Carrello
Carrello vuoto

PATRIMONIO PUBBLICO 1/2019

Raccolta di giurisprudenza in materia di demanio, patrimonio e beni pubblici



 
titolo: PATRIMONIO PUBBLICO 1/2019
sottotitolo: Raccolta di giurisprudenza in materia di demanio, patrimonio e beni pubblici
area/e tematica/che: patrimoniopubblico
data: Gennaio-Febbraio 2019
testo in formato: pdf  
pagine: 154 in formato A4 (cm 21X29,7), corrispondenti a 262 in formato libro (cm 17X24)
 
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona
vai al sommario
vai all'abstract e alla descrizione
segnala ad un amico

editore: Exeo
collana: osservatorio di giurisprudenza
numero in collana: 337
issn: 2239-8015
sigla: PAT49
categoria: PATRIMONIO PUBBLICO
tipologia: raccolta
genere: annuario/agenda/rivista
altezza: cm 29,7
larghezza: cm 21
dimensione: A4
funzioni permesse: stampa=SI - copia incolla=SI
protezione: digital watermarking
disponibità: illimitata
destinatari: professionale accademico
soggetto: diritto
consigliato da :   
 
prezzo:
€ 20,00

 GUARDA LA COPERTINA ANTERIORE      

Selezione delle notizie più lette - derivanti dalla giurisprudenza in materia di demanio, patrimonio e beni pubblici - pubblicate nel bimestre di riferimento dalla rivista telematica www.patrimoniopubblico.it. Alle massime/sintesi sono associati i brani pertinenti originali delle sentenze a cui si riferiscono

DEVE ESCLUDERSI L'USO PUBBLICO QUANDO IL PASSAGGIO VENGA ESERCITATO SOLO DAI PROPRIETARI DI FONDI IN FORZA DELLA PARTICOLARE UBICAZIONE DEGLI STESSI

UN GIUDICATO NON INFLUENZA IL RILASCIO DI CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA SE NON SI ESPRIME SULLA NECESSITÀ DI PROCEDERE AD EVIDENZA PUBBLICA

LA VIGILANZA E LA TUTELA DEL DEMANIO MARITTIMO RIENTRA NELLE COMPETENZE DEL COMUNE E SPETTA ANCHE ALLA POLIZIA MUNICIPALE

NEL DISTACCO DI COMUNI PER I BENI DEMANIALI SI VERIFICA UNA SUCCESSIONE A TITOLO PARTICOLARE, NELL'ESTINZIONE DELL'ENTE PREESISTENTE A TITOLO UNIVERSALE

IL PROVVEDIMENTO DI SCLASSIFICAZIONE DEL DEMANIO MARITTIMO È CONNOTATO DA ACCENTUATI PROFILI DI DISCREZIONALITÀ SULL'UTILIZZO DELL'AREA

LA SDEMANIALIZZAZIONE TACITA DEL DEMANIO IDRICO È RAVVISABILE SOLO IN PRESENZA DI MANIFESTAZIONI INEQUIVOCABILI DI VOLONTÀ DELLA P.A.

IN ASSENZA DI STRUMENTO URBANISTICO IN VIGORE, I PRIVATI DEVONO COMUNQUE RISPETTARE LE FASCE DI RISPETTO STRADALI EX ART. 28, COMMA 1, D.P.R. 495/1992

LA NATURA DEMANIALE DI UN BENE CONCESSO IN USO A TERZI È DI PER SÉ DEL TUTTO IRRILEVANTE AI FINI DELL'ASSOGGETTAMENTO DELLA RELATIVA AREA A TARSU

È LEGITTIMO NON ASSUMERE INTESE CON IL CONCESSIONARIO AUTOSTRADALE IN REGIME DI PROROGATIO

LA VARIAZIONE DEI CRITERI DI CALCOLO DEI CANONI DI BENI DEMANIALI MARITTIMI NON È UNA DECISIONE ARBITRARIA E NON VIOLA L'ATTIVITÀ D'IMPRESA

GIURISDIZIONE AMMINISTRATIVA SULLA CONTROVERSIA INTRODOTTA DA UN UTENTE DEL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO CHE NE CONTESTI ORGANIZZAZIONE E TARIFFE

IL TITOLARE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE, GRAVANTE SU SUOLO DEMANIALE, È SOGGETTO ALL'ICI FIN DAL MOMENTO IN CUI L'IMPOSTA FU ISTITUITA

UN TERRENO SUL QUALE SORGEVA UNA STRADA FERRATA POI DISMESSA NON PUÒ APPARTENERE AL DEMANIO ACCIDENTALE, MA AL PATRIMONIO DISPONIBILE O INDISPONIBILE

