Carrello
Carrello vuoto

presupposti

 

TEMI degli articoli



Il rilascio dei titoli edilizi presuppone che essi siano conformi alla pianificazione urbanistica
I principi di programmazione in materia urbanistica impongono in via generale che le modifiche del territorio e dell’edificato siano conformi o compatibili con la pianificazione anche solo adottata, salvo che la pianificazione attuativa o il titolo edilizio siano legittimamente perfezionati in epoca antecedente, sì da ingenerare situazioni di affidamento meritevoli di tutela in forza del concorrente principio di certezza dell’azione amministrativa.

La compatibilità culturale nel rilascio del titolo edilizio
Nei confronti di un bene culturale situato in posizione ravvicinata ad immobili privati le aspettative di questi ultimi a modificare lo stato dei luoghi sono inevitabilmente recessive, non solo se le nuove opere si collocano fuori scala ma anche se hanno una consistenza materiale sufficiente a entrare in conflitto con lo spazio del bene culturale.

Titolo edilizio, presupposti, competenza del progettista
Rientra nella prestazione dovuta dal tecnico incaricato della redazione di un progetto edilizio, in quanto attività strumentalmente preordinata alla concreta attuazione dell'opera, l'obbligo di assicurare la conformità del medesimo progetto alla normativa urbanistica e di individuare in termini corretti la procedura amministrativa da utilizzare, così da garantire la preventiva soluzione dei problemi che precedono e condizionano la realizzazione dei lavori richiesti dal committ ...

Presupposti del titolo edilizio: disponibilità del bene
La funzione autorizzatoria dell'Amministrazione richiede un livello minimo di istruttoria che comprende anche l'acquisizione di tutti gli elementi sufficienti a dimostrare la sussistenza di un qualificato collegamento soggettivo tra chi propone l'istanza e il bene giuridico oggetto dell'autorizzazione, senza che l'esame del titolo di godimento operato dalla P.A. costituisca un'illegittima intrusione in ambito privatistico.

Presupposti del titolo edilizio: accesso alla via pubblica
La concreta disponibilità di una via di accesso alla strada pubblica è pacificamente considerata condizione per il rilascio del titolo edilizio.

Presupposti del titolo edilizio: autorizzazione paesaggistica
Le opere che realizzano una trasformazione edilizia e urbanistica del territorio in area assoggettata a vincolo paesaggistico, anche comportanti l’incremento dei volumi e delle superfici esistenti, richiedono la previa acquisizione del permesso di costruire e, comunque, dell’autorizzazione paesaggistica.

Presupposti del titolo edilizio: densità edilizia
Un'area edificabile, già interamente considerata in occasione del rilascio di una concessione edilizia agli effetti della volumetria realizzabile, non può essere più tenuta in considerazione come area libera, neppure parzialmente, ai fini del rilascio di una seconda concessione, nella perdurante esistenza del primo edificio, essendo irrilevanti le vicende inerenti alla proprietà dei terreni.

Presupposti del titolo edilizio: conformità urbanistica
Gli immobili destinati a servizi dagli atti di pianificazione urbanistica (primari o secondari) devono mantenere tale destinazione (salva una motivata, successiva variante in senso contrario), e non possono essere rilasciati -né mantenuti fermi- titoli abilitativi, comunque denominati, volti a dare ai medesimi immobili una destinazione incompatibile con quella individuata in sede di pianificazione.

Presupposti del titolo edilizio: nulla osta vari
I provvedimenti di sanatoria in materia edilizia ed urbanistica necessitano, per regola generale, di una forma espressa e non già tacita di manifestazione di volontà delle Amministrazioni coinvolte nel rilascio dell’atto di assenso, salvo ipotesi derogatorie introdotte in particolari settori dal Legislatore con disposizioni normative ad hoc.

Presupposti del titolo edilizio: opere di urbanizzazione
I privati non possono vantare alcuna pretesa con riferimento agli interventi di manutenzione delle opere di urbanizzarne dopo che queste siano state prese in carico dall'amministrazione pubblica essendo rimessa a quest’ultima ogni scelta relativa alla manutenzione di opere entrate nella sua disponibilità e tanto con riguardo all’an, al quando e al quomodo delle prestazioni eventualmente a farsi.

Presupposti del titolo edilizio: parcheggio
L’identificazione della superficie da utilizzare a parcheggio costituisce condizione essenziale sia per il rilascio della concessione edilizia, sia per la costituzione del vincolo reale di destinazione, integrante limitazione legale della proprietà per scopo di pubblico interesse (che può essere conseguito non necessariamente attraverso il trasferimento della proprietà dello spazio destinato a parcheggio, ma anche mediante la costituzione del diritto reale d'uso), con la ...

Presupposti del titolo edilizio: parere della commissione edilizia
Non occorre il parere della commissione edilizia comunale e della commissione edilizia integrata allorché il responsabile si limiti a operare delle valutazioni giuridiche e non tecniche e conseguendo obbligatoriamente il diniego alla mera verifica della sussistenza di taluni presupposti.

Presupposti del titolo edilizio: pianificazione attuativa
Laddove lo strumento urbanistico generale preveda che la sua attuazione debba aver luogo mediante un piano di livello inferiore, il rilascio del titolo edilizio può essere legittimamente disposto solo dopo che lo strumento esecutivo sia divenuto perfetto ed efficace. In presenza di una normativa urbanistica generale che preveda per il rilascio del titolo edilizio in una determinata zona l’esistenza di un piano attuativo, non è consentito superare tale prescrizione facendo leva sulla situazione

Presupposti del titolo edilizio
L’avvenuta edificazione di un’area e la situazione di compromissione di una zona vincolata ad opera di preesistenti realizzazioni impone, per la legittimità dell’azione amministrativa, che i nuovi interventi non rechino ulteriore pregiudizio all'ambiente protetto.

Rapporto tra titolo edilizio ed autorizzazione paesaggistica
L'autorizzazione paesaggistica costituisce atto autonomo e presupposto rispetto al permesso di costruire, che si sostanzia in un rapporto di presupposizione necessitato e strumentale tra valutazioni paesistiche e urbanistiche, nel senso che questi due apprezzamenti si esprimono entrambi sullo stesso oggetto, l’uno, in termini di compatibilità paesaggistica dell’intervento edilizio proposto e, l’altro, in termini di sua conformità urbanistico-edilizia.