Carrello
Carrello vuoto

PATRIMONIO PUBBLICO 5/2018

Raccolta di giurisprudenza in materia di demanio, patrimonio e beni pubblici



 
titolo: PATRIMONIO PUBBLICO 5/2018
sottotitolo: Raccolta di giurisprudenza in materia di demanio, patrimonio e beni pubblici
area/e tematica/che: patrimoniopubblico
data: Settembre-Ottobre 2018
testo in formato: pdf  
pagine: 135 in formato A4 (cm 21X29,7), corrispondenti a 230 in formato libro (cm 17X24)
 
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona
vai al sommario
vai all'abstract e alla descrizione
segnala ad un amico
SCARICA GRATIS ALCUNE PAGINE

editore: Exeo
collana: osservatorio di giurisprudenza
numero in collana: 330
issn: 2239-8015
sigla: PAT47
categoria: PATRIMONIO PUBBLICO
tipologia: raccolta
genere: annuario/agenda/rivista
altezza: cm 29,7
larghezza: cm 21
dimensione: A4
funzioni permesse: stampa=SI - copia incolla=SI
protezione: digital watermarking
disponibità: illimitata
destinatari: professionale accademico
soggetto: diritto
consigliato da :   
 
prezzo:
€ 20,00

 GUARDA LA COPERTINA ANTERIORE      

Selezione delle notizie più lette - derivanti dalla giurisprudenza in materia di demanio, patrimonio e beni pubblici - pubblicate nel bimestre di riferimento dalla rivista telematica www.patrimoniopubblico.it. Alle massime/sintesi sono associati i brani pertinenti originali delle sentenze a cui si riferiscono

IL SUBINGRESSO NELLA CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA È NECESSARIAMENTE CONDIZIONATO DA UNA ESPRESSA E POSITIVA DETERMINAZIONE DI ACCOGLIMENTO

I BENI DEMANIALI NELLA DISPONIBILITÀ DEI CONSORZI DI BONIFICA PER L'ESPLETAMENTO DELLA LORO ATTIVITÀ ISTITUZIONALE SONO ASSOGGETTATI AD ICI

LE STRADE FERRATE INCLUSE NEL DEMANIO PUBBLICO COMPRENDONO IL SUOLO E LE ESSENZIALI STRUTTURE NECESSARIE AL FUNZIONAMENTO DELLA LINEA

LA DEMANIALITÀ DEI PERCORSI PEDONALI APPARTENENTI AI COMUNI VA ESCLUSA NEL CASO IN CUI LA STRADA, ANCHE SE PROGETTATA, NON SIA STATA REALIZZATA

LA SDEMANIALIZZAZIONE DEVE RISULTARE DA ATTI UNIVOCI E CONCLUDENTI INCOMPATIBILI CON LA VOLONTÀ DI CONSERVARE LA DESTINAZIONE DEL BENE ALL'USO PUBBLICO

GLI INCENTIVI ECONOMICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTE RINNOVABILE NON CONCERNONO LE ACQUE PUBBLICHE E NON RIENTRANO NELLA COGNIZIONE DEL TSAP

LA PRESUNZIONE DI DEMANIALITÀ VALE SOLO PER LE AREE CHE INTEGRANO LA FUNZIONE VIARIA DELLA RETE STRADALE, COSTITUENDONE UNA PERTINENZA

PER IL PATRIMONIO CULTURALE DI PROPRIETÀ PUBBLICA SI PRESUME L'INTERESSE STORICO ED ARTISTICO FINO ALLA VERIFICA DA PARTE DEI COMPETENTI ORGANI DEL MINISTERO

IL TERRENO DI SEDIME SOTTOSTANTE AD UN VIADOTTO AUTOSTRADALE E LE AREE IMMEDIATAMENTE CONTIGUE HANNO NATURA DI PUBBLICISTICA DI PERTINENZA

UNA STRADA PRIVATA DIVENTA SOGGETTA A SERVITÙ DI USO PUBBLICO SOLO CON UNA CONVENZIONE TRA IL PROPRIETARIO E L'ENTE PUBBLICO O PER USUCAPIONE

DISTANZA DAGLI ARGINI DI CORSI D'ACQUA: LE DEROGHE LOCALI PREVALGONO SUL R.D. 523/1904 SOLO SE ESPRESSAMENTE DEDICATE A TALE REGOLAMENTAZIONE

LA NATURA PRIVATA DELLA STRADA NON È DI PER SÈ SUFFICIENTE AD ESCLUDERE LA RESPONSABILITÀ DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE PER NEGLIGENTE MANUTENZIONE

LA RESPONSABILITÀ PER I DANNI AGLI UTENTI DI BENI DEMANIALI DI RILEVANTE ESTENSIONE PUÒ ESSERE ESCLUSA SOLO SE È PROVATA LA CONCRETA IMPOSSIBILITÀ DI ESERCITARE LA CUSTODIA

GIURISDIZIONE ORDINARIA SULLA CONTROVERSIA SORTA A SEGUITO DELLA DELIMITAZIONE DI UN'AREA CON VARIAZIONE CATASTALE DI IMMOBILI PRIVATI RICADENTI IN AREA DEMANIALE MARITTIMA

È ARBITRARIA L'OCCUPAZIONE DEL DEMANIO MARITTIMO OLTRE LA SCADENZA DELLA CONCESSIONE SINO AL RILASCIO DELLA NUOVA, PUR SE GIÀ RICHIESTA

IL CONCETTO DI INTERCLUSIONE TOTALE DI UN FONDO RISPETTO ALLA PUBBLICA VIA PRESCINDE DALLE FORME DI PASSAGGIO E DALLA DIMENSIONE DEI VEICOLI

LA MERA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA NON COSTITUISCE TITOLO PER L'OCCUPAZIONE PROVVISORIA DI SUOLO PUBBLICO

L'UTILIZZO DELL'ACQUA DI UN FIUME IN MISURA SUPERIORE A QUANTO STABILITO NELL'ATTO DI CONCESSIONE CONFIGURA IL REATO DI FURTO AGGRAVATO EX ART. 625 C.P. N. 7

LA CONTROVERSIA SULLA COSTITUZIONE DI SERVITÙ SOTTERRANEA DI ACQUEDOTTO MEDIANTE ASSERVIMENTO RIGUARDA DIRITTI SOGGETTIVI: GIURISDIZIONE AL TRAP

IL DELITTO DI INVASIONE DI TERRENI DEMANIALI DI CUI AGLI ARTT. 633 E 639 COD. PEN. HA NATURA PERMANENTE

L'ATTO DI DECLASSIFICAZIONE NON DETERMINA DI PER SÉ LA PERDITA DELL'USO PUBBLICO DELLA STRADA, SE ESSA RESTA IDONEA A TALE USO

L'OBBLIGO DI NOTIFICA DELL'ATTRIBUZIONE O MODIFICA DI RENDITA AL CONCESSIONARIO DI AREA DEMANIALE MARITTIMA SOGGETTO PASSIVO ICI SUSSISTE SOLO SE ESSO NE È INTESTATARIO CATASTALE

GIURISDIZIONE AMMINISTRATIVA SE LA QUESTIONE RELATIVA ALLA DEMANIALITÀ DEL BENE È PRESUPPOSTO PER L'ESERCIZIO DEL POTERE DISCREZIONALE DI AUTOTUTELA DELLA P.A.

L'ESCLUSIONE DA RESPONSABILITÀ CIVILE DELL'ENTE PREPOSTO PER OGGETTIVA IMPOSSIBILITÀ DELLA CUSTODIA NON PUÒ AFFERMARSI PER I SENTIERI ESCURSIONISTICI SEGNATI

LA L. 448/1998, ART. 31, COMMA 21, CONSENTE LA TRASCRIZIONE DELLA PROPRIETÀ A FAVORE DEL DEMANIO STRADALE LADDOVE SUSSISTA IL CONSENSO DEI PROPRIETARI

IL CONDOMINIO CHE SOSTITUISCE CON GRIGLIE UNA PARTE DEL PIANO DI CALPESTIO DI UN'AREA GRAVATA DA SERVITÙ PUBBLICA DI PASSAGGIO È OBBLIGATO A PAGARE IL COSAP

IL GESTORE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO DEVE DIMOSTRARE L'ESISTENZA DI UN IMPIANTO DI DEPURAZIONE FUNZIONANTE PER PRETENDERE LA RISCOSSIONE DELLA TARIFFA

IL TITOLARE DI CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA HA UN DIRITTO REALE SUL BENE CONCESSO E PUÒ TUTELARLO IN SEDE GIUDIZIARIA E PRESSO LA CAPITANERIA DI PORTO

LA REALIZZAZIONE DI OPERE SENZA TITOLO EDILIZIO SU SUOLO DEMANIALE MARITTIMO INTEGRA LA FATTISPECIE DI CUI ALL'ART. 35 DEL D.P.R. 380/2001

ANCHE SE IL REGOLAMENTO DI PORTO AMMETTE I PONTILI GALLEGGIANTI L'AMMINISTRAZIONE NON È OBBLIGATA AD AUTORIZZARLI

È ABUSIVA L'OCCUPAZIONE DEL DEMANIO MARITTIMO DOPO LA SCADENZA DEL PROVVEDIMENTO ABILITATIVO

PER LE OPERE ABUSIVE REALIZZATE SUL DEMANIO E IN ZONA SOGGETTA A VINCOLO AMBIENTALE È DOVEROSA LA DEMOLIZIONE D'UFFICIO DI TUTTI GLI INTERVENTI

LA CONCESSIONE DEMANIALE PROVVISORIA EX ART. 10 REGOLAMENTO C.N. CESSA DI DIRITTO AL TERMINE DEL PROCEDIMENTO DI RINNOVO

LA P.A. È LEGITTIMATA AD ESTINGUERE IL RAPPORTO CONCESSORIO ANCHE DOPO L'APERTURA DEL CONCORDATO O LA DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO NEI CONFRONTI DEL CONCESSIONARIO

GIURISDIZIONE AMMINISTRATIVA SULLE VALUTAZIONI TECNICO-DISCREZIONALI AL FINE DI STABILIRE IL CARATTERE O MENO DI PERTINENZA DEMANIALE MARITTIMA DI UN IMMOBILE

LA CONCESSIONE DI SERVIZI DI BALNEAZIONE, RISTORAZIONE, ASSISTENZA AI BAGNANTI E PULIZIA DELLE SPIAGGE E DELLE DUNE È ESCLUSA DALLA PROROGA EX D.L. 194/2009

IL PARERE DELLA COMPETENTE AUTORITÀ MARITTIMA NEL RILASCIO REGIONALE DELLE CONCESSIONI PORTUALI VALE PER LA PROCEDURA ORDINARIA EX ART. 36 COD. NAV. NON PER QUELLA D'URGENZA EX ART. 38

È ILLEGITTIMO IL PROVVEDIMENTO DI DECADENZA DI UNA CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA MOTIVATO DALL'INTERVENUTO FALLIMENTO DEL CONCESSIONARIO

GIURISDIZIONE ESCLUSIVA DEL G.A. SULLE CONTROVERSIE SCATURITE DALL'IMPUGNAZIONE DI PROVVEDIMENTI CHE DICHIARANO LA DECADENZA DALLA CONCESSIONE DI BENI PUBBLICI

STRADA VICINALE PUBBLICA: DEVE SUSSISTERE IL PASSAGGIO COLLETTIVO DI INTERESSE GENERALE E UN TITOLO VALIDO A FONDAMENTO DEL DIRITTO DI USO PUBBLICO

DEVE ESCLUDERSI OGNI DIPENDENZA TRA IL PERMESSO DI COSTRUIRE, L'AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA E LA CONCESSIONE DEMANIALE

IL REATO DI IMPOSSESSAMENTO ILLECITO DI BENI CULTURALI APPARTENENTI ALLO STATO NON RICHIEDE L'ACCERTAMENTO DELL'INTERESSE CULTURALE

LA VALUTAZIONE COMPETITIVA FRA LE DOMANDE DI CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA CONCORRENTI EX D.P.R. 509/97 NON RICHIEDE LA PREVENTIVA PROCEDURA DI VIA O VAS

NELLE CONCESSIONI DEMANIALI MARITTIME CON REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE DA PARTE DEL CONCESSIONARIO IL CANONE RIGUARDA SOLO L'UTILIZZO DEL SUOLO E NON ANCHE I MANUFATTI

PER LE OPERE ESEGUITE DA PRIVATI IN AREE DEL DEMANIO MARITTIMO SONO NECESSARI SIA LA CONCESSIONE DEMANIALE CHE IL PERMESSO DI COSTRUIRE

NON PUÒ CONFIGURARSI ALCUNA IPOTESI DI SILENZIO ASSENSO NELLA PENDENZA DEL PROCEDIMENTO DI RICHIESTA DI CONCESSIONE OSP

IL PAGAMENTO DEGLI ORMEGGI DA PARTE DEI SOCI NON PRECLUDE IL DIRITTO AL CANONE RICOGNITORIO

IN MATERIA DI PORTI LA NORMATIVA REGOLAMENTARE STATALE QUALE IL DPR N. 509/1997 CEDE IL PASSO ALLA LEGISLAZIONE REGIONALE, OVE AD ESSA NON CONFORME

LA DECADENZA DALLA CONCESSIONE CIMITERIALE PER L'INUTILE DECORSO DEL TEMPO PREVISTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN'OPERA FUNERARIA OPERA AUTOMATICAMENTE

IL LIDO E LA SPIAGGIA SONO NECESSARIAMENTE INCLUSI NEL DEMANIO MARITTIMO, MENTRE L'ARENILE PRESUPPONE L'ATTITUDINE POTENZIALE A REALIZZARE I PUBBLICI USI DEL MARE

I NUOVI CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE CONCESSIONI CIMITERIALI RENDONO INEFFICACI LE ISTANZE PENDENTI

LA CONFERMA DELLA PROROGA DI CUI AL D.L. 194/2009 EX ART. 24 COMMA 3 SEPTIES, D.L. 113/2016 PRESUPPONE L'ESISTENZA DI UN RAPPORTO CONCESSORIO GIÀ INSTAURATO

OCCUPAZIONE DI AREA DEMANIALE MARITTIMA PER UNA SUPERFICIE MAGGIORE DI QUELLA AUTORIZZATA: IL REATO CESSA CON LO SGOMBERO DELL'AREA O CON LA CONCESSIONE IN SANATORIA

NELL'ISTITUZIONE DEI CONSORZI OBBLIGATORI STRADE VICINALI IL CONSIGLIO COMUNALE PUÒ DISATTENDERE LA GIUNTA

LA STRADA PRIVATA CHE COLLEGA FRA LORO DUE FRAZIONI COMUNALI È NECESSARIAMENTE DI USO PUBBLICO

L'OBBLIGO DI SMONTARE LA STRUTTURA BALNEARE AL TERMINE DELLA STAGIONE È LEGITTIMO SE ADEGUATAMENTE MOTIVATO

AL CUSTODE DEL CIMITERO SONO PER LEGGE ATTRIBUITI COMPITI PUBBLICISTICI DI VIGILANZA E DI TENUTA DEL REGISTRO DELLE OPERAZIONI RELATIVE AI CADAVERI

SENZA LA PROVA CERTA ED INCONTROVERTIBILE DELLA PROPRIETÀ PUBBLICA DEL SEDIME, IL COMUNE NON PUÒ REPRIMERE L'ABUSO EX ART. 35 T.U. EDILIZIA

CHI SUBENTRA A UN ASCENDENTE NEL POSSESSO DI UN BENE DEMANIALE NON COMMETTE IL DELITTO DI INVASIONE DI TERRENI O DI EDIFICI

PER LA CONFIGURABILITÀ DEL REATO DI ABUSIVA OCCUPAZIONE DI SPAZIO DEMANIALE MARITTIMO NON È NECESSARIA LA PREVENTIVA EMANAZIONE DELL'ORDINANZA DI SGOMBERO

PER I BENI DI INTERESSE STORICO E ARTISTICO ILLECITAMENTE TRASFERITI ALL'ESTERO VA DISPOSTA LA CONFISCA ANCHE SE IL PRIVATO NON HA RIPORTATO CONDANNA

PER INTEGRARE IL REATO DI CUI ALL'ART 1161 C.N. LA PROROGA EX D.L. 194/2009 DEVE RIGUARDARE UNA CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA VALIDA ED EFFICACE

L'OBBLIGO DI RIMUOVERE LE STRUTTURE BALNEARI AL TERMINE DELLA STAGIONE ESTIVA DEVE ESSERE RIGOROSAMENTE MOTIVATO

IL CATASTO NON È DECISIVO PER ESCLUDERE LA PROPRIETÀ PUBBLICA O L'USO PUBBLICO DI UN'AREA

LA BATTIGIA NON PUÒ ESSERE DATA IN CONCESSIONE NEPPURE LADDOVE LA BALNEAZIONE SIA VIETATA

PER IL REATO DI IMPOSSESSAMENTO DI BENI CULTURALI EX ART. 176 D.LGS. 42/2004 È NECESSARIO UN FORMALE PROVVEDIMENTO DELLA P.A. CHE NE DICHIARI L'INTERESSE

PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI INCOMPATIBILE CON L'ART. 42-BIS TUES

VA RIMOSSA LA SBARRA PRIVATA CHE APRENDOSI INVADE LA STRADA COMUNALE

IL CONCESSIONARIO NON HA DIRITTO DI ESSERE RISARCITO PER L'OMESSA MANUTENZIONE DEL PORTO DA PARTE DELL'AUTORITÀ

PER ANNULLARE LA CONCESSIONE AFFIDATA SENZA GARA È SUFFICIENTE UNA MOTIVAZIONE SINTETICA

SOPPRESSIONE DEI PASSAGGI A LIVELLO: NESSUNO PUÒ ESSERE INTERCLUSO

LA QUANTIFICAZIONE DEL CANONE DI OCCUPAZIONE STRADALE DEVE ESSERE SUPPORTATA DA CONTEGGI APPROPRIATI

LA STRUTTURA SUL SUOLO PUBBLICO DEVE RISPETTARE I DUE METRI ANCHE DALL'ANSA PER IL COLLOCAMENTO DEI CASSONETTI

IL RINNOVO DELLA CONCESSIONE, DIVERSAMENTE DALLA PROROGA, COMPORTA L'ACQUISIZIONE DELLE OPERE REALIZZATE

LO SPAZIO ANTISTANTE AD UN SERVIZIO PUBBLICO PUÒ ESSERE CONCESSO A TERZI NELLE ORE IN CUI IL SERVIZIO RIMANE CHIUSO

LA CONCESSIONE DI SUOLO PUBBLICO NON COSTITUISCE TITOLO EDILIZIO IMPLICITO

LA DICATIO AD PATRIAM PUÒ SCATURIRE DALL'ADEMPIMENTO DI UNA CONVENZIONE DI LOTTIZZAZIONE