IL CANONE PER LA CONCESSIONE DI SPAZI DEMANIALI HA LA SUA FONTE NON NEL PROVVEDIMENTO FORMALE, BENSÌ NELL'EFFETTIVO UTILIZZO DELLO SPAZIO DEMANIALE

IN CASO DI COESISTENZA NELLO STESSO CORSO D'ACQUA DI PIÙ DERIVAZIONI LA P.A. DEVE FISSARE IL COMPENSO CHE L'UTENTE A VALLE DEVE CORRISPONDERE A QUELLO A MONTE

I PROPRIETARI FRONTISTI AD UNA STRADA PRIVATA SOGGETTA A SERVITÙ DI USO PUBBLICO NON POSSONO APRIRE ACCESSI DIRETTI AD ESSA DAI LORO FONDI

LA RESPONSABILITÀ DELLA P.A. EX ART. 2051 C.C. PER LE STRADE È ESCLUSA DA EVENTI CREATI DA TERZI NON ELIMINABILI CON IMMEDIATEZZA O DA CASI FORTUITI

L'ALLOGGIO DI SERVIZIO ASSEGNATO IN CONCESSIONE EX ART. 3 L. 329/1949 PUÒ ESSERE ATTRIBUITO AL CONIUGE DIVORZIATO AFFIDATARIO DELLA PROLE

IN CASO DI CONCESSIONE DEMANIALE DI UN BENE VIENE MENO IL DIRITTO ALL'ESENZIONE ICI SU DI ESSO EX ART. 7 D.LGS. 504/1992

SONO ILLEGITTIMI GLI ATTI REGIONALI CHE PREVEDANO IL PAGAMENTO DI CANONI PER L'ATTRAVERSAMENTO DEL DEMANIO IDRICO CON IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE

L'IMMOBILE ABUSIVO ACQUISITO DAL COMUNE RIENTRA NEL PATRIMONIO INDISPONIBILE SE NE VIENE DELIBERATA LA DESTINAZIONE AD UN PUBBLICO SERVIZIO

BENI DEL DEMANIO E DEL PATRIMONIO INDISPONIBILE: VIGE IL CONCETTO DI PROPRIETÀ-FUNZIONE E NON DI DOMINIUM

L'INCERTEZZA DEL CONFINE DEMANIALE RENDE ILLEGITTIMO LO SGOMBERO DISPOSTO SENZA PROCEDIMENTO DI DELIMITAZIONE

LA NECESSITÀ DI LAVORI IDRAULICI GIUSTIFICA LA DELOCALIZZAZIONE DELLA CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA

NON SUSSISTE SUCCESSIONE DELLE AGENZIE FISCALI AL MINISTERO DELLE FINANZE EX ART. 110 CPC DATO CHE QUESTO MANTIENE LE FUNZIONI IN MATERIA DI ENTRATE

I CANONI DEMANIALI SONO UN'OBBLIGAZIONE DA SODDISFARSI ANNUALMENTE: IL CREDITO SI PRESCRIVE IN 5 ANNI EX ART. 2948, N. 4, COD. CIV.

GIURISDIZIONE DEL TSAP SULL'IMPUGNAZIONE DI ATTI DI UN ENTE RELATIVI AL CORSO DELLE ACQUE, ALLA REGIMAZIONE O ALL'OPPORTUNITÀ DI RILASCIO DI CONCESSIONI

IN CASO DI TRASLAZIONE DEI BENI OGGETTO DI UNA CONCESSIONE DEMANIALE, IL NUOVO TITOLARE PUÒ SUBENTRARVI SENZA IL CONSENSO DEL PRECEDENTE TITOLARE

ANCHE I BENI NON COPERTI DA MAREGGIATE ORDINARIE RIENTRANO NEL DEMANIO MARITTIMO SE NECESSARIAMENTE ADIBITI AD USI ATTINENTI ALLA NAVIGAZIONE

SUI TERRENI GRAVATI DA USO CIVICO SUSSISTE IL VINCOLO PAESAGGISTICO SENZA LA NECESSITÀ DI QUALSIVOGLIA ALTRO PROVVEDIMENTO DICHIARATIVO

IL DECRETO PENALE DI CONFISCA DEI BENI SEQUESTRATI ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA LI ASSIMILA AI BENI DEMANIALI O DEL PATRIMONIO INDISPONIBILE

L'ORDINANZA DI DEMOLIZIONE DI UN IMMOBILE ABUSIVO SU DEMANIO MARITTIMO PRESCINDE DALLA BUONA FEDE DELLA PARTE PRIVATA E DALLA RISALENZA NEL TEMPO DELLA COSTRUZIONE

LA SPIAGGIA LACUALE VA INDIVIDUATA SPECIFICAMENTE PER OGNI SINGOLO TRATTO DELLA RIVA IN RELAZIONE AL SODDISFACIMENTO DELLE ESIGENZE DELLA COLLETTIVITÀ

È ONERE DI CHI HA COMMESSO UN ABUSO EDILIZIO PROVARE CHE ALL'EPOCA DELLA COSTRUZIONE IL FABBRICATO NON RICADEVA ENTRO 150 M. DAL DEMANIO MARITTIMO

LE MAPPE CATASTALI COSTITUISCONO IDONEO SUPPORTO ISTRUTTORIO PER INDIVIDUARE EVENTUALI CASI D'ILLEGITTIMA OCCUPAZIONE DEI BENI DEMANIALI MARITTIMI

LE SOMME RICHIESTE DAL COMUNE DI VENEZIA PER SOSTARE CON I MEZZI GRAN TURISMO SUGLI APPRODI PUBBLICI NON HANNO NATURA DI TASSA O CANONE

LA RESPONSABILITÀ PER I DANNI CAGIONATI DA UN BENE DEL DEMANIO IDRICO SPETTA AL SOGGETTO SUL QUALE GRAVA L'OBBLIGO DI CUSTODIA

SPETTA ALL'AMMINISTRAZIONE CONCEDENTE ESPRESSAMENTE AUTORIZZARE, CON IL RILASCIO DI UNA SUB CONCESSIONE, IL RAPPORTO TRA IL CONCESSIONARIO E IL TERZO

È CONSENTITA L'APPOSIZIONE DI FIORIERE SU AREA GRAVATA DA SERVITÙ DI USO PUBBLICO SE NON IMPEDISCONO IL TRANSITO DELLA COLLETTIVITÀ

UN'ATTIVITÀ DI DISCOTECA ALL'APERTO CHE IMPEDISCE LA LIBERA ATTIVITÀ BALNEARE GIUSTIFICA LA DECADENZA DELLA CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA

LA SDEMANIALIZZAZIONE TACITA DI UN'OPERA IDRAULICA È AMMISSIBILE NEL REGIME ANTERIORE ALLA L. 37/1994 PURCHÈ RISULTI DA ATTI UNIVOCI E CONCLUDENTI

SERVITÙ DI USO PUBBLICO SU STRADA INTERPODERALE: NON BASTA L'USO DI TERZI MA SERVE L'ANIMUS DICANDI AD PATRIAM

IL POTERE ESERCITATO IN CASO DI DISDETTA DI CONCESSIONE DEMANIALE SI CARATTERIZZA PER AMPIA DISCREZIONALITÀ SINDACABILE PER ILLOGICITÀ O TRAVISAMENTO

L'USO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE NON PUÒ ESSERE LIMITATO AGLI ORARI DI APERTURA DEL CENTRO COMMERCIALE

SI CONSIDERANO DEFINITIVE LE DECISIONI COMMISSARIALI CHE RISOLVANO QUESTIONI CONCERNENTI ESISTENZA, NATURA O ESTENSIONE DEI DIRITTI DI USO CIVICO

LA PRESUNZIONE DI DEMANIALITÀ DI CUI ALLA L. 2248/1865, ART. 22, ALL. F) SI RIFERISCE SOLO ALLE AREE PERTINENZIALI DELLE STRADE PUBBLICHE

LE OPERAZIONI PERIODICHE DI SVUOTAMENTO DEL DEPOSITO CIMITERIALE RIENTRANO TRA LE ATTIVITÀ DI GESTIONE DEL CIMITERO, CON ONERI A CARICO DEL CONCESSIONARIO

LA CONCESSIONE DI SUPERFICI NON PRODUTTIVE È SOGGETTA A CANONE TABELLARE ANCHE SE POSSONO REGGERE STRUTTURE PRODUTTIVE

GLI ATTI CON CUI VIENE DISPOSTA LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRADE E VENGONO COMPILATI I RELATIVI ELENCHI NON SONO ASSOGGETTATI A NOTIFICA INDIVIDUALE

LA SERVITÙ DI USO PUBBLICO PUÒ GRAVARE IL FONDO PRIVATO E LA P.A PUÒ ESERCITARE I POTERI VOLTI A GARANTIRE L'USO DELLA STESSA DA PARTE DEI CITTADINI

PER IL SUBINGRESSO NELLA CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA NON PUÒ OPERARE IL SILENZIO ASSENSO: OCCORRE UN PROVVEDIMENTO ESPRESSO

PER L'ATTRIBUZIONE DEL CARATTERE DI DEMANIALITÀ COMUNALE AD UNA VIA PRIVATA È NECESSARIO UN TITOLO DI ACQUISTO DELLA PROPRIETÀ

LA RIDUZIONE DELLA FASCIA INEDIFICABILE NELLA ZONA DI RISPETTO CIMITERIALE È ATTIVABILE DAI PRIVATI SOLO PER RECUPERO O CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO

V.I.A. SUGLI IMPIANTI IDROELETTRICI: GIURISDIZIONE DEL TSAP ANCHE SULLE CONTROVERSIE CONCERNENTI I RISCHI DI COMPROMISSIONE PER LA QUALITÀ DELLE ACQUE

IL COMUNE PUÒ PRETENDERE UN CANONE EX ART. 27 C.D.S. PER L'USO O L'OCCUPAZIONE DELLE STRADE ANCHE SE SIA GIÀ CORRISPOSTA LA TOSAP O LA COSAP

È LEGITTIMA L'ORDINANZA CONTINGIBILE E URGENTE FONDATA SULLA NECESSITÀ DI USARE UNA STRADA COME PUBBLICA VIA DI FUGA

ALL'INTERNO DEL PERIMETRO DEI CENTRI ABITATI LA COMPETENZA AL RILASCIO DELL'AUTORIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI PUBBLICITARI È IN TUTTI I CASI DEI COMUNI

IL POTERE-DOVERE DI SGOMBERO DEL BENE CONFISCATO ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA PRESCINDE DALLA PREVIA ADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO DI DESTINAZIONE

LA CONCESSIONE PER OCCUPAZIONE DI UN'AREA PUBBLICA NON INGLOBA IN SÉ ANCHE IL PERMESSO DI COSTRUIRE

L'INDICAZIONE DELLA STRADA NELL'ELENCO DELLE STRADE COMUNALI NON È SUFFICIENTE AL FINE DI ACCERTARNE LA NATURA PUBBLICA

LA MORTE DEL FONDATORE NON COMPORTA L'ESTINZIONE DELLA CONCESSIONE CIMITERIALE MA SOLO IL TRASFERIMENTO DELLA SUA TITOLARITÀ IN CAPO AGLI EREDI

LA SDEMANIALIZZAZIONE TACITA DI UNA STRADA DEVE RISULTARE DA COMPORTAMENTI UNIVOCI CHE DIMOSTRINO CON CERTEZZA LA RINUNCIA ALLA SUA FUNZIONE PUBBLICA

LE DISPOSIZIONI DI PROROGA AUTOMATICA DELLE CONCESSIONI DEMANIALI MARITTIME DEVONO ESSERE DISAPPLICATE

IL CANONE PER L'INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SOSTITUTIVO DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ NE CONSERVA LA QUALIFICA DI TRIBUTO

LE OPERE NON AGEVOLMENTE RIMUOVIBILI SONO DEVOLUTE ALLO STATO ALLA SCADENZA DELLA CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA ANCHE IN CASO DI RINNOVO

L'ALTERAZIONE DEL BENE IN CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA COSTITUISCE DI PER SÉ MOTIVO SUFFICIENTE A FONDARE LA DECLARATORIA DI DECADENZA

L'INEDIFICABILITÀ PRODOTTA DAL VINCOLO CIMITERIALE PUÒ VENIRE RIMOSSA SOLO IN IPOTESI ECCEZIONALI E PER CONSIDERAZIONI DI INTERESSE PUBBLICO

PIP: LA CONVENZIONE DI ASSEGNAZIONE DEL SUOLO AL MEDESIMO PROPRIETARIO COSTITUISCE SERVITÙ PUBBLICA

GLI IMPIANTI SPORTIVI APPARTENGONO AL PATRIMONIO INDISPONIBILE DEGLI ENTI PUBBLICI AI SENSI DELL'ART. 826, COMMA 3, DEL CODICE CIVILE

IL PRESUPPOSTO SIA DELLA TOSAP CHE DEL COSAP È L'OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO CHE COMPORTI UN'EFFETTIVA SOTTRAZIONE DELLA SUPERFICIE ALL'USO PUBBLICO

LA TOSAP RAVVISA IL PROPRIO PRESUPPOSTO NELL'OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO CHE COMPORTI EFFETTIVA SOTTRAZIONE DELLA SUPERFICIE ALL'USO PUBBLICO

È IRRILEVANTE CHE L'ABUSO SUL SUOLO DEMANIALE SIA UTILIZZATO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

STRUTTURE PER LA NAUTICA DA DIPORTO: LA CONCESSIONE DEVE ESSERE RILASCIATA PREVIO CONFRONTO CONCORRENZIALE

LA TUTELA DELL'AFFIDAMENTO DEGLI OPERATORI BALNEARI NELLA PROROGA DELLE CONCESSIONI DEMANIALI MARITTIME È DI COMPETENZA RISERVATA ALLA LEGGE STATALE

IL RILASCIO DI NUOVA CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA CON FINALITÀ DI SFRUTTAMENTO ECONOMICO VA ASSOGGETTATO A PROCEDURA SELETTIVA PUBBLICA

L'USUCAPIONE PUBBLICA PUÒ INIZIARE A DECORRERE SOLO DOPO L'ENTRATA IN VIGORE DEL DPR 327/2001