Carrello
Carrello vuoto

edificabilità

 

TEMI degli articoli



Conseguenze derivanti dalla decadenza del vincolo di inedificabilità
Qualora il fondo rientri nell'ambito di una c.d. zona bianca di cui alla L. 10 del 1977, art. 4 non per questo ne può essere affermata la natura edificatoria traendola quale conseguenza automatica del criterio di ricognizione fondato sulla c.d. edificabilità di fatto.

Il regime di salvaguardia previsto per i Comuni sprovvisti di strumenti urbanistici
Il regime di salvaguardia previsto per i Comuni sprovvisti di strumenti urbanistici non si applica solo nel caso in cui manca del tutto un P.R.G., ma anche quando una zona sia stata espressamente stralciata in sede di approvazione del predetto strumento, risultando, in tal modo, specificamente priva di pianificazione.

Qualificazione di suoli destinati alla realizzazione di opere di viabilità
L'edificabilità legale va esclusa laddove, nello strumento urbanistico, la destinazione dell'area ad opere di viabilità sia stata funzionale ad una generale destinazione di zona e, quindi, effettuata nell'ambito del programma generale di sviluppo urbanistico, così assumendo contenuto conformativo della proprietà privata, essendo la zona concretamente vincolata da un utilizzo pubblicistico.

Determinare l’effettiva potenzialità edificatoria di un lotto urbanistico
Per determinare l’effettiva potenzialità edificatoria di un lotto urbanistico, occorre aver riguardo alla sua connotazione geneticamente unitaria ed al suo asservimento a precedenti costruzioni; cosicché la verifica di fabbricabilità della porzione di fondo rimasta inedificata e la quantificazione della cubatura su di essa utilizzabile deve incentrarsi sulla potenzialità edificatoria diminuita della volumetria dei fabbricati già realizzati sull'unica, complessiva area.

Le metodologie di computo dell'altezza degli edifici
Le prescrizioni dettate dagli strumenti urbanistici in tema di altezza e di volumetria degli edifici sono dirette a tutelare, in una visione organica e globale della zona, quegli specifici valori urbanistico - edilizi (aria, luce, vista) sui quali incidono tutti i volumi che, sporgendo al di sopra della linea naturale del terreno, modificano in modo permanente la conformazione del suolo e dell'ambiente.

Indici medi di edificabiliità per determinare le indennità per fondi espropriati a fini p.e.e.p.e p.i.p.
Il valore di mercato dei fondi inclusi nel PEEP occupati illegittimamente, ai fini della liquidazione del danno, deve essere determinato non sulla base dell'attitudine edificatoria espressa dalle previsioni del piano regolatore generale, ma all'indice medio di edificabilità contemplato dal p.e.e.p., sulla base dell'efficacia conformativa della relativa previsione, avente portata di variante rispetto a quelle dello strumento urbanistico generale.

Edificabiità della Zona Territoriale Omogenea e pagamento I.C.I.
Correttamente le zone F4 di PRG, destinate a Servizi Pubblici con indice 2,00 mc/mq, pur essendo soggette ad esproprio da parte dell'Amministrazione, sono ritenute dal Comune soggette al pagamento dell'ICI, con gli opportuni abbattimenti in considerazione della particolare destinazione a servizi pubblici che certamente influenza il mercato immobiliare della zona.

Vincolo di inedificabilità paesistico-ambientale
Il vincolo cimiteriale di inedificabilità viene ad imporsi ex sé, con efficacia diretta ed immediata, indipendentemente da qualsiasi recepimento in strumenti urbanistici.