione di pubblica utilità: giurisdizione e competenza
Della richiesta risarcitoria conseguente ad appropriazione di beni privati in assenza di decreto di occupazione e di esproprio, conosce il G.A., qualora l'Amministrazione abbia agito in forza di una dichiarazione di pubblica utilità derivante (nel caso di specie) dall'approvazione di accordo di programma.

Sufficiente prendere atto del provvedimento contenente la dichiarazione di p.u. per configurare la giurisdizione del G.A.
Va affermata la giurisdizione del GA relativamente alla domanda risarcitoria qualora l’occupazione, originariamente disposta iure, sia divenuta sine titulo per l’annullamento o la perdita di efficacia della dichiarazione di pubblica utilità, posto che il discrimine va individuato nella connessione dell’attività con l’esercizio di un potere pubblico